La mastectomia e la ricostruzione del seno

La mastectomia e la ricostruzione del seno


Mer 01/07/2015 | Dott. Tania Basile

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

La mastectomia e la ricostruzione del seno possono essere considerate parte del trattamento del cancro al seno. Si può iniziare a parlare di ricostruzione, sin dal momento in cui è stato diagnosticato un cancro.
Per una ricostruzione di successo e soddisfacente dovranno collaborare l’oncologo, il chirurgo plastico esperto in ricostruzione del seno e tutta l’equipe medica coinvolta in ogni singolo caso.
La chirurgia ricostruttiva consente di usare diversi interventi, che vanno dall’uso delle protesi a quello di materiale autologo reimpiantato.


La Mastectomia e La ricostruzione del seno
Dopo la mastectomia la ricostruzione del seno fa parte integrante del trattamento del cancro del seno.
I limiti che questo tipo di intervento presenta sono ormai superati, grazie all’uso:



  • degli impianti protesici

  • al trasferimento di lembi di tessuto

  • grasso autologo.


La ricostruzione del seno deve essere eseguita per risolvere i seguenti problemi:



  • ripristino dei tessuti cutanei e sottocutanei

  • creazione del seno

  • ricostruzione dell’areola e del capezzolo

  • simmetria del seno


Mastectomia e ricostruzione seno: le tecniche
la ricostruzione mammaria si esegue grazie a 2 tecniche distinte, ma che in alcuni casi possono anche essere combinate. Queste tecniche sono:



  • Ricostruzione del seno con protesi

  • Ricostruzione del seno con trasferimento di tessuti autologhi


L’evoluzione della chirurgia per la Mastectomia e per la ricostruzione del seno
Sempre meno si ricorre alla mastectomia e sempre più si usano le tecniche di chirurgia conservativa del seno. La combinazione tra chirurgia conservativa e trattamenti ha consentito e consente di mantenere una buona parte della mammella andando ad asportare solo la parte interessata dal cancro.
In questi casi si potranno prendere in considerazione degli interventi di rimodellamento del seno.  


Dopo la Mastectomia: la ricostruzione del seno
la ricostruzione dipende da alcune variabili che sono esclusive di ciascun individuo come:



  • storia medica

  • la salute generale

  • opzioni ricostruttiva

  • età

  • salute

  • tipo di corpo

  • stile di vita

  • gli obiettivi


Il chirurgo dovrebbe spiegare i limiti, i rischi e benefici di ogni opzione. il seno ricostruito non sarà come il seno naturale


la mastectomia e la ricostruzione seno:   i tipi di mastectomia
Una mastectomia è un intervento chirurgico per rimuovere un seno.
In passato, una mastectomia radicale con rimozione completa del seno era il trattamento standard per il cancro al seno. Ma le innovazioni chirurgiche negli ultimi 2 decenni hanno dato alle donne più opzioni che mai con trattamenti:



  • Meno invasivi

  • Meno mutilanti

  • Più conservativi


Il tipo di mastectomia dipende da molti fattori, tra cui:



  • età

  • Salute generale

  • menopausa

  • le dimensioni del tumore

  • la diffusione del tumore

  • l’aggressività del tumore

  • se non sono coinvolti i linfonodi


Vari tipi di mastectomia sono disponibili per un trattamento personalizzato e solo il lavoro tra oncologo e chirurgo plastico potranno fornire la migliore indicazione sull’intervento da fare.


Che cosa è una mastectomia radicale?
Una mastectomia radicale è la rimozione completa del seno, compreso il capezzolo.
Il chirurgo rimuove anche la pelle sovrastante, i muscoli sotto il seno e i linfonodi.
La mastectomia radicale è raramente eseguita, solo in casi come di tumore diffuso al muscolo pettorale, vi si potrebbe ricorrere.
Comprendere al meglio la ricostruzione del seno significa capire come avviene una , mastectomia e il grado di mutilazione che apporta.  


Che cosa è una mastectomia radicale modificata?
Una procedura meno traumatica e più ampiamente utilizzata è la mastectomia radicale modificata .
Con la mastectomia radicale modificata, l'intera mammella viene rimossa con i linfonodi ascellari.
Ma muscoli del torace sono lasciati intatti.
La conservazione dei muscoli pettorali ha consentito di:



  • ottenere una estetica superiore 

  • ridurre il difetto volumetrico

  • facilitare la ricostruzione mammaria

  • soddisfare il criterio di radicalità locale che ha sempre la precedenza su tutto


La pelle che copre la parete toracica può o non può essere lasciata intatta.
La procedura può essere seguita con la ricostruzione del seno.


Mastectomia e ricostruzione del seno: terapie conservative
Gli studi comparativi tra la mastectomia totale da sola e il trattamento conservativo integrato hanno mostrato risultati sovrapponibili. 
La mastectomia con risparmio di cute
Questo tipo di intervento prevede



  • l’asportazione di tutta la ghiandola

  • rispetto della radicalità locale

  • risparmiare tutta la cute, ad eccezione dell’areola e del capezzolo

  • vantaggi per la ricostruzione, soprattutto immediata.


Che cosa è una mastectomia parziale?
E 'un metodo conservativo del seno in cui il tumore e il tessuto circostante sono tutto ciò che è rimosso. L'intervento è seguito da radioterapia.


Mastectomia e ricostruzione del seno:  Tornando alla normalità
Così come ci vuole tempo per abituarsi alla perdita di un seno, ci vuole tempo per iniziare a pensare al seno ricostruito.
L’equipe medica e il chirurgo plastico saranno in grado di supportare questa fase così difficile. 




 

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO


Articoli correlati

Ricostruzione del seno

Lun 23/11/2020 | Dott. Giulio Giammarioli

Ricostruzione del seno

Lun 16/11/2020 | Dott. Giuseppina Ambrosio

Ricostruzione del seno

Mar 03/11/2020 | Dott. Caterina Bonarrigo

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x