Doppio mento: affligge una persona su otto

Doppio mento: affligge una persona su otto


Lun 20/04/2020 | Dott. Ippolito Savì

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

di Johann Rossi Mason e Francesca Frediani


 

Con la consulenza scientifica del Dottor Ippolito Savì, Medico Estetico presso Polimedica Laser di Sant’Arcangelo di Romagna (RN).

 

Succede in Gran Bretagna dove un sondaggio condotto da una azienda che produce laser ha rivelato che il 12,2% degli inglesi vorrebbe eliminare il grasso ed il cedimento cutaneo sotto al mento.

Dieta inefficace per il doppio mento


Quasi la metà (il 46,6%) vorrebbe provare a liberarsi del doppio mento con dieta ed esercizio fisico sperando che la perdita di peso alleggerisca anche il terzo inferiore del volto.

Ma purtroppo, questa area in particolare, è resistente al semplice cambiamento dello stile di vita. Quello che si accumula sotto al mento infatti è grasso ‘primario’. Quello ‘primario’ anche chiamato ‘essenziale’ rappresenta la quota di adipe contenuta negli organi come sistema nervoso centrale, nel midollo osseo, nelle ghiandole mammarie, nei reni, nella milza ed in altri tessuti e distretti.

Resiste alle diete perché l’organismo lo considera necessario alla sopravvivenza e alla buona salute, come quella quota di grasso femminile destinato secondo l’evoluzione alla procreazione. Questo tipo di grasso essenziale possiede un ruolo fisiologico di primaria importanza, al punto da essere considerato la minima percentuale di massa grassa compatibile con uno stato di buona salute (la donna ne ha il 12% contro il 3-5% dell'uomo).

Un eccesso di grasso primario


“Tecnicamente il doppio mento altro non è che un eccesso di tessuto adiposo al di sotto della mandibola e in prossimità del collo” racconta il Dottor Ippolito Savì, Medico Estetico.

“Procedure di nuova concezione come i trattamenti ad ultrasuoni microfocalizzati ecoguidati rappresentano realmente una alternativa alla chirurgia quando il doppio mento è ancora di entità moderata.

Gli stimoli emessi da questi dispositivi producono una specie di ‘danno controllato’ al derma e al tessuto adiposo, cui fanno seguito una cascata di processi fisiologici, come la creazione di nuovo collagene, processo che gli anglosassoni hanno definito Skin Tightening e che negli Stati Uniti è attualmente considerato il ‘gold standard’ per il lifting non chirurgico.

L’uso di ultrasuoni ecoguidati è eseguito in una sequenza regolare di emissione che copre una determinata area in maniera uniforme e omogenea. Il trattamento fornisce uno stimolo di profonda rigenerazione che in tre settimane provoca la produzione di fibroblasti e nuovi filamenti di collagene, la più importante proteina di sostegno della pelle, che perdura nei 90 giorni successivi al trattamento e i cui effetti si prolungano per un periodo variabile tra i 12 e i 24 mesi. Passato questo periodo è necessario ripetere il trattamento per innescare un nuovo processo di biostimolazione.

Per apprezzare i risultati del trattamento che non sono immediati proponiamo ai pazienti un’ampia galleria di foto prima e dopo e scattiamo delle foto che mettiamo a confronto con quelle effettuate al momento del controllo. Questo permette alle persone di vedere concretamente le differenze nello spessore, la texture della pelle e la quantità dei cedimenti. Ovviamente i risultati sono direttamente proporzionali al numero di ‘colpi’ erogati dal dispositivo che vede in collo e mente due delle indicazioni ideali”.

Può essere spia di problemi più importanti


Per quanto esteticamente sgradito il doppio mento ha ben altre criticità e può essere la spia di problemi medici. Un accumulo di grasso intorno al volto e al collo può portare a problemi respiratori e apnee del sonno proprio dovute alla pressione e al peso che gravano sulle alte vie respiratorie.

Ma non è solo l’eccesso di peso a essere sul banco degli imputati: anche soggetti con un indice di massa corporea normale possono presentare un eccesso di tessuto sulla parte inferiore del volto: età e cedimento dei tessuti, cattiva postura, predisposizione genetica, esposizione al sole e fumo possono contribuire al fenomeno.

Scarsa accettazione di sé e autostima in calo


Il doppio mento è un inestetismo che risulta meno sopportabile anche di rughe e borse sotto gli occhi. La pelle cadente sotto al viso fa sentire uomini e donne poco attraenti e mina la loro autostima.

“Se il mento cade verso il basso le soluzioni chirurgiche sono la liposuzione per i casi moderati e il lifting del terzo inferiore ‘cervicale’ del volto per i casi più gravi” - prosegue Savì - “Il medico infatti, nel proporre la metodica più opportuna, deve tener conto delle differenti caratteristiche del paziente, quali età, tipo di pelle ed entità dell'accumulo adiposo stesso oltre a preferenze rispetto all’approccio che può essere più o meno invasivo”.

Se la quantità di tessuto adiposo è cospicua o i tessuti presentano una lassità cutanea severa i trattamenti non chirurgici non sono più efficaci e il rimedio deve prevedere la chirurgia. Eliminare l’eccesso di adipe non basta: è necessario infatti che il tessuto svuotato preveda il riposizionamento della pelle in eccesso onde evitare l’effetto ‘collo di tacchino’.

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO

Savì Ippolito

Autore

Medicina estetica

Santarcangelo di Romagna (RN)


Articoli correlati

Ultrasuoni microfocalizzati

Mer 16/09/2020 | Dott. Francesco Ricciuti

Ultrasuoni microfocalizzati

Mar 25/08/2020 | Dott. Fabio Corazzi

Ultrasuoni microfocalizzati

Ven 31/07/2020 | Dott. Ludovico Palla

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x