Vene varicose: le soluzioni al problema

Autore: Dott.ssa Basile M. Gaetana (Tania)

Del: 31/05/2015

Le statistiche rivelano che Le vene varicose colpiscono dai 3 ai 10 individui adulti e sono quindi problema comune.

Le vene varicose si formano quando sono compromesse sia le pareti venose che le valvole che regolano il flusso sanguigno al loro interno.

Le Valvole indebolite
All'interno delle vene ci sono delle piccole valvole unidirezionali che si aprono per lasciare che il sangue scorra verso l’alto e si richiudono per impedire che torni indietro.
A volte le pareti delle vene si allungano e perdono elasticità, causando l’indebolimento della valvola stessa.
Se le valvole non funzionano correttamente, il sangue potrebbe refluire all'indietro. Se questo accade, il sangue ristagnerà nelle vene, che si gonfieranno e si allargheranno, diventando così visibili ed antiestetiche.

I sintomi
Le vene varicose sono in genere sporgenti e di colore viola scuro o blu. Alcune persone che hanno le vene varicose possono provare dolore o disagio.
Tra i sintomi più comuni ci sono:

  • Gambe doloranti e pesanti
  • aspetto caratteristico delle vene
  • Piedi e caviglie gonfi
  • Bruciore forte
  • Crampi muscolari, soprattutto di notte
  • Pelle secca
  • Prurito(nella zona della vena)

Questi sintomi peggiorano durante la stagione calda, se si rimane in piedi o seduti per lunghi periodi di tempo.
Possono migliorare quando si cammina o se ci si riposa tenendo correttamente le gambe sollevate.
Le vene varicose compaiono di solito sulle gambe, sia sulla parte posteriore del polpaccio che sulla parte interna della gamba.

Le cause
Le ragioni che portano all’indebolimento delle pareti e delle valvole non sono state ancora pienamente comprese.
Tra le cause note più comuni ci sono:

  • Genere (femmine e maschi)
  • Genetica
  • Età
  • Sovrappeso
  • Occupazione
  • Gravidanza

Genere
Le donne hanno maggiori probabilità di essere colpite da vene varicose rispetto agli uomini.
Gli ormoni femminili tendono a rilassare le pareti delle vene, rendendo le valvole più inclini all’indebolimento. Gli ormoni sono sostanze chimiche prodotte dall’organismo, che possono essere influenzate da:

  • Gravidanza
  • Sindrome premestruale
  • Menopausa

Genetica
Il rischio di vene varicose aumenta se si ha familiarità con il problema. Ciò suggerisce che le vene varicose possono essere in parte causate dalla genetica.

Età
Con l’invecchiamento, le vene cominciano a perdere la loro elasticità e le valvole smettono di lavorare in modo corretto.

Sovrappeso
Essere in sovrappeso mette ulteriore pressione sulle vene, il che significa che le vene devono lavorare di più per inviare il sangue al cuore, con aumento della pressione sulle valvole, rendendole più inclini al mal funzionamento.
L'impatto del peso corporeo sullo sviluppo delle vene varicose appare più significativo nelle donne.

Occupazione
I lavori che richiedono lunghi periodi in piedi o seduti possono aumentare il rischio di vene varicose. Questo perché il sangue non circola facilmente se si mantiene la stessa posizione per molto tempo senza muoversi.

Gravidanza
Durante la gravidanza, aumenta la quantità di sangue richiesta per il nutrimento del feto, con lo sforzo conseguente dell’attività venosa. L'aumento dei livelli ormonali durante la gravidanza può giocare un ruolo fondamentale, perché la maggiore quantità di ormoni in circolo provoca un rilassamento della muscolatura dei vasi sanguigni, facendo aumentare così il rischio di vene varicose. Anche l’aumento delle dimensioni dell’utero aumenta la pressione sulle vene nella zona pelvica, che a volte possono diventare varicose. Pur aumentando il rischio di avere le vene varicose durante la gravidanza, appena si partorisce la situazione migliora decisamente.

Diagnosi vene varicose
Ci si dovrà rivolgere ad un medico quando:

  • Si avverte dolore o fastidio
  • La pelle è dolorante e irritata
  • Il dolore nelle gambe durante la notte disturba il sonno

Ci si dovrà rivolgere ad uno specialista vascolare (un medico specialista nelle vene) se si presentano questi sintomi:

  • Dolore, disagio, gonfiore, pesantezza o prurito
  • Cambiamenti di colore della pelle sulla gamba
  • Eczema
  • Ulcere

L'ecografia Doppler o ecoDoppler si usa per determinare la funzionalità dei vasi sanguigni, del cuore, per la diagnosi e per la terapia delle patologie vascolari.

