Accesso
Dottori

Fotoaging


Mar 13/09/2022 | Redazione Tuame

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

DEFINIZIONE

Il fotoaging, o fotoinvecchiamento, è una condizione nella quale l’esposizione protratta ai raggi ultravioletti della luce solare determina uno stato di invecchiamento precoce e generalizzato della superficie cutanea. Nel lungo periodo, tale esposizione prolungata può arrecare dei veri e propri danni biologici alle cellule della cute, a causa della formazione di radicali liberi che si accumulano nel genoma. A questo scopo, la medicina estetica e la dermatologia intervengono congiuntamente per minimizzare l’impatto sfavorente della luce solare, attenuando inestetismi come pelle secca e desquamazione.

COS’È

Il fotoaging è anche noto come fotoinvecchiamento e consiste in un particolare stato in cui la superficie cutanea riceve dei danni estetici vistosi, a causa dell’azione prolungata dei raggi solari su di essa. A lungo andare, i raggi ultravioletti del Sole impattano sul genoma contenuto nel nucleo cellulare, arrecandovi mutazioni e danni cellulari, che portano ad effetti come pelle desquamata, ruvida e secca. In casi più gravi l’informazione genetica viene tanto alterata da determinare la comparsa di carcinomi della cute.

A livello estetico, la superficie cutanea appare corrugata e desquamata, costellata da macchie solari ipercromatiche e zone di vasodilatazione con i capillari arrossati. Per tale ragione, numerosi trattamenti di medicina estetica possono essere messi in atto per frenare l’incedere del fotoinvecchiamento, anche agendo in via preliminare tramite la prevenzione, evitando di utilizzare ad esempio le lampade abbronzanti.

SINTOMI E CLASSIFICAZIONE

Il fotoaging, o fotoinvecchiamento, rivela quei segni inestetici che inesorabilmente vengono a manifestarsi in seguito alla prolungata esposizione alla luce solare, tra cui:


  • Perdita graduale del tono elastico cutaneo;

  • Perdita di tonicità della cute, la quale diventa più lassa;

  • Manifestazione più evidente delle rughe statiche, specie quelle frontali;

  • Secchezza della pelle e desquamazione;

  • Formazione di fenomeni ipercromatici locali, come macchie solari e lentigo;

  • Cheratosi attinica;

  • Aumento del flusso sanguigno capillare e vasodilatazione riflessa;

  • Neoplasie maligne della pelle, soprattutto di tipo melanocitario.


La classificazione del fotoaging può essere effettuata in ragione dei segni antiestetici prodotti dalla luce solare nel corso del tempo, distinguendo un fotoinvecchiamento appena accennato, con formazione più evidente delle rughe statiche e un fotoaging di entità più severa, con la produzione di vere e proprie macchie solari e ipercheratosi.

CAUSE E DIAGNOSI

La causa principale dei danni estetici procurati dal fotoaging è da ricercare nella formazione di molecole chimiche instabili e altamente reattive provocate dall’azione dei raggi ultravioletti del Sole.

In special modo i raggi UV-B, infatti, determinano una serie di meccanismi cellulari che portano il genoma a diventare instabile e ad accumulare mutazioni su mutazioni, che conducono la cellula sulla via della senescenza.

Anche altri fattori, a parte la diretta luce del Sole, come le lampade abbronzanti, inibiscono la deposizione di collagene da parte dei fibroblasti del derma e, dunque, la generazione di nuovo tessuto cutaneo.

La diagnosi di fotoaging, o fotoinvecchiamento, può essere effettuata sia dal medico dermatologo che dal medico di medicina estetica dopo aver provveduto a ispezionare accuratamente la superficie cutanea del paziente, alla ricerca di rughe statiche, discheratosi, pelle ruvida, secca e desquamata.

TRATTAMENTI

Per contrastare la formazione dei segni antiestetici conseguenti al processo di fotoaging, la medicina estetica può intervenire in diversi modi:

  • Peeling chimico, ricorrendo ad opportune sostanze come l’acido cogico o altri alfa-idrossiacidi. Tramite il peeling chimico, si procede ad esfoliare in maniera selettiva lo strato superficiale della cute, attenuando dunque la presenza di fastidiosi inestetismi come le rughe statiche o le macchie solari.

  • Needling, o microperforazione cutanea. Mediante questa procedura, il medico di medicina estetica effettua delle piccolissime iniezioni seriate sulla cute, direttamente a livello dermico. Il fine è quello di stimolare in profondità l’attività dei fibroblasti, inducendo la deposizione di collagene e la formazione di nuovo tessuto.

  • Acido trans-retinoico. Applicando in sede l’acido trans-retinoico, anche noto come tretinoina, si stimola l’attività proliferativa e rigenerativa dei fibroblasti dermici, incrementando lo sviluppo di nuovo collagene.


RISCHI E COMPLICAZIONI

I trattamenti messi in atto per attenuare i segni antiestetici prodotti dal fotoaging non sortiscono particolari complicazioni, se non per effetti collaterali molto tenui come:

  • Eritema e gonfiore;

  • Formazione di minime raccolte petecchiali;

  • Sanguinamenti superficiali;

  • Erosione cutanea.


FONTI:

  • Tullio Cainelli, Alberto Giannetti, Alfredo Rebora, Manuale di dermatologia medica e chirurgica, McGraw Hill 2017.

  • Carlo D’Aniello, Manuale di Medicina Estetica, Masterbooks, 2019.

  • Alberto Massirone, Trattato di Medicina Estetica, Piccin Nuova-Libraria, 2010.


Articoli correlati

Terapia fotodinamica

Ven 01/04/2016 | Dott. Basile M. Gaetana

Terapia fotodinamica

Ven 01/04/2016 | Dott. Basile M. Gaetana

Accesso contenuti completi

x