Come ringiovanire il viso? Allenandolo

Autore: Battistella Melania

Del: 03/12/2014

L'importanza della giusta ginnastica facciale è data dal fatto che il viso è da sempre lo specchio di ciò che ci accade.

I nostri occhi esprimono sentimenti, le espressioni gli stati d’ animo: il tutto raccolto in una splendida cornice.

Cosa lo mette in risalto? Indubbiamente la luce. Un viso sano e bello traspare dalla pelle e dalla sua salute.

Come sempre c’è a rendere tutto più difficile il nostro orologio biologico e tutti quei fattori estrinseci che contribuiscono all’invecchiamento come raggi solari, fumo, smog, i muscoli perdono tono, si allungano e via via ogni espressione lascia il suo segno: nasce la ruga.

Ora, la piacevolezza di una persona non si basa sul numero di rughe ma diciamo anche che un viso più giovane e raggiante ha il suo peso.

Per chi allora tiene alla cura di se, del proprio viso e corpo, sia per i pro che per i contro alla medicina e chirurgia estetica, viene in aiuto lei, la ginnastica facciale.

Un approccio diverso che richiede un piccolo sforzo giornaliero ma i cui benefici non vanno sottovalutati.

La ginnastica facciale infatti:

  • Stimola la circolazione sanguigna;
  • Stimola la circolazione linfatica;
  • Stimola e rassoda I muscoli;

per dare nuova vita alla pelle, colore, turgore e tonicità. 

Come agisce la ginnastica facciale

La ginnastica facciale permette al viso, attraverso lo sviluppo della muscolatura, di accorciare ed elasticizzare i muscoli facciali , sollevando ciò che la forza di gravità e l’ ipotonicità dei muscoli fanno inevitabilmente decadere.

La ginnastica facciale si propone di riequilibrare la muscolatura mimica facciale, stimolando tutti i muscoli facciali nello stesso modo, con la stessa intensità, andando ad annullare ipertrofismi o a stimolare una muscolatura “pigra”.                                                                  
Questa contribuisce anche a ridonare un colorito roseo al viso e a mantenere nella giusta posizione la struttura ossea, che con l’ età tende a perdere di densità e a deformarsi.

Gli esercizi vanno eseguiti ovviamente nel modo corretto e nel momento in cui si avverte dolore è buona norma consultare il proprio medico. Non è indicata poi per chi soffre di malocclusione dentale.

Quali zone si possono allenare?

Fronte: basta aggrottarla e rilasciarla per diminuire la tensione.                                                          

Occhi: utile ruotarli da destra verso sinistra e dall´ alto verso il basso, chiuderli e poi spalancarli.                                                                                                                                      
Zigomi: bisogna pronunciare ad alternanza vocali aperte A ed O.                                                              
Guance: serve tirare fuori le labbra come per dare un bacio, gonfiare le gote d’ aria e svuotarle contraendo il resto del viso oppure sorridere senza chiudere gli occhi.                                                                
Labbra: si deve riprodurre un bacio e subito dopo soffiare aria all’ esterno.                                              
Collo: iniziare a girare il collo da destra a sinistra e poi portarlo verso il basso. Questi per citarne alcuni.

Questa disciplina comprende esercizi isometrici e dinamici, praticati con l’ausilio delle proprie mani o con attrezzi  e si completa con tecniche di auto massaggio,

La ginnastica per il viso è una forma di prevenzione, così come lo è una vita attiva e ancor meglio sportiva.

La ginnastica facciale è in grado di dare risultati duraturi e soddisfacenti, senza effetti collaterali e hanno il pregio di essere duraturi, naturali ed economici.  

Risultati
                                                                                                                                            
I risultati ottenibili con la pratica costante di questa tecnica di allenamento facciale sono uno spianamento di alcune rughe d’ espressione, un miglioramento del colorito cutaneo dovuto al microcircolo che riesce a raggiungere aree prima troppo contratte e quindi spente, un aumento del tono e uno snellimento dei tratti.                                                                                                  
Seppur non paragonabile agli effetti di un lifting è comunque un trattamento complementare ottimo per prevenire, contrastare e alleviare i segni dell’ invecchiamento.

 

Battistella Melania

Autore

Battistella Melania

Medico Estetico

in Viso

Articoli correlati

Tonificare e tendere la cute: mesobotulino e microbotulino.

I trattamenti della tossina Botulinica da tempo stanno crescendo in molte branche della medicina. Tanto tempo è passato da quando negli anni 70 si...

medico

Dott. Muti Gabriele F.

Ultrasuoni e salute della pelle

L’azione degli ultrasuoni sulla pelle è stata ben documentata in letteratura, sappiamo infatti che possiamo utilizzare gli ultrasuoni...

medico

Dott. Corbo Andrea

Filler: un’unica soluzione per molteplici “difettucci” del viso

Di trattamento filler si sente parlare sempre più spesso, per questa ragione è bene sapere a cosa ci si riferisce nel dettaglio. Che cosa è il...

medico

Dott. Cassuto Daniel

Freezing? No grazie: trattamenti combinati per il ringiovanimento armonico del volto

Uno dei concetti innovativi della medicina estetica moderna è quello di associare più trattamenti per ottenere un effetto di miglioramento del...

medico

Dott. Guareschi Magda

Filler viso per donare nuova definizione ai lineamenti

I filler viso sono oggi i trattamenti di medicina estetica maggiormente effettuati per donare un aspetto più giovane e fresco al volto e secondo...

medico

Dott. Spagnolo Antonio Daniele

Ringiovanire viso e collo con il lifting senza bisturi

La richiesta di trattamenti sempre meno invasivi e dai risultati naturali ha portato anche in Italia un protocollo di trattamento a ultrasuoni che...

medico

Dott. Fera Giuseppe

(massimo 1000 caratteri)

Commenta l'articolo