Trattamento vene varicose
Le vene varicose non presentano un grave problema di salute. Possono avere un aspetto sgradevole, ma non dovrebbe pregiudicare la circolazione o causare problemi di salute a lungo termine.
La maggior parte delle vene varicose non richiede un trattamento.

Il trattamento delle vene varicose è di solito necessario:

  • Per alleviare i sintomi
  • Complicazioni, se si presentano
  • Per ragioni estetiche

Il primo trattamento: le Calze a compressione graduata
Le Calze a compressione graduata sono appositamente realizzate per migliorare la circolazione. Presentano una maggiore compressione alla caviglia mentre la riducono man mano che si risale lungo la gamba. Questa compressione aiuta il sangue a fluire verso l'alto, verso il cuore.
Le Calze a compressione graduata possono aiutare ad alleviare il dolore, il disagio e il gonfiore alle gambe causati dalle vene varicose. Tuttavia, non è noto se le calze aiutino a prevenire la formazione delle vene varicose, o se ne impediscano la formazione di nuove.
In genere è necessario mettere le calze a compressione graduata non appena ci si alza al mattino e toglierle quando si va a letto.
Indossare le calze elastiche può essere disagevole durante la stagione calda.
Le calze o i collant devono essere messi correttamente con la pressione che deve corrispondere ad ogni punto specifico della gamba altrimenti potrebbero non essere efficaci. Inoltre le calze non dovrebbero provocare dolore.
Se indossare le calze secca troppo la pelle delle gambe si dovrà applicare una crema idratante (emolliente), prima di andare a letto per mantenere la pelle con il giusto grado di umidità.
Si devono tenere d'occhio la comparsa di segni dolenti sulle gambe, così come vesciche e scolorimento della pelle.
Come Prendersi cura delle calze a compressione graduata.
Le Calze a compressione graduata di solito devono essere sostituite ogni 3-6 mesi. Se le calze si danneggiano, potrebbero non essere efficaci.
In genere si consiglia di avere a disposizione 2 calze (o 2 set di calze una per ogni gamba) in modo che possano essere alternate (1 si indossa e l’altra si lava e viceversa). Le calze a compressione graduata devono essere lavate a mano in acqua tiepida e asciugate lontano dal calore diretto.

Il tipo di trattamento per le vene varicose dipenderà dalla salute generale dell’individuo e da:

  • Dimensione
  • Posizione
  • Gravità

delle vene varicose. 

I trattamenti più comuni sono:
Ablazione endotermica
Uno dei primi trattamenti che di solito si suggerisce è l’ablazione endotermica. Questo trattamento si esegue grazie all'uso di energia emessa dalle onde radio ad alta frequenza (ablazione per radiofrequenza) o laser.

  • Ablazione con radiofrequenza

L’ablazione radiofrequenza provoca la chiusura delle vene grazie all’uso della radiofrequenza che scalda la vena e la chiude.
L’Ablazione con radiofrequenza si effettua in anestesia locale. La procedura può causare alcuni effetti collaterali a breve termine, come il formicolio.

  • Trattamento laser

Come con l'ablazione a radiofrequenza, il trattamento laser implica l’uso di un catetere inserito in vena e l'utilizzo di una ecografia per posizionarlo correttamente. Anche il laser agisce attraverso l’emissione di calore che consente di chiudere la vena. Il Trattamento laser si esegue in anestesia locale. Dopo la procedura si può sentire una sensazione di pesantezza alle gambe, possono presentarsi dei lividi e dolore. Una Lesione del nervo è un rischio di questa procedura, ma di solito è solo temporanea.

Scleroterapia (ablazione chimica endovenosa)
Questo trattamento consiste nell'iniettare una schiuma o una soluzione nelle vene. L'iniezione è guidata da un ecografo. È possibile trattare più di una vena nella stessa seduta. Sia la scleroterapia tradizionale con liquido, che la scleroterapia con schiuma, sono di solito eseguite in anestesia locale. Dopo la scleroterapia, le vene varicose, dovrebbero svanire dopo poche settimane. Potrebbero essere necessari più trattamenti prima della completa eliminazione delle vene e c'è la possibilità che la vena possa ricomparire. Non è ancora nota l’efficacia della schiuma a lungo termine.

La scleroterapia può presentare alcuni effetti collaterali, tra cui:

  • Coaguli di sangue in altre vene delle gambe
  • Mal di testa
  • Mal di schiena
  • Macchie della pelle
  • Svenimento
  • Problemi di vista (temporanei)

Il trattamento di scleroterapia consente di tornare subito alle normali attività. Si dovranno indossare calze a compressione graduata o bende per 1 settimana. In rari casi, si possono avere gravi complicazioni, come ictus o attacchi ischemici transitori.

