Radiofrequenza viso e ultrasuoni microfocalizzati: quali sono le differenze?

Radiofrequenza viso e ultrasuoni microfocalizzati: quali sono le differenze?


Mar 30/06/2020 | Dott. Nino Favoriti

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Radiofrequenza viso e ultrasuoni microfocalizzati sono entrambe tecniche di medicina estetica non invasiva, che permettono di ottenere un naturale effetto lifting sulla pelle del viso perché stimolano la rigenerazione profonda del tessuto, migliorandone la texture e appianando le rughe.

Il risultato che si ottiene è un qualcosa di armonico, un miglioramento naturale della bellezza del volto. Quello che gli altri notano dall’esterno è un effetto piacevole, ma non innaturale.
La tendenza attuale della medicina estetica è proprio questo: mettere a punto trattamenti non invasivi per permettere alla pelle di rigenerarsi in modo naturale.

Per meglio capire quali sono i processi alla base della rigenerazione cutanea, è utile conoscere quali sono i vari strati della pelle.
Lo strato più esterno è l’epidermide. Essa ha due funzioni principali, quella di regolare la temperatura corporea attraverso la traspirazione, e quella di proteggere gli strati sottostanti dai fattori esterni.

Andando più in profondità troviamo invece il derma, un tessuto di tipo connettivo che svolge un’importante funzione di sostegno per l’epidermide. Le due proteine che formano questa sorta di “impalcatura” di sostegno sono principalmente due: il collagene e l’elastina.

Il terzo strato è l’ipoderma, chiamato anche più semplicemente tessuto sottocutaneo e costituito principalmente da uno strato adiposo ed uno muscolare.

Con l’età adulta la pelle inizia a subire gradualmente dei cambiamenti. L’epidermide si assottiglia e perde idratazione, mentre l’organismo inizia a produrre minori quantità di collagene ed elastina. Il tessuto adiposo in alcuni punti si accumula e in altri perde spessore. La fascia di tessuto muscolare perde gradualmente tonicità.

Questi processi iniziano già intorno ai 30 anni, ma i segni dell’invecchiamento cutaneo iniziano a diventare visibili in genere intorno ai 40. La pelle appare più secca e disidratata, si accentuano le rughe di espressione, si ha una perdita in tonicità ed elasticità, la texture è meno liscia e il colorito più spento.

La radiofrequenza e gli ultrasuoni microfocalizzati sono due tecniche che sfruttano il principio del calore per riscaldare il tessuto epidermico in profondità. In questo modo, riattivano la neocollagenesi, ossia il processo di produzione di nuovo collagene. Il calore determina inoltre anche una contrazione del tessuto, che riacquista una maggiore tonicità e compattezza.

È proprio questo il motivo per cui il risultato che si ottiene è un miglioramento della bellezza naturale della pelle: il processo che le due tecniche vanno a innescare è assolutamente fisiologico. Quello che si va a fare è fornire un supporto utile per stimolare il rinnovamento cutaneo.

La radiofrequenza viso: cos’è e come funziona


La radiofrequenza è un trattamento di medicina estetica non invasivo particolarmente efficace nel contrastare i segni dell’invecchiamento.

La tecnica è definita anche lifting senza bisturi, perché in grado di migliorare, senza ricorrere ad un intervento chirurgico, compattezza e texture della pelle, appianando al contempo le rughe che si formano su viso, collo e decolté.

La radiofrequenza viene realizzata attraverso dei manipoli che emettono onde radio, che a loro volta trasmettono calore ai vari strati della pelle, stimolando i fibroblasti a produrre collagene, la proteina principale del tessuto connettivo dell’epidermide.

L’attivazione del processo di neocollagenasi migliora elasticità e tonicità della pelle, facendo apparire il viso più giovane, fresco e luminoso. Grazie alla sintesi di nuovo collagene si vanno inoltre a riempire i solchi delle rughe, facendo apparire la pelle più liscia e compatta.
Questi trattamenti possono essere associati senza alcun problema a trattamenti iniettivi con acido ialuronico in quanto possono potenziare e migliorare il risultato.

A chi è indicata


È indicata su tutte le pelli che hanno avuto una perdita di tonicità, e per chi vuole prevenire la formazione di rughe in maniera naturale senza intervenire con altre sostanze.
Si può effettuare in qualsiasi età, quello che varia è il numero di sedute e la frequenza.

I benefici/risultato


Abbiamo già dal primo trattamento una pelle più tonica, compatta, levigata, che migliora nei giorni successivi grazie alla stimolazione del collagene, quindi c’è bisogno di un po’ di tempo per apprezzare il risultato.

Le controindicazioni


Non ci si deve esporre al sole nei giorni successivi, sempre con protezione solare, si può avere un lieve gonfiore del volto per 24 ore ma con creme decongestionanti va via molto velocemente.

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO


Articoli correlati

Radiofrequenza Viso

Mer 16/09/2020 | Dott. Francesco Ricciuti

Radiofrequenza Viso

Mar 25/08/2020 | Dott. Fabio Corazzi

Radiofrequenza Viso

Ven 31/07/2020 | Dott. Ludovico Palla

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x