Accesso
Dottori
I trattamenti di medicina estetica richiesti dagli uomini

I trattamenti di medicina estetica richiesti dagli uomini


Gio 30/04/2020 | Dott. Giorgio Astolfi

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Il ritocco per lui? Non è più un tabù anche se pochi sono disposti ad ammetterlo. Sono ancora in minoranza e non superano l’8-10% del totale dei trattamenti: secondo l’American Society of Plastic Surgeons  sono state eseguite 1.3 milioni di procedure cosmetiche su pazienti di sesso maschile. Ma il tabù si sta lentamente sgretolando e anche quelli che ‘non devono chiedere mai’ iniziano ad apprezzare una remise en forme periodica e un aspetto fresco e riposato.

Ritocchi estetici personalizzati per lui


“La chirurgia estetica non è più considerata ‘roba da donne’ e anche quelli che erano riluttanti oggi approfittano della visita delle compagne per informarsi” rivela a Tuame il Dott. Giorgio Astolfi, Specialista in Medicina Interna, Medicina Estetica e Laserterapia. Una delle perplessità maggiori è il timore di una femminilizzazione dei tratti. Ma è bene spiegare che l’approccio al maschile tiene in debito conto gli standard estetici desiderati per viso e corpo, che hanno caratteristiche ben precise. Inoltre gli uomini hanno anatomia, struttura della pelle e accumulo di grasso differenti dalle donne, tutti elementi di cui un bravo professionista tiene conto.”

Il ritocco per rimanere competitivi sul luogo di lavoro 


Anche gli uomini soffrono quando la pelle delle palpebre tende a cadere e a rivelare il peso degli anni. Ecco perché secondo i dati dell’ASPS la blefaroplastica superiore ed inferiore è uno degli interventi più richiesti anche per recuperare un po’ di terreno sul posto di lavoro rispetto a manager agguerriti. Il lifting del collo invece serve a ridefinire i contorni del terzo inferiore e ridisegnare la linea d mandibola e mascella la cui definizione è da sempre associata ad un aspetto mascolino e volitivo

Rinoplastica scelta anche dagli uomini


Al terzo posto c’è la rinoplastica, desiderata da un pubblico giovane tra i 20 e i 30 anni, spesso in combinazione con una mentoplastica per ottenere una maggiore proiezione del volto ed evitare l’aspetto sfuggente. Risultato che si può ottenere con il posizionamento di una piccola protesi in silicone con una incisione all’interno del cavo orale, sotto alla gengiva dell’arcata inferiore. Altre tecniche sono invece l’impianto di grasso autologo, ossia dello stesso paziente, prelevato dal corpo oppure filler a base di idrossiapatite di calcio e acido ialuronico, quest’ultimo iniettato in profondità per ottenere quella reazione chiamata ‘fibrosi’ e che permette una maggiore durata del risultato. Tecnica da riservare però a mani esperte.

Addome e petto le ossessioni di lui 


Per ciò che riguarda il corpo gli uomini hanno delle ossessioni: eliminare la pancetta ed esibire addominali scolpiti e pettorali perfettamente disegnati da muscoli e non da grasso.
Liposuzione e intervento di ‘ginecomastia’ sono quindi al top dei desideri, anche se, spiegano gli specialisti, i risultati della chirurgia devono essere accompagnati da un corretto stile di vita per mantenere il risultato a lungo.
L’area addominale e i fianchi in particolare possono essere modellate per ottenere un risultato elegante e definito. Il paziente può tornare al lavoro dopo pochi giorni e a fare sport dopo qualche settimana.

Natural look anche per lui


Irrinunciabili anche per gli uomini ritocchi light e naturali che perfezionino i dettagli senza stravolgere i lineamenti e rivelare il ricorso alle mani esperte del chirurgo plastico o del medico estetico. “L’esperienza del medico a cui ci si affida è fondamentale per affrontare le procedure in sicurezza ed essere sicuri che userà prodotti di alta qualità. Se il prezzo di un trattamento è troppo basso meglio evitare”. Richiedere sempre il bollino di tracciabilità dei prodotti utilizzati dal professionista!

“I filler dermici biocompatibili sono la risposta ideale al progressivo invecchiamento che prevede una perdita di grasso, di elasticità della pelle, di tono muscolare,  massa ossea e proteine di sostegno. Questo progressivo impoverimento provoca il cedimento dei tessuti e il loro scivolamento verso il basso che contribuisce all’aspetto agee” precisa il Dottor Astolfi.

L’estrema varietà di prodotti disponibili sul mercato permette un approccio estremamente individualizzato con l’uso di più prodotti per le varie aree da trattare: più leggeri (a basso peso molecolare) per le linee sottili e più strutturati e reticolati quando l’obiettivo sia riportare volumi o riempire quei solchi che induriscono i lineamenti e le espressioni.

Di Johann Rossi Mason e Francesca Frediani

Con la consulenza scientifica del Dottor Giorgio Astolfi, Specialista in Medicina Interna, Medicina Estetica e Laserterapia.

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO


Articoli correlati

Medicina Estetica

Lun 06/09/2021 | Dott. norz_mariella

Medicina Estetica

Ven 30/07/2021 | Dott. norz_mariella

Medicina Estetica

Mar 27/07/2021 | Dott. Giulia Astolfi

Medicina Estetica

Ven 02/07/2021 | Dott. norz_mariella

Medicina Estetica

Lun 19/04/2021 | Dott. Giulia Astolfi

Accesso contenuti completi

x