Nuovi trend in medicina estetica: il “filler inverso”

Nuovi trend in medicina estetica: il “filler inverso”


Lun 05/10/2020 | Dott. Stefania Guida

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Quando si parla d’invecchiamento cutaneo si pensa subito alle rughe, ma in realtà nel volto sono diverse le cose che cambiano con l’età. Non è solo una questione di rughe, ma del cambiamento del tessuto cutaneo nel suo complesso.

La pelle è formata essenzialmente da due strati, tra cui epidermide e derma, che poggiano sull’ipoderma, o tessuto sottocutaneo, poi muscoli e ossa. I segni dell’invecchiamento dipendono dalle variazioni a carico di ciascuno strato e sono influenzati da fattori genetici, quindi legati alla predisposizione individuale, e dallo stile di vita, tra cui l’esposizione solare, il fumo, le notevoli variazioni di peso.

L’epidermide è lo strato più esterno ed è lì che si vedono i segni dell’invecchiamento, ma essi sono spesso il risultato di quello che avviene a livelli più profondi.

Il derma è formato da tessuto connettivo di sostegno e riempimento per l’epidermide. È costituito principalmente da fibre di collagene ed elastina, immerse in una matrice gelatinosa che contiene acido ialuronico. Collagene ed elastina sono disposte a formare una rete di sostegno, mentre l’acido ialuronico è responsabile del mantenimento del turgore e dell’idratazione dell’epidermide. L’acido ialuronico ha la capacità di legare a sé moltissime molecole di acqua, per cui rende la pelle morbida, luminosa ed elastica.

L’ipoderma o tessuto sottocutaneo è formato prevalentemente da tessuto muscolare e da tessuto adiposo, che poggiano sulla struttura ossea.

Più si va avanti con l’età, più i vari strati subiscono una serie di cambiamenti che fanno apparire il volto più stanco. Anche l’espressione cambia e sembra diventare più triste. Nello stesso tempo, le rughe di espressione si accentuano.

Quello che accade è che si abbassano le concentrazioni di collagene, elastina ed acido ialuronico. Il tessuto adiposo sottocutaneo tende ad assottigliarsi, il tessuto muscolare cambia il suo tono e l’osso va incontro ad un lieve riassorbimento. Questo porta il volto a perdere il proprio ovale: i lineamenti appaiono cadenti, perché i volumi si svuotano e, perdendo tonicità, scivolano verso il basso.

Spesso quindi non sono tanto le rughe a dare al volto un aspetto invecchiato, quanto le perdita dei volumi e del disegno del terzo inferiore del volto, che comprende zigomi, guance e linea del mento.

Andare ad “appianare” le singole rughe, senza preoccuparsi di ripristinare volumi ed ovale del terzo inferiore del volto, non è sufficiente a conferire al viso un aspetto più fresco, più giovane e soprattutto più sorridente. È questo il principio sul quale si basa il cosiddetto “filler inverso”.

 

Di cosa si tratta?


Il filler inverso è un trattamento di medicina estetica non invasivo, che utilizza riempitivi a base di acido ialuronico, per ridefinire il terzo inferiore del viso con risultati estremamente naturali.

Se cancelliamo le rughe della fronte, ma non ci preoccupiamo di ridefinire volume e ovale del terzo inferiore del volto, avremo come risultato un viso senza rughe, ma comunque dall’aspetto stanco e spento. Se invece andiamo a riempire i tessuti laddove sono svuotati o cadenti, riusciamo a risollevare i lineamenti e a dare al viso un aspetto più giovane, fresco e radioso.

Con il termine filler inverso si intende proprio questo: non un risultato “statico” limitato ad alcune zone del volto, ma un intervento “inverso”. Praticamente, invece di limitarsi a eliminare le rughe sulla fronte, andare a ridefinire le linee del contorno del viso migliorandone l’aspetto globale in modo naturale.

 

A chi è rivolto


È rivolto a tutte le persone, sia uomini che donne, che vogliano ridefinire le linee del contorno del volto in seguito ad una perdita di tono/elasticità dovuta al naturale invecchiamento oppure a seguito di importante perdita di peso.

 

Il trattamento


Viene eseguito in ambito ambulatoriale tramite iniezioni di filler a base di acido ialuronico o idrossiapatite di calcio riassorbibile. È ben tollerato dal paziente.
Il trattamento è minimamente invasivo e si svolge in circa dieci minuti/mezz'ora.

 

I benefici


Il filler inverso è uno degli ultimi trend in medicina estetica, e si propone non solo di ringiovanire il volto, ma anche di renderlo più radioso e sorridente.
Inoltre viene spesso utilizzato per rimodellare senza creare volumi eccessivi, riesce a dare giovinezza e naturalezza in un unico trattamento.
I benefici maggiori di questa tipologia di trattamento sono:

  • La formazione di nuovo collagene dove viene eseguito il trattamento.

  • Effetto tensore.

  • Luminosità e grana della pelle migliorata.

  • Le zone svuotate sono rimpolpate.

  • È un trattamento che dura nel lungo periodo.


 

 

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO


Articoli correlati

Filler Viso

Mar 13/10/2020 | Dott. Gino Luca Pagni

Filler Viso

Lun 12/10/2020 | Dott. Alessia Baroni

Filler Viso

Lun 12/10/2020 | Dott. Daniela Marciani

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x