Accesso
Dottori
HOME >

Vitamine


Mar 31/05/2022 | Redazione Tuame

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

DEFINIZIONE

Le vitamine rappresentano un insieme eterogeneo di molecole organiche che assolvono a numerose funzioni fisiologiche. Tali composti vengono definiti essenziali in quanto, considerata l’incapacità di sintesi dell’organismo, devono necessariamente essere introdotti attraverso la dieta. Nell’ambito della medicina estetica e della dermatologia, le vitamine vengono somministrate soprattutto per stimolare i meccanismi di produzione delle strutture fibrose che costituiscono la porzione dermica della pelle. Le vitamine sono anche potenti antiossidanti in grado di prevenire e ridurre i danni provocati dallo stress ossidativo.

COSA SONO

Le vitamine sono molecole organiche indispensabili per il corretto funzionamento dell’organismo. Il corpo umano, non potendo provvedere alla sintesi delle vitamine autonomamente, deve assumerle tramite l’alimentazione.

Tali composti essenziali possono essere classificati, tenendo conto della natura chimica, in:


  • Vitamine liposubili: sono le vitamine A,D,E e K. Queste molecole organiche hanno la capacità di solubilizzarsi solo all’interno di soluzioni grasse o lipidiche

  • Vitamine idrosolubili: le vitamine del gruppo B (sono 8, in totale) e la vitamina C, al contrario, si sciolgono solo in presenza di soluzioni acquose


NOMI ALTERNATIVI

I nomi alternativi delle principali vitamine sono:

  • Vitamina A: retinolo

  • Vitamina B3: niacina o niacinamide

  • Vitamina B7: biotina

  • Vitamina B9: acido folico o folinico

  • Vitamina B12: cobalamina

  • Vitamina C: acido ascorbico

  • Vitamina D: colecalciferolo

  • Vitamina E: tocoferolo

  • Vitamina K: naftochinone


STORIA

La maggior parte delle vitamine sono state scoperte agli inizi del 900. Tuttavia, la presenza della vitamina C fu già individuata nel corso nel 1700 dal medico scozzese James Lind, mentre conduceva degli studi sullo scorbuto. Le apparecchiature della sua epoca, però, non gli consentirono di dimostrarne l’esistenza.

Nella seconda metà del 900, grazie anche all’intensa attività di ricerca, furono chiariti molti meccanismi fisiologici che coinvolgevano le diverse vitamine. Negli anni 70-80, i medici hanno iniziato ad impiegarle con regolarità nella pratica clinica.

A COSA SERVONO

Affinché determinate reazioni biochimiche possano verificarsi è necessario che alcune vitamine siano presenti nell’organismo nelle giuste concentrazioni. Le vitamine che sono coinvolte in questo tipo di processi vengono definite cofattori enzimatici. Un esempio può essere la vitamina C; la presenza dell’acido ascorbico consente agli enzimi di sintetizzare e modellare correttamente il collagene, uno dei costituenti più importanti dello strato dermico della pelle. Pertanto, alla luce di questo specifico ruolo biologico della vitamina C, è più semplice comprendere come una sua eventuale carenza possa facilmente correlarsi all’origine di sgradevoli inestetismi cutanei.

Molte vitamine, invece, disponendo di spiccate proprietà antiossidanti, trovano impiego in molti ambiti della medicina. L’integrazione delle vitamine, tramite compresse e/o prodotti cosmetici, può rappresentare una valida strategia per contrastare gli effetti negativi dello stress ossidativo. La formazione dei radicali liberi è strettamente associata al grado di stress ossidativo presente nell’organismo.

Le principali cause dell’aumento del livello dello stress ossidativo sono:

  • Esposizioni ai raggi solari: le onde elettromagnetiche del Sole possono provocare la genesi di specie reattive dell’ossigeno (ROS)

  • Tabagismo: il fumo di sigaretta è responsabile dell’insorgenza di danni cellulari irreversibili

  • Consumo di bevande alcoliche: l’alcool etilico è una delle sostante più ossidanti che può essere introdotta attraverso l’alimentazione

  • Dieta povera di frutta e verdura: i vegetali, essendo ricchi di vitamine antiossidanti, offrono una solida difesa contro i radicali liberi


PROPRIETA’ E INDICAZIONI IN MEDICINA ESTETICA E DERMATOLOGIA Le vitamine vengono impiegate in medicina estetica e in dermatologia per limitare o ridurre gli inestetismi della pelle associati ai processi di senescenza. L’assunzione di queste molecole organiche avviene sostanzialmente mediante:

  • Integratori alimentari: il medico può consigliare l’integrazione delle vitamine attraverso l’ingestione di specifici integratori alimentari, per un periodo di tempo variabile

  • Prodotti cosmetici: per beneficiare degli effetti delle vitamine è possibile applicare delle creme apposite sulla regione cutanea da trattare

  • Mesoterapia: è un trattamento estetico, eseguito in regime ambulatoriale, che consiste nella somministrazione delle vitamine attraverso l’iniezione sottocutanea.


RISCHI, COMPLICAZIONI ED EFFETTI COLLATERALI

Il rischio principale correlato all’uso delle vitamine è il sovradosaggio. L’ipervitaminosi risulta deleteria per l’organismo umano e può determinare diversi effetti collaterali, tra cui:

  • Senso di spossatezza

  • Perdita di peso ed appetito

  • Tachicardia

  • Lesioni a carico del fegato e dei reni

  • Disturbi gastrointestinali (vomito, diarrea, disfagia)

  • Dolore in corrispondenza delle grandi articolazioni

  • Arrossamento e prurito cutaneo


FONTI:

  • Alberto Massirone, Trattato di Medicina Estetica, Piccin Nuova-Libraria, 2010.


Andrea Bovero, Dermocosmetologia. Dall’inestetismo al trattamento cosmetico, Tecniche Nuove, 2011.


Articoli correlati

Accesso contenuti completi

x