Rimodellare il corpo con la liposcultura

Rimodellare il corpo con la liposcultura


Lun 27/10/2014 | Dott. Melania Battistella

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Guardarsi allo specchio e sentirsi in perfetta armonia con se stessi ed il proprio corpo oggi si può.


Proprio come uno scultore con la propria creazione andrà a limare i difetti alla ricerca della perfezione e del dettaglio così la chirurgia interviene su diverse parti del corpo.                                                                                          
Il risultato? Una ridefinizione della silhouette: la liposcultura.


 I depositi di grasso non sono una prerogativa delle sole donne ma anche gli uomini ne sono colpiti, anche se in zone diverse. E’ il nostro DNA a dettare le regole in termini di disposizione: nella donna (tipologia ginoide) sono più interessati fianchi cosce ginocchia braccia, nell’uomo (tipologia androide) i punti critici saranno fianchi, addome, torace e pettorali. L’accumulo di adipe in fase di sviluppo avviene in termine di replicazione degli adipociti, dopodiché questi non faranno altro che aumentare di volume se si assume uno stile di vita non proprio corretto o quando intercorrono squilibri ormonali.


Ebbene la chirurgia del rimodellamento corporeo attraverso la liposcultura può trattare queste e altre aree e arriva dove, nonostante impegno e sforzi, alimentazione ed esercizio fisico non bastano.                                      
Questa non si presenta come un’alternativa alla dieta o allo sport; entrambi questi fattori devono essere controllati perché aiutano a mantenere e migliorare i risultati ottenuti anche perché con questo intervento non si perderà peso ma si riconquisteranno le forme. C’è di fatto che le cellule adipose eliminate grazie alla liposuzione non possono riformarsi quindi il grasso eliminato non tornerà più.


La liposcultura è un’evoluzione della liposuzione, quindi di base il grasso viene aspirato.                      
Andando indietro nel tempo vediamo che la tecnica utilizzata era la liposuzione secca che prevedeva l’uso di cannule piuttosto grandi, si perdevano grandi quantità di sangue, si poteva aspirare solo il grasso ma in modo grossolano e neppure molto ed era nel complesso abbastanza invasiva.


Si arriva alla tecnica tumescente che migliora in qualità di cannula, introduce sostanze vasocostrittrici che riducono la perdita ematica e aumentano la quantità di grasso che può essere aspirato.


Oggi abbiamo la liposcultura che, con cannule sottilissime, è in grado proprio di scolpire laddove ce n’è bisogno, anche negli starti più superficiali.


 In cosa consiste l’intervento di liposcultura?


Le aree da trattare vengono infiltrate con una soluzione contenente anestetico locale e fluidi che garantiscono una maggiore precisione operatoria e una minima perdita di sangue. Si faranno delle piccole incisioni, che possono essere di 2-3 mm, solitamente in zone dove si mascherano facilmente, per permettere alla cannula di penetrare nel pannicolo adiposo. Questa viene guidata dalla mano del chirurgo che procede a ‘scollare’ il grasso dai tessuti circostanti spingendola più o meno in profondità e con determinati movimenti lo frantuma. La sonda al suo apice ha dei fori e può essere collegata o ad un aspiratore o ad una siringa con dentro il vuoto: tramite uno di questi sistemi il grasso viene aspirato fuori.


La chirurgia della liposcultura è indicata per un paziente di peso relativamente normale ma che ha degli accumuli di grasso localizzati in alcune aree.


Dalla quantità di materiale che deve essere asportato e dal numero di zone da trattare si decide anche l’anestesia che sarà locale con sedazione per modeste quantità piuttosto che generale nel caso sia più importante o semplicemente il candidato voglia essere addormentato.


Nel caso in cui l’area sia più estesa l’intervento si può abbinare con una dermolipectomia per avere far si che anche la pelle resti tesa.


Dopo l’intervento si potranno presentare ecchimosi di vario grado ed un leggero gonfiore nelle parti che sono state soggette a liposuzione e il dolore, se presente, può essere tranquillamente controllato con i farmaci. La/il paziente dovrà portare una fascia contenitiva nei giorni successivi e dovrà evitare sforzi , attività troppo faticose e di fare saune o bagni turchi.


I risultati della liposcultura sono apprezzabili già ad una settimana, dopo che si sono smaltiti i liquidi iniettati per poter effettuare l’intervento, e solitamente sono tutti molto soddisfatti
 

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO


Articoli correlati

Liposcultura

Lun 23/11/2020 | Dott. Giulio Giammarioli

Liposcultura

Lun 16/11/2020 | Dott. Giuseppina Ambrosio

Liposcultura

Mar 03/11/2020 | Dott. Caterina Bonarrigo

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x