Chirurgia

  • Legatura e stripping. La maggior parte dei chirurghi utilizza una tecnica chiamata legatura e stripping, che prevede di legare la vena della gamba interessata e poi rimuoverla. La Chirurgia delle varici è di solito effettuata in anestesia generale. Potrebbe quindi essere richiesta una notte in ospedale. La Legatura e stripping possono causare dolore, ecchimosi e sanguinamento. Più gravi complicazioni sono rare, ma potrebbero includere danni ai nervi o trombosi venosa profonda. Dopo la procedura, potrebbe essere richiesta una convalescenza di 3 settimane prima di tornare al lavoro, anche se questo dipende dalla salute generale e il tipo di lavoro che si svolge. Potrebbe essere necessario indossare calze a compressione graduata per 1 settimana dopo l'intervento chirurgico.

Complicazioni generali delle vene varicose
La maggior parte delle persone che hanno le vene varicose non presentano complicazioni.
Alcune possibili complicazioni delle vene varicose sono:

  • Emorragia
  • Vene varicose superficiali che sanguinano
  • Coaguli di sangue con rischio di tromboflebiti o trombosi venosa profonda
  • Tromboflebite La Tromboflebite è il gonfiore dovuto all’infiammazione provocata da coaguli di sangue che si formano nella vena. La tromboflebite può essere dolorosa, arrossare la parte, riscaldare la pelle. Quando si presenta una tromboflebite in una delle vene superficiali della gamba si tratta di tromboflebite superficiale.
  • Trombosi venosa profonda La tromboflebite venosa profonda si ha con la formazione di un coagulo a livello delle vene profonde. Può causare dolore e gonfiore alle gambe, e può portare a gravi complicazioni come l'embolia polmonare.
  • Insufficienza venosa cronica Se il sangue nelle vene non scorre correttamente, ci potrebbero essere compromissioni serie a livello di scambi come ossigeno, nutrienti e prodotti di scarto con sangue. Se lo scambio è interrotto per un lungo periodo di tempo si tratta di insufficienza venosa cronica. L’Insufficienza venosa cronica può provocare altre patologie.
  • Eczema L’eczema varicoso è una patologia che provoca Arrossamento epidermico, rende la pelle squamosa e flaccida. Si può anche avere la formazione di vesciche e croste sulla pelle.
  • Lipodermatosclerosi La Lipodermatosclerosi provoca l’indurimento, assottigliamento e cambiamento di colore della pelle.
  • Ulcere venose

Prevenire le vene varicose
Non esistono consigli dalla provata efficacia nella prevenzione, ma di sicuro esistono dei consigli che aiutano ad alleviare i sintomi delle vene varicose qualora comparissero:

  • Evitare di stare in piedi o seduti per lunghi periodi
  • Prendere delle pause regolari durante il giorno, sollevando le gambe
  • Svolgere attività fisica regolare
  • Sollevare sempre le gambe quando si è a riposo
  • Mantenere il giusto peso
  • NO alcol e fumo
  • NO ai tacchi troppo alti o troppo bassi
  • NO ai bagni caldi
  • NO all’esposizione diretta del sole sulle gambe

Le vene varicose e i sintomi ad esse correlati possono essere gestiti con un corretto e sano stile di vita.

 

 

Dott.ssa Basile M. Gaetana (Tania)

Autore

Dott.ssa Basile M. Gaetana (Tania)

Medico Chirurgo - N. Iscrizione all' ordine: 8309 - Cosenza

Articoli correlati

Il caso di Giovanna S: i danni di ripetute sclerosanti agli arti inferiori

La sig.ra Giovanna S. si presenta nel mio studio per un problema agli arti inferiori, quali capillari e macchie cutanee sulle gambe. Mi riferì che...

medico

Dott. Calizza Maurizio

Scleroterapia con schiuma

La Scleroterapia con schiuma è tra le Nuove tecniche minimamente invasive per il trattamento delle vene varicose sono diventate di uso generale....

Terapia sclerosante, una scelta per le vene varicose

La terapia sclerosante è usata per il trattamento delle varici e delle vene varicose. La terapia sclerosante è considerata il trattamento di prima...

Sclerosanti per vene varicose e capillari

Con sclerosanti si vuole intendere la scleroterapia che è una procedura medica utilizzata per trattare le vene varicose, varici e capillari rotti....

Gli antiestetici capillari degli arti inferiori

La quasi totalità delle persone lamenta la presenza di teleangectasie, cioè di capillari e di venule, a livello di cosce e gambe; si vedono in...

medico

Dott. Pagni Gino Luca

Laser per capillari, un trattamento mirato

Per chi soffre di fragilità capillare accompagnata da capillari rotti, il laser rappresenta un trattamento mirato. L’Energia della luce del laser è...

(massimo 1000 caratteri)

Commenta l'articolo