Mastoplastica Additiva: la parola chiave è “Tailor Made”

Autore: Dott. Cravero Luca

Del: 05/12/2019

La mastoplastica additiva è, da molti anni, uno degli interventi di chirurgia estetica più richiesti; sempre più donne, infatti, si rivolgono al chirurgo plastico perché vogliono aumentare il volume o cambiare la forma del proprio seno.

A mio parere è l’intervento di chirurgia estetica che più di ogni altro richiede attenzione nella pianificazione pre-operatoria, perché occorre tenere debitamente in conto quelli che sono i desideri della paziente in termini di forma, volume, sensazione soggettiva al tatto e sede della cicatrice.

Successivamente bisogna valutare se questi desideri sono realizzabili sulla base della situazione anatomica di partenza scegliendo, tra le diverse opzioni di tecnica chirurgica e di materiali utilizzabili, le più idonee a raggiungere il risultato che viene concordato insieme alla paziente durante i colloqui preliminari.

La scelta e il posizionamento delle protesi

Noi chirurghi, infatti, possiamo scegliere tra protesi di molteplici case produttrici, rotonde o anatomiche, con vario grado di proiezione e coesività del gel, lisce o testurizzate, rivestite di silicone o di poliuretano.

Possiamo introdurre le protesi dal solco inframammario, dall’areola o dal cavo ascellare, creando una tasca di alloggiamento delle stesse che può essere dietro la ghiandola mammaria (retroghiandolare), tra la fascia del muscolo pettorale ed il muscolo pettorale stesso (retrofasciale), dietro il muscolo pettorale (retromuscolare parziale), dietro il muscolo pettorale ed il grande dentato (retromuscolare totale). La tecnica chirurgica può inoltre essere “dual plane”, di vario grado o “biplane”.

Il chirurgo plastico pertanto, oggi deve possedere un bagaglio di opzioni chirurgiche e di conoscenza dei materiali disponibili molto più ampio rispetto al passato, in modo da cercare di soddisfare le molteplici esigenze dei pazienti, che sono sempre più consapevoli di quello che sono i loro desideri.

Pertanto, anche se ancora oggi non esiste la protesi perfetta per ogni mammella, né il chirurgo perfetto per ogni paziente, possiamo affermare che esiste la protesi migliore e la tecnica migliore per ogni singola paziente ed il compito del chirurgo plastico è riuscire a trovarle in modo da pianificare, durante i colloqui, un vero e proprio “intervento tailor made”.

Cravero Luca

Autore

Dott. Cravero Luca

Medico Chirurgo
Torino (TO)

Profilo Contatta

Chiedi una consulenza gratuita all'autore

Dott. Cravero Luca

Articoli correlati

La mastoplastica additiva

La mastoplastica additiva è un tipo di intervento chirurgico molto richiesto tra le donne giovani e meno giovani. Questo intervento generalmente...

medico

Dott. Palumbo Francesca

Mastoplastica additiva: tecniche di intervento e scelta delle protesi

Cos’è la mastoplastica additiva La mastoplastica additiva è un intervento attraverso il quale modifichiamo esclusivamente il volume della ghiandola...

medico

Dott. Carfagna Rocco

Protesi mammarie e sicurezza. A che punto siamo?

Questo piccolo articolo divulgativo, in cui ci occupiamo esclusivamente delle protesi in gel di silicone per finalità estetiche , si propone come...

medico

Dott. Maronati Guido

Intervento di mastoplastica additiva e protesi mammarie

Dottore, ho un seno piccolo. Devo fare l’intervento di mastoplastica additiva? In realtà, risponde il dott. Carlucci Salvatore, non “devi”...

medico

Dott. Carlucci Salvatore

La mastoplastica additiva

Sono sempre di più le donne che negli ultimi anni decidono di intervenire e migliorare il proprio seno . Il seno è una parte fondamentale per una...

medico

Dott. Scalera Giuseppe

Mastoplastica additiva interventi e protesi

Un numero sempre crescente di donne s’interessa e si documenta sul tema degli interventi di mastoplastica additiva per migliorare l’aspetto del...

medico

Dott. Santanchè Paolo

(massimo 1000 caratteri)

Commenta l'articolo