Sclerosanti


Autore: dott. Di Mattei Di Matteo Oreste

Le sclerosanti sono le soluzioni che si usano nella terapia sclerosante, un trattamento usato per fronteggiare in modo efficace le problematiche legate ai vasi sanguigni.
Questa particolare procedura medica, la scleroterapia, sebbene si usi nella grande maggioranza dei casi per ragioni di carattere puramente estetico, può rivelarsi assai preziosa anche per contrastare gonfiori e disturbi localizzati.

 

Sclerosanti: la scleroterapia


La scleroterapia prevede che si iniettino una schiuma o una soluzione nelle vene.
L'iniezione è guidata da un ecografo, che consente di trattare più di una vena nella stessa seduta in anestesia locale.
Le vene varicose, dovrebbero svanire dopo poche settimane dal trattamento, ma Potrebbero essere necessari più trattamenti e c'è la possibilità che la vena possa ricomparire.

 

Sclerosanti: come si esegue


La scleroterapia, può essere eseguita esclusivamente da professionisti esperti, si fonda sull’impiego di apposite sostanze, le cosiddette “sclerosanti”.
Le sclerosanti, vengono iniettate attraverso degli appositi aghi direttamente nelle vene che necessitano di tale trattamento.
Queste particolari soluzioni chimiche iniettabili, le sclerosanti, iniettate nei vasi sanguigni danneggiati (vene, arteriole o capillari) li grazie al loro meccanismo d’azione, li ostruiscono e li chiudono.
Nello specifico, le sostanze impiegate nelle terapie sclerosanti agiscono irritando il rivestimento del vaso sanguigno provocandone il rigonfiamento e successivo effetto coagulante; il risultato finale di questo processo è l’attenuazione dell’inestetismo causato dai vasi e vene danneggiati.

 

Sclerosanti: le cause


I vasi sanguigni danneggiati sono un problema che può presentarsi in modi diversi.
Hanno un’influenza importante sulla salute delle vene:

  • fattori di carattere ereditario

  • lo stile di vita condotto

  • Il fumo

  • l’alcol

  • l’uso di determinate tipologie di medicinali

  • l’invecchiamento biologico (le vene varicose o simili vengono a presentarsi con un’incidenza ben superiore tra le persone non più giovani).

  • l’obesità

  • l’abitudine a trascorrere lunghe ore in piedi

  • gravidanza

  • menopausa

  • malattie infiammatorie della cute, come la rosacea

  • esposizione ai raggi solari può rivelarsi allo stesso modo un fattore negativo

  • assunzione di contraccettivi orali (secondo molti medici, può favorire l’insorgere di questi problemi)


Sclerosanti: l’insufficienza venosa


L’insufficienza venosa si manifesta quando il sangue venoso in circolazione ristagna a causa di una eccessiva pressione e la funzione di drenaggio è compromessa.
L’insufficienza venosa è causata anche da un danno alle valvole venose che normalmente impediscono il reflusso di sangue.

 

Sclerosanti: perché si rompono i capillari e si formano le vene varicose?


Alcuni fattori possono determinare l'insorgenza e la formazione di capillari e di vene varicose, le cause più comuni di fragilità capillare sono: 

  • Pressione alta (Le oscillazioni pressorie, influiscono sul drenaggio del sangue contribuendo così alla formazione sia dei capillari rotti che delle vene varicose).

  • Indebolimento delle pareti dei vasi

  • Età

  • Sistema endocrino e dosaggi ormonali

  • Obesità

  • Peso yo-yo, l’aumento e la perdita repentina di peso ripetuta nel tempo

  • Sforzo fisico

  • Esposizione al sole

  • Forza di gravità


Quali problematiche sono risolvibili con le sclerosanti


Attraverso la scleroterapia è possibile contrastare problemi di varia natura:

  • Le vene varicose, come noto, sono un difetto che riguarda gli arti inferiori, e consiste in delle dilatazioni delle vene piuttosto evidenti ed antiestetiche in cui i vasi in questione si presentano visibilmente gonfi e tortuosi.

  • Le teleangectasie sono, un problema dei vasi sanguigni che può essere contrastato con la terapia sclerosante, e riguarda soprattutto capillari e altri vasi di dimensioni molto piccole. Laddove si manifesti un caso di teleangectasie, i vasi in questione risultano piuttosto evidenti, per quanto di piccole dimensioni, e comportano l’insorgere di evidenti discromie legate al processo infiammatorio cui la pelle è interessata.

  • Emorroidi, cuscinetti vascolarizzati che si trovano nella parte terminale dell’intestino retto e che possono comportare una perdita di mucosa.


Sclerosanti: trattamenti


Purtroppo, una volta che i capillari si sono rotti, i trattamenti conservativi, come i farmaci, integratori orali e prodotti topici, sono poco efficaci.

 

Quali risultati offre la terapia sclerosante


I trattamenti sclerosanti, sono importanti soprattutto dal punto di vista estetico: il fatto che sulle gambe o in altri punti del corpo risultino ben visibili dei vasi sanguigni, magari anche piuttosto gonfi come nel caso delle vene varicose, può costituire un grande disagio nella persona interessata dal problema, al punto da evitare, per quanto possibile, di scoprirsi.

Oltre all’aspetto estetico, i trattamenti sclerosanti possono consentire di alleviare diversi fastidi come:

  • pesantezza

  • spossatezza

  • gonfiori localizzati

  • discromie della cute


Sclerosanti: effetti collaterali


La scleroterapia può presentare alcuni effetti collaterali, tra cui:

  • Coaguli di sangue in altre vene delle gambe

  • Mal di testa

  • Mal di schiena

  • Macchie della pelle

  • Svenimento

  • Problemi di vista (temporanei)

  • ictus o attacchi ischemici transitori


La terapia sclerosante, in generale, è sicura, ma ci si deve affidare ad un professionista che vanti un bagaglio di esperienza specifica piuttosto importante.

Effetti collaterali, possono insorgere, per quanto nella grande maggioranza dei casi sono transitori.

Se ci si sottopone ad una terapia sclerosante può accadere che si verifichino:

  • infiammazioni

  • reazione allergica

  • grumi di sangue

  • macchie cutanee

  • neo vascolarizzazione


Sclerosanti: dopo il trattamento


Il trattamento di scleroterapia consente di tornare subito alle normali attività.
Si dovranno indossare calze a compressione graduata o bende per 1 settimana.

Al termine dell’intervento, in ogni caso, è importantissimo seguire con attenzione i suggerimenti del medico: tra i consigli più comuni da seguire ci sono:

  • bagni caldi

  • esposizioni ai raggi solari

  • saune


Evitare di esporsi a importanti fonti di calore sarà per un periodo che il medico saprà certamente specificare con la dovuta precisione.

I trattamenti sclerosanti consentono di migliorare l’aspetto della pelle delle zone colpite dagli inestetismi legati alle vene e capillari. 

Di Mattei Di Matteo Oreste

Autore

Farmacia

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x