Medicina estetica e oncologia: vivere meglio durante e dopo la malattia

Medicina estetica e oncologia: vivere meglio durante e dopo la malattia


Mer 14/10/2015 | Dott. Tiziana Lazzari

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

La Dott.ssa Lazzari condivide con i lettori di TuaMe gli spunti e le riflessioni emersi durante il III° Congresso Nazionale GIST (Gruppo Italiano di Studi sulle Tecnologie).


Il Congresso Nazionale GIST Gruppo Italiano di Studio sulle Tecnologie, giunto ormai alla sua terza edizione, si è svolto anche quest’anno a Genova, nella splendida cornice del Palazzo della Meridiana, il 24 ottobre scorso, con il patrocinio del Festival della Scienza. Titolo del Festival “L’Equilibro”, ed è proprio partendo dal concetto di Equilibrio che i medici del GIST hanno proposto un congresso multidisciplinare per presentare lo stato dell’arte delle varie tecniche e gli sviluppi delle più avanzate tecnologie che consentono oggi di garantire qualità e sicurezza delle prestazioni al paziente che si rivolge al medico estetico per mantenere e migliorare la propria qualità di vita.


 


La relazione tra oncologia e medicina estetica


Il 2015 ha segnato il primo decennio di creazione del G.I.S.T. , associazione che raccoglie circa 30 soci tra chirurghi plastici, dermatologi, chirurghi maxillo-facciali ed esperti in Medicina Estetica e della quale è Presidente il Dr. Bruno Bovani. Proprio in occasione del suo decennale il G.I.S.T. ha deciso di inserire nel programma del Congresso un focus sulla medicina estetica in Oncologia, finalizzato a sottolineare il ruolo che questa branca della medicina può avere nel supportare il paziente oncologico in un momento drammatico quale è quello della diagnosi e delle terapie non scevre di effetti collaterali importanti anche sull’aspetto e conseguente compromissione dell’autostima e della vita di relazione.


Al Congresso hanno partecipato circa 150 medici di varie specialità, molti dei quali hanno espresso pubblicamente il loro apprezzamento per la scelta di un argomento tanto attuale quanto delicato.


 


La tavola rotonda tra gli specialisti


Con un format un po’ diverso dalle precedenti edizioni i lavori congressuali sono stati preceduti nella giornata di venerdì 23 ottobre, sempre al Palazzo della Meridiana da una tavola rotonda, dal titolo “Update in Oncologia e Medicina Estetica” che ha voluto rappresentare un confronto interdisciplinare sui rapporti tra medicina estetica e oncologia.


Intorno allo stesso tavolo si sono riuniti il chirurgo plastico, l’oncologo, il radioterapista, il dermatologo, il medico estetico, lo psicologo, il rappresentante della LILT Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, professionisti dell’Università, del sistema pubblico e privato, per cercare di individuare delle linee guida comuni sul percorso più sicuro da suggerire al paziente e la definizione di protocolli condivisi con una continua azione di vigilanza per prevenire effetti collaterali.


Il confronto multidisciplinare si è necessariamente focalizzato solo su alcuni topics ma ci auguriamo che questo momento di incontro abbia segnato l’inizio di un aggiornamento continuo e multidisciplinare, che veda sempre più coinvolti gli specialisti che hanno aderito all’iniziativa. I risultati della tavola rotonda saranno elaborati e proposti alla comunità scientifica.


 


L’incontro tra le pazienti e la face designer


La giornata del 23 ottobre, dopo la tavola rotonda è stata aperta al pubblico in un incontro con le pazienti oncologiche alle quali è stata dedicata una dimostrazione di camouflage “firmato”, generosamente realizzato da Donatella Ferrari, national face designer del settore beauty di Giorgio Armani, realizzato con prodotti testati per essere usati anche su visi già danneggiati dalla malattia o dalle cure, ovvero un trucco che si può adattare anche a chi si sottopone a radio o chemioterapia.


La sala piena e l’entusiasmo partecipato delle pazienti intervenute hanno reso questo incontro particolarmente toccante e gratificante per gli organizzatori.


 


Ambulatori aperti per i pazienti oncologici


Ultimo ma non ultimo, dal Congresso è scaturita l’idea da parte dei soci G.I.S.T. di offrire ai malati oncologici, qualora si raggiunga un accordo nazionale con la Lega Italiana per la Lotta ai Tumori, la disponibilità di prestazioni gratuite di medicina estetica .


Una volta al mese i medici GIST che hanno aderito all’iniziativa apriranno le porte dei loro ambulatori per mettere a disposizione dei pazienti che stanno combattendo o che hanno vinto la loro battaglia con il tumore una consulenza e un trattamento gratuiti, finalizzati a recuperare dignità e bellezza.


Una brochure, distribuita nei centri LILT, dai quali partirà anche la segnalazione dei pazienti interessati, illustrerà come la medicina estetica possa aiutare i pazienti oncologici per una vera e propria “remise en forme” dopo le terapie.




Chiedi una consulenza gratuita al dott.ssa Lazzari Tiziana ⇓ CONTATTA ⇓

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO

Lazzari Tiziana

Autore

Dermatologia,Medicina estetica

Genova (GE)


Articoli correlati

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x