I trend 2018 e la “Watch List” 2019

Autore: Dott. Di Mattei Di Matteo Oreste

Del: 14/01/2019

Da una ricerca di RealSelf rileviamo le ultime tendenze annuali relative all'interesse dei consumatori nei trattamenti estetici. Secondo questa analisi, trattamenti popolari come la tossina botulinica e la mastoplastica additiva continuano a essere tra i più ricercati, tuttavia l'interesse per le procedure chirurgiche meno invasive e le nuove soluzioni di trattamento come il microneedling e la terapia PRP per la perdita dei capelli sono in aumento.   
Mentre continuiamo a vedere un alto interesse per le procedure chirurgiche, i progressi tecnologici hanno ampliato le opzioni di trattamento minimamente invasive e contribuito a rendere l'estetica più accessibile a donne e uomini di tutte le età.

La crescita delle procedure minimamente invasive riflette il crescente interesse per le opzioni di trattamento che forniscono risultati con tempi di inattività ridotti, e le tendenze osservate su RealSelf indicano che questa domanda continuerà a salire nel 2019.
 L'interesse per i trattamenti che migliorano le condizioni della pelle, dall'acne alle cicatrici, ha visto una rapida crescita degli interessi nel 2018 e si prevede continueranno la loro ascesa nel 2019. Celebrità e altri influencer hanno contribuito ad elevare la conversazione e ridurre lo stigma sulle procedure cosmetiche condividendo le loro esperienze di trattamento sui social media. Poiché i progressi della tecnologia aiutano a rendere l'estetica accessibile a un pubblico più ampio, più persone hanno la possibilità di scegliere procedure che supportano la loro individualità e la personale definizione di bellezza. 

La watch list 2019 Gli iniettabili sono più accessibili che mai

Microneedling con plasma ricco di piastrine (PRP) e micro-botulino acquisiranno slancio nel prossimo anno. Il Microneedling è una procedura per il ringiovanimento della pelle minimamente invasiva che implica l'uso di uno speciale rullo o dispositivo con aghi per creare una lesione cutanea controllata. Tale “lesione” provocherà la naturale produzione di nuovo collagene ed elastina. Con il il processo di neovascolarizzazione e neocollagenesi, vi è un miglioramento nella struttura della pelle e il rassodamento della stessa. Il Micro-Botulino comporta l'iniezione di piccole quantità di neuromodulatore all'interno degli strati superiori della pelle per migliorare il tono della pelle e distendere le rughe. Il micro-botulino occupa il primo posto tra i trattamenti più richiesti per il secondo anno consecutivo e l'interesse è aumentato nel 2018 dell'11% rispetto al 2017. 

Rinoplastica non chirurgica - rinofiller

La rinoplastica è una delle procedure di chirurgia plastica più conosciute. Si stima che ci siano un quarto di milione di procedure di rimodellamento del naso ogni anno. Forse, questo è perché il naso è fondamentale quando si tratta di stabilire la simmetria del volto. Anche se la rinoplastica è molto popolare, viene lentamente sostituita con interventi non chirurgici al naso. La rinoplastica non chirurgica utilizza filler dermici per rimodellare il naso in una semplice procedura di breve durata. Il filler dermico utilizzato è composto di acido ialuronico, una sostanza che si trova naturalmente nel corpo umano. Si stima inoltre che il filler duri da uno a due anni. Vedremo sempre più persone optare per questa procedura in alternativa alla rinoplastica.  

PRP – plasma ricco di piastrine

L'ultima tendenza prevista di chirurgia plastica per il 2019 è l'iniezione di PRP.  Le Iniezioni di PRP vengono eseguite utilizzando il sangue stesso del paziente. Il sangue viene centrifugato per estrarre le piastrine dall'interno. Il plasma piastrinico viene quindi iniettato nuovamente nel paziente, mirando alle aree problematiche. Le iniezioni di PRP sono diventate rapidamente una procedura popolare per il trattamento della perdita di capelli, così come per il trattamento del viso.   

Quali sono i trattamenti e gli interventi che hanno avuto maggiore successo nel 2018?

Ecco la lista dei 10 trattamenti di chirurgia plastica più ricercati nel 2018
1. Mastoplastica additiva
2. Addominoplastica
3. Brazilian Butt Lift (lipofilling glutei)
4. Rinoplastica
5. Liposuzione
6. Chirurgia delle palpebre
7. Mastoplastica riduttiva
8. Addominoplastica post-parto
9. Lifting viso
10. Mastopessi 

Ecco la lista dei 10 trattamenti di medicina estetica più ricercati nel 2018
1. Tossina botulinica
2. Crioterapia
3. Filler labbra
4. Depilazione laser
5. isotretinoina (acido retinoico)
6. Rimozione dei nei
7. Trattamento acne
8. Microneedling
9. Filler rughe acido ialuronico
10. Peeling chimico 




Fonti
www.prime-journal.com
Realself.com
Dott. Di Mattei Di Matteo Oreste

Autore

Dott. Di Mattei Di Matteo Oreste

Dottore in Farmacia e Founder Tuame

in News

Articoli correlati

Baby Boomers, desiderio di giovinezza e bellezza : interventi più richiesti

Lifting e trapianti di capelli protesi del mento, lifting della fronte ed aumento delle labbra: sono questi gli interventi più richiesti dai Baby...

L’ intelligenza artificiale nella medicina estetica

In che modo l’ intelligenza artificiale può cambiare la medicina estetica e la chirurgia plastica? Quali sono le scoperte scientifiche e le...

Salute della donna con protesi mammaria: i nuovi impegni della FDA

La FDA affronta la questione emersa recentemente sulla sicurezza di alcune protesi mammarie e la loro correlazione al rischio di linfoma a...

Tecniche SEO in medicina e chirurgia estetica

Maria Di Matteo - Seo Specialist Per i medici estetici o chirurghi plastici è realmente importante essere online? Prima di rispondere a questa...

Intercettare i bisogni dei pazienti nel web: alla scoperta del patient journey

Internet e Social Network sono parti fondamentali di ogni settore, ad esempio in ambito sanitario la comunicazione digitale contribuisce...

Patient engagement per migliorare l'esperienza del paziente

Il coinvolgimento dei pazienti viene sempre più riconosciuto come parte integrante della loro cura ed una componente fondamentale dei servizi...

(massimo 1000 caratteri)

Commenta l'articolo