La mastoplastica additiva con protesi in poliuretano

La mastoplastica additiva con protesi in poliuretano


Mar 01/09/2015 | Dott. Nicola Monni

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

La mastoplastica additiva è l’intervento di chirurgia estetica più richiesto ed eseguito in Italia.


I risultati di un intervento di mastoplastica additiva, secondo il Dott. Nicola Monni, dipendono da una moltitudine di fattori che comprendono: le condizioni preoperatorie della paziente, la corretta pianificazione preoperatoria della stessa (fase questa che include una serie complessa di passaggi decisionali da parte del chirurgo e della paziente) ed una scrupolosa esecuzione da parte dello specialista.


Il tasso di soddisfazione, secondo il Dott. Monni,risulta molto elevato sia nel breve che nel lungo periodo se l’intervento di mastoplastica è eseguito in modo corretto.


La maggior parte delle procedure di revisione previste per la mastoplastica additiva, il cosidetto “tagliando”, vengono eseguite tipicamente dopo un periodo di tempo compreso tra i 5 ed i 10 anni e contrariamente a ciò che a volte si pensa non sono legate allo “scadere”degli impianti ma ad un fenomeno noto come contrattura capsulare che riguarda il 15-20% delle protesi impiantate.


“Tale complicazione, chiarisce il Dott. Monni, si manifesta come un progressivo indurimento della mammella con dolore spontaneo nelle situazioni più avanzate, richiede la rimozione in blocco degli impianti inseriti e quando possibile della capsula periprotesica e la sostituzione con nuovi impianti”.


Gli impianti in poliuretano hanno un tasso di contrattura capsularedecisamente inferiore (1,6% a 15 anni negli ultimi studi) e sono quindi particolarmente indicati in tutti i casi di chirurgia mammaria secondaria con sostituzione impianti.


“In aggiunta personalmente utilizzo queste protesi in tutti i casi in cui sia necessario inserire impianti anatomici in pazienti magre e sportive – afferma il Dott. Monni -in quanto la non rotazione degli stessi è una garanzia di stabilità di risultato nel tempo”.


In conclusione gli impianti in poliuretano offrono un risultato stabile e duraturo nel tempo, esente dai fenomeni di rotazione dell’impianto osservabili con altri tipi di superficie e con un tasso di contrattura capsulare notoriamente inferiore.


Per questo motivo, secondo il Dott. Monni,questa tipologia di protesi dovrebbe essere presa in considerazione in tutti i casi di mastoplastica secondaria o primaria con impianti anatomici.




Chiedi una consulenza gratuita al dott. Nicola Monni ⇓ CONTATTA ⇓

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO


Articoli correlati

Mastoplastica Additiva

Mer 28/10/2020 | Dott. Pier Luca Bencini

Mastoplastica Additiva

Mer 28/10/2020 | Dott. Pierluigi Gigliofiorito

Mastoplastica Additiva

Mar 13/10/2020 | Dott. Gino Luca Pagni

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x