Rinoplastica: necessità o semplice estetica?

Rinoplastica: necessità o semplice estetica?


Mer 13/08/2014 | Dott. Tania Basile

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

La rinoplastica è un intervento chirurgico per riparare o rimodellare il naso.


Come avviene l’intervento


La rinoplastica può essere eseguita sia in anestesia locale sia generale, a seconda della gravità della malformazione in caso medico  o a preferenza del paziente se si tratta solo di un fattore estetico.


Si esegue in ospedale o in un centro di chirurgia ambulatoriale. Procedure complesse che richiedono più di 2 ore di lavoro solitamente hanno bisogno di un breve ricovero ospedaliero.


Con l'anestesia locale, il naso e la zona circostante sono intorpiditi. Il paziente è leggermente sedato, ma sveglio durante l'intervento chirurgico.


L'anestesia generale permette di dormire per tutto il tempo dell'operazione.


L'intervento di solito è fatto attraverso un’incisione realizzata all'interno delle narici. In alcuni casi, il taglio è effettuato dall'esterno, intorno alla base del naso. Questo tipo di taglio è utilizzato per eseguire lavori sulla punta del naso o se c’è bisogno di un trapianto di cartilagine.


Una stecca (metallo o plastica) può essere posto sulla parte esterna del naso. Questo aiuta a mantenere la nuova forma dell'osso quando l'intervento è finito. Stecche di plastica morbida possono anche essere messe nelle narici. Questo aiuta a mantenere la parete divisoria del passaggio di aria (setto) stabile.


Perché si esegue la rinoplastica


La rinoplastica è una delle più comuni procedure di chirurgia plastica.


Può essere utilizzata per:



  • Ridurre o aumentare le dimensioni del naso;

  • Cambiare la forma della punta o del ponte nasale;

  • Limitare l'apertura delle narici;

  • Modificare l'angolo tra il naso e il labbro superiore;

  • Correggere un difetto di nascita o lesioni;

  • Contribuire ad alleviare alcuni problemi di respirazione.


La rinoplastica è considerata elettiva quando è fatta per ragioni estetiche. In questi casi, lo scopo è di cambiare la forma del naso al paziente che non si trova a suo agio con sé stesso.


Molti chirurghi preferiscono eseguire interventi di chirurgia estetica del naso dopo che l'osso nasale ha finito di crescere. Si tratta di aspettare fino a 14 o 15 anni per le ragazze e un po’ più tardi per i ragazzi.


I rischi sono gli stessi di qualsiasi intervento chirurgico e comprendono nello specifico:



  • Emorragia;

  • Infezione;

  • Lividi.


I rischi legati all’anestesia sono:



  • Reazioni ai farmaci;

  • Problemi respiratori.


Dopo l'intervento chirurgico, i piccoli vasi sanguigni che sono scoppiati possono apparire come piccole macchie rosse sulla superficie della pelle. Queste sono di solito lievi, ma sono permanenti. Non restano cicatrici visibili se la rinoplastica è eseguita dall'interno del naso. Se la procedura restringe le narici, ci possono essere piccole cicatrici alla base del naso che di solito non sono visibili.


In rari casi, è necessaria una seconda procedura di rinoplastica per correggere una deformità minore.


Subito dopo l'intervento chirurgico, il naso e il viso saranno gonfi, tumefatti e doloranti, accompagnati da un bel mal di testa che passerà in breve tempo.


Il tamponamento nasale è solitamente rimosso dopo 3-5 giorni, a quel punto il paziente si sentirà più a suo agio, nonostante il recupero completo richiederà diverse settimane.


La guarigione è un processo lento e graduale. La punta del naso può avere qualche gonfiore e intorpidimento per mesi.


 


 


 

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO


Articoli correlati

Rinoplastica

Mer 16/09/2020 | Dott. Francesco Ricciuti

Rinoplastica

Mar 25/08/2020 | Dott. Fabio Corazzi

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x