Come ridurre il dolore dei trattamenti estetici

Come ridurre il dolore dei trattamenti estetici


Lun 20/04/2020 | Dott. Domenico Piccolo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

di Johanna Rossi Mason e Francesca Frediani


 

Con la consulenza scientifica del Dottor Domenico Piccolo, Dermatologo e titolare degli Skin Center di Pescara, L’Aquila e Avezzano. Vice Presidente della Società Italiana di Laser Dermatologia (SILD).

 

Quasi tutte le procedure estetiche possono avere un diverso grado di dolore o fastidio per il paziente, anche se il dolore è un fenomeno estremamente soggettivo. Ciascuno di noi infatti ne ha una ‘soglia’ più o meno alta che rende più o meno sopportabili gli stimoli.

Una soluzione personalizzata al dolore


Alcune persone rinunciano ai trattamenti di medicina estetica proprio per paura degli aghi e della sofferenza. In realtà le soluzioni non solo esistono, ma sono numerose, vediamo allora quali sono con la collaborazione del Dottor Domenico Piccolo, Medico Dermatologo.

“Definire una strategia per limitare il dolore durante e dopo il trattamento rende più facile il lavoro al medico che opera su una persona rilassata e più confortevole per il paziente. La prima tecnica, quando la procedura è breve e non troppo dolorosa, è quella di distrarre il paziente parlando di argomenti diversi e facendo domande su argomenti di suo interesse. La chiamano ‘talkesthesia’ ossia anestesia con la parola e agisce perché il cervello non è in grado di concentrarsi contemporaneamente su due cose. Se il paziente è impegnato a raccontare qualcosa che lo riguarda, sarà meno concentrato sulla paura del trattamento.
In realtà infatti, in molti casi il dolore non è oggettivo ma viene amplificato dall’ansia e della paura che lo anticipano. Parlare, fare domande e chiedere al paziente cose piacevoli interrompe la trasmissione dell’ansia e spesso basta a svolgere il trattamento senza problemi”.

La vibrazione che distrae il cervello


Una alternativa alla parola è utilizzare un massaggiatore facciale vibrante in una zona lontana da quella in cui si sta eseguendo il trattamento: lo stimolo confonde le fibre nervose e chiude le porte dei segnali dolorosi che raggiungono il cervello.
Alternativa economica e spesso efficace è quella di far schiacciare una pallina di gomma. Se il cervello è bombardato da più stimoli contemporaneamente silenzia alcuni segnali tra cui quelli del dolore.
Sono stati anche messi a punto dispositivi iniettivi che generano contemporaneamente una vibrazione al fine di creare un’esperienza del trattamento quasi indolore, producendo una leggera vibrazione sulla parte. Quando la vibrazione e le sensazioni di iniezione si verificano nello stesso tempo, la sensazione di vibrazione raggiunge prima il cervello, impedendo che l’iniezione venga percepita.
Un fenomeno ben noto nella percezione del dolore è l’interferenza inibitoria prodotta da uno stimolo doloroso su un altro: un dolore intenso o di lunga durata che affligge una parte del corpo - può sopprimere una percezione in un’altra sede - come una lieve scarica elettrica su una mano o un altro dolore che appare in concomitanza al primo.

Lidocaina mon amour


In alternativa prima di iniettare un filler o fare una seduta laser è possibile applicare una crema anestetica (principalmente lidocaina, tetracaina e prilocaina in differenti concentrazioni) sulla parte da trattare e attendere una ventina di minuti che faccia effetto.
La lidocaina, il più comune principio attivo usato in questi casi, è spesso anche aggiunta ai filler dermici in commercio in modo da rendere la procedura il più delicata possibile. L’effetto combinato rende i trattamenti assolutamente indolori con buona pace di tutti. Considerato anche che ci sono zone del volto molto più sensibili al dolore perché innervate intensamente, tra queste sicuramente il contorno delle labbra e la base del naso, i filler contenenti lidocaina sono ora particolarmente utilizzati a causa delle numerose richieste di aumento del volume del vermiglio e dal rinofiller per alzare la punta del naso e ingentilire il profilo.

Il buon vecchio ossido nitrico e tutto passa con una risata


Un rimedio molto noto in odontoiatria è l’uso dell’ossido nitrico, anche conosciuto con il termine di ‘gas esilarante’: la sua somministrazione con una mascherina genera un senso di calma e euforia per alcuni minuti e in qualche modo agisce sul dolore che rimane sullo sfondo, mitigato e perfettamente sopportabile.

Le donne soffrono di più, colpa degli ormoni


Va detto che il dolore nelle donne viene percepito diversamente a seconda del periodo del ciclo mestruale: i test di laboratorio hanno stabilito che le donne, a parità di stimoli, hanno una soglia più bassa nella percezione del dolore ed una minore tolleranza della sofferenza fisica. Differenza determinata anche dagli ormoni sessuali: durante il ciclo mestruale infatti la maggiore percezione del dolore si ha in genere in corrispondenza del periodo ovulatorio, quando aumenta il livello del progesterone e quello degli estrogeni è ancora abbastanza alto.

Paura e ansia: argomenti che migliorano la comunicazione medico-paziente


Limitare al massimo il dolore e il disagio del trattamento è un argomento da tenere ben presente nel rapporto con il paziente e che va discusso prima di qualsiasi intervento favorendo l’emergere di dubbi e domande. Un trattamento che risulti doloroso diventa sgradito e verrà evitato in futuro per quanto buono possa essere stato il risultato estetico” - conclude il Dottor Piccolo - “sottovalutare e liquidare le paure e le ansie dei pazienti non è etico e deteriora il rapporto. Il dolore risulta ancor più inaccettabile in funzione del fatto che le procedure di cui ci occupiamo non sono necessarie a curare una patologia ma sono in qualche modo ‘volontarie’, e se è vero che chi chiede ritocchi estetici è in genere  fortemente motivato, non è corretto non dare una risposta adeguata al suo bisogno di effettuare la procedura nella maniera più rilassata e indolore possibile”.

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO

Piccolo Domenico

Autore

Dermatologia,Medicina estetica

Pescara (PE)


Articoli correlati

Medicina Estetica

Mer 16/09/2020 | Dott. Francesco Ricciuti

Medicina Estetica

Mar 25/08/2020 | Dott. Fabio Corazzi

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x