Alopecia androgenetica maschile e femminile

Autore: Dott.ssa Basile M. Gaetana (Tania)

Del: 23/08/2015

L'alopecia androgenetica è una forma comune di perdita dei capelli negli uomini e nelle donne.

Negli uomini, l’alopecia androgenetica è nota anche come calvizie maschile. I Capelli cadono seguendo uno schema ben definito che si presenta con una calvizie progressiva, l'attaccatura dei capelli retrocede seguendo una caratteristica forma a "M" fino alla perdita completa dei capelli nei casi più severi. L’Alopecia androgenetica negli uomini è stata associata a diverse patologie, tra cui:

  • Malattia coronarica
  • Allargamento della prostata
  • Cancro alla prostata
  • Diabete
  • Obesità
  • Pressione alta

Il modello di perdita di capelli nelle donne è diverso da quello della calvizie maschile.

Nelle donne, i capelli diventano più sottili su tutta la testa, la calvizie colpisce maggiormente la sommità della testa, mentre l'attaccatura dei capelli non recede. La calvizie si manifesta perché si ha una progressiva miniaturizzazione dei follicoli dei capelli che nel corso del tempo cessano di innescare il ciclo vitale.  L’Alopecia androgenetica nelle donne raramente porta alla calvizie totale. Nelle donne, l'alopecia androgenetica è associata ad un aumentato del rischio di sindrome dell'ovaio policistico (PCOS). In questo caso è caratterizzata da uno squilibrio ormonale che può portare a mestruazioni irregolari, acne, aumento dei peli superflui e aumento di peso.

Quanto è diffusa la alopecia androgenetica?
Anche se l'alopecia androgenetica è una causa frequente della perdita di capelli negli uomini e nelle donne, è più comune negli uomini. L'alopecia androgenetica può iniziare fin da ragazzi e il rischio aumenta con l'età. Nelle donne, la perdita dei capelli è più probabile dopo la menopausa.

Quali geni sono legati all’alopecia androgenetica?
Una varietà di fattori genetici, ambientali, ma anche sconosciuti causano l'alopecia androgenetica. Questa forma di perdita dei capelli è legata agli ormoni chiamati androgeni, in particolare un androgeno chiamato diidrotestosterone. Gli androgeni sono importanti per il normale sviluppo sessuale maschile prima della nascita e durante la pubertà. Gli androgeni hanno anche altre importanti funzioni sia nei maschi che nelle femmine, come la regolazione della crescita dei capelli e del desiderio sessuale.

La crescita dei capelli inizia sotto la pelle in strutture chiamate follicoli. Ogni ciocca di capelli cresce normalmente da 2 a 6 anni, entra in una fase di riposo per diversi mesi, e poi cade. Il ciclo ricomincia quando il follicolo inizia una nuova fase di crescita dei capelli. L'aumento dei livelli di androgeni nei follicoli dei capelli può portare ad un ciclo di crescita dei capelli più breve e capelli più sottili. Inoltre, c'è un ritardo nella crescita di nuovi capelli.

Quali sono le cause dell'alopecia androgenetica?
Genetica ed ereditarietà
La calvizie è la mancanza parziale o totale della crescita dei capelli, ma è assolutamente legata al diradamento dei capelli. 

Quali sono i sintomi che indicano che si tratta di alopecia androgenetica?
Il sintomo più comune di alopecia è la Perdita di capelli progressiva.

Quando è “eccessiva” la perdita dei capelli?
Una capigliatura normale ha dai 100.000 e 150.000 capelli.
Il numero di capelli che normalmente si perdono in modo naturale in una giornata sono in media 100. il volume della capigliatura si mantiene in quanto tanti capelli si pedono e tanti ne crescono. In genere non ci si accorge che avviene un normale ricambio dei capelli, ma quando ci si rende conto che ne cadono troppi si deve capire cosa sta succedendo.
Cosa accade al cuoio capelluto geneticamente predisposto è semplice, il didrotestosterone DHT, un ormone androgenetico, avvia un processo di miniaturizzazione follicolare, in cui il follicolo pilifero comincia a deteriorarsi. Di conseguenza, la fase di crescita del capello (anagen) si accorcia, fino a quando, il follicolo cessa la produzione di capelli completamente.

Psicologia e caduta dei capelli
La psicologia e il diradamento dei capelli sono una questione complessa e delicata per entrambi i sessi. Chi soffre di diradamento dei capelli teme di apparire più vecchio o meno attraenti per gli altri.
Problemi psicologici dovuti alla calvizie, se presenti, sono in genere più gravi all’esordio della calvizie.

La perdita dei capelli indotta dalla chemioterapia potrebbe causare un cambiamento della percezione della propria immagine. In genere si consiglia una terapia di supporto sia la paziente che ai familiari. 

L’alopecia androgenetica e la maggior parte delle forme di alopecia influiscono sulla qualità della vita degli individui che ne vengono colpiti. 


 

Dott.ssa Basile M. Gaetana (Tania)

Autore

Dott.ssa Basile M. Gaetana (Tania)

Medico Chirurgo - N. Iscrizione all' ordine: 8309 - Cosenza

Articoli correlati

Caduta capelli, l’odiata alopecia

La caduta dei capelli parziale o totale è chiamata alopecia che è il termine medico che si usa per identificare la perdita dei capelli. Perché...

Il trapianto di capelli

Il trapianto di capelli comporta la rimozione di piccoli lembi di capelli dal cuoio capelluto da un sito donatore per essere trasferiti in una zona...

Visita tricologica, contro la caduta dei capelli

La visita tricologica è il primo passo da fare per il trattamento delle patologie e della caduta dei capelli. cosa significa visita tricologica? La...

Trapianto sopracciglia

Vivere senza sopracciglia può essere imbarazzante. Il Trapianto sopracciglia è un intervento di chirurgia ricostruttiva per ripristinare le...

Trapianto di capelli - FUE

Il trapianto di capelli FUE è il trapianto di capelli più avanzato per trattare la calvizie e l'alopecia in uomini e donne. Che cosa è un trapianto...

Trapianto capelli donne: non per tutte

Per la quasi totalità degli uomini il trapianto di capelli è la migliore soluzione al problema della calvizie, mentre il trapianto dei capelli...

(massimo 1000 caratteri)

Commenta l'articolo