Accesso
Dottori
Il rivoluzionario apporto degli ultrasuoni microfocalizzati alla medicina estetica

Il rivoluzionario apporto degli ultrasuoni microfocalizzati alla medicina estetica


Sab 01/08/2015 | Dott. Fabio Quatra

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Era un giorno particolare quello in cui abbiamo incontrato il Dott. Fabio Quatra, noto specialista in Chirurgia Plastica: era un UltrasoundDay, giorno dedicato alle valutazioni ed ai trattamenti con il nuovo dispositivo per il trattamento ad ultrasuoni microfocalizzati.


Si respirava un’atmosfera di grande euforia fra pazienti e collaboratori dell’Ambulatorio: come ci ha spiegato il Dott. Quatra, con gli ultrasuoni microfocalizzati “finalmente il lifting non chirurgico è una realtà. Gli ultrasuoni microfocalizzati sono la prima vera rivoluzione nella chirurgia estetica del viso e del collo”.


 


Abbiamo chiesto di sapere di più sulle indicazioni per questa tipologia di trattamento assimilabile, come illustrato, ad un lifting non chirurgico: per il Dott. Quatra grazie agli ultrasuoni microfocalizzati è possibile ottenere una “tonificazione e distensione della pelle del viso, del collo e del décolleté” con un “effetto di ringiovanimento globale che si manifesta già in una sola seduta, nell’arco di poche settimane e si mantiene per molti mesi”.


 


Il trattamento con gli ultrasuoni microfocalizzati” - continua il Dott. Quatra - “è virtualmente privo di effetti collaterali: la sua sicurezza è stata ampiamente dimostrata dagli studi clinici condotti negli USA dove il trattamento è stato autorizzato dall’FDA, il severissimo organo di controllo che vigila su tutti i nuovi trattamenti medici. Nella maggior parte dei casi si hanno un leggero eritema e gonfiore che durano poche ore, ed un lieve indolenzimento che viene presto sostituito dalla chiara sensazione che qualcosa di buono stia succedendo, con un senso di distensione e di tensione”.


 


Ci viene spiegato che l’energia degli ultrasuoni microfocalizzati stimola i tessuti profondi, collocati cioè al di sotto dello strato superficiale della pelle, causando la formazione di nuovo collagene con un effetto di sollevamento e distensione. A differenza dei laser o della radiofrequenza, gli ultrasuoni microfocalizzati penetrano oltre i 4 millimetri senza irritare gli strati più superficiali ed esplicano la loro azione direttamente in profondità, laddove necessario.


 


Chiediamo quindi conferma al Dott. Fabio Quatra: il lifting non chirurgico con ultrasuoni microfocalizzati è davvero un trattamento per tutti?


 


Uomini e donne in tutte le fasce d’età possono beneficiare di questo trattamento. Il medico deve comunque valutare sempre in fase preliminare le caratteristiche di elasticità della pelle ed il protocollo di trattamento più adeguato. E’importante seguire le linee guida internazionali sul trattamento ad ultrasuoni microfocalizzati, ed affidarsi a Centri Medici qualificati che dispongano dell’apparecchiatura originale proveniente dagli USA - l’unica in grado di garantire Sicurezza ed Efficacia dei Risultati”.




Chiedi una consulenza gratuita al dott. Fabio Quatra ⇓ CONTATTA ⇓

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO

Quatra Fabio

Autore

Chirurgia plastica,Medicina estetica

Palermo (PA)


Articoli correlati

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy

Accesso contenuti completi

x