Bioristrutturazione con idrossiapatite di calcio

Bioristrutturazione con idrossiapatite di calcio


Mar 19/03/2019 | Dott. Samer Al Jalbout

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Nella mia attività quotidiana, spiega il dott. Samer Al Jalbout, aumenta sempre di più la richiesta di trattamenti di ringiovanimento contraddistinti dalla naturalezza.


I trend attuali sono orientati verso un aspetto fresco e giovanile senza stravolgere i propri connotati.


È proprio per questo motivo che è stata idealizzata la tecnica di bioristrutturazione. Si tratta di una metodica di medicina estetica minimamente invasiva che prevede l’iniezione tramite aghetti sottili di un cocktail di sostanze innovative nel derma. Il risultato è quello di un viso più illuminato, idratato e soprattutto compattato. La paziente ha una ripresa immediata della sua vita sociale giovando di un risultato fresco e ammaliante. La bioristrutturazione cutanea è un trattamento utilizzato per ripristinare la normale compattezza dei tessuti del viso. È possibile, con prodotti specifici, eseguire una vera e propria "ricostruzione" del volume e delle proporzioni del viso stimolando la sintesi graduale di nuovo tessuto connettivo con risultati stabili nel tempo.


Idrossiapatite di calcio, alleata della bioristrutturazione viso


In questo ambito, continua il dott. Samer Al Jalbout, è proprio la molecola di idrossiapatite di calcio che risulta essere protagonista. Sostanza biocompatibile, sicura e completamente riassorbibile, essa consente alla pelle non soltanto di idratarla (concetto di biorivitalizzazione cutanea) ma anche di ridensificarla permettendo di creare nuovo collagene intrinseco.


Quando iniettate sotto la pelle, le microsfere di idrossiapatite di calcio agiscono come una struttura di supporto che "riempie" le rughe. Oltre a questa capacità di riempimento, nel tempo i benefici continuano perché l’idrossiapatite di calcio stimola il corpo a produrre nuovo collagene. Il collagene e l'elastina sono proteine ​​che il corpo produce per sostenere la struttura della pelle, donando alla pelle una sensazione di turgore e compattezza.


L'idrossiapatite di calcio iniettabile ha ricevuto l'approvazione della FDA nel 2006 per la correzione della lipoatrofia facciale (perdita localizzata di tessuto adiposo sottocutaneo) e delle rughe facciali da moderate a gravi. I filler di idrossiapatite di calcio hanno vantaggi unici rispetto ad altri filler per quanto riguarda la durata dell'azione e la quantità di prodotto richiesto.


Il filler con idrossiapatite di calcio viene iniettato sotto la pelle in una procedura rapida che può essere eseguita durante l'ora di pranzo.


Immediatamente dopo l'iniezione, l’idrossiapatite di calcio ripristina il volume per attenuare i segni dell'invecchiamento. I risultati dall'aspetto naturale possono durare fino a un anno o più in molti pazienti.


Questa innovazione in campo di trattamenti estetici segna l’inizio dell’era di Well ageing, ovvero il concetto di invecchiare in buona salute. La fisionomia del volto viene rispettata, la paziente mantiene la propria identità senza andare incontro a modifiche ‘’plastiche’’. Apparire più freschi e giovanili mantenendo le proprie caratteristiche fisionomiche è sicuramente oggi giorno la firma di un grande lavoro estetico svolto con maestria!


Il caso di Paola


Per l’appunto, prosegue il dott. Samer Al Jalbout, qualche giorno fa si presenta nel mio studio la signora Paola C., donna di 54 anni che lavora a contatto con il pubblico. L’esame clinico della pelle del viso ha evidenziato una cute asfittica, sottile con perdita di tono e di colore. In effetti, Paola mi conferma di aver fatto diverse lampade solari nella sua vita e di aver fumato per tanti anni. Mi confessa anche di aver eseguito diverse sedute di biorivitalizzazione viso senza mai ottenere risultati soddisfacenti. A tal punto, considerando lo stato clinico della paziente ed il suo desiderio di migliorare la qualità della cute senza dare volumi, le propongo la tecnica di bioristrutturazione viso tramite idrossiapatite di calcio. Dopo aver svolto due sedute distanziate di un mese, ha ottenuto un risultato interessante: pelle tonica, levigata, turgida e luminosa; ma non solo, Paola era decisamente soddisfatta!


È proprio per questo motivo che oggi giorno, dove la medicina estetica affascina sempre di più - conclude il dott. Samer Al Jalbout - è bene ricordarsi l’importanza di rivolgersi allo specialista per farsi consigliare il trattamento più adeguato.

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO

Al Jalbout Samer

Autore

Dermatologia,Medicina estetica

Castel San Pietro Terme (BO)


Articoli correlati

Filler Viso

Mer 16/09/2020 | Dott. Francesco Ricciuti

Filler Viso

Mar 25/08/2020 | Dott. Fabio Corazzi

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x