Flebologia medica e flebologia estetica due trattamenti diversi ma simili…

Flebologia medica e flebologia estetica due trattamenti diversi ma simili…


Gio 03/07/2014 | Dott. Tania Basile

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Patologie pesanti come trombosi venosa, varici, disturbi trofici, linfedema rappresentano una piccola parte dell'attività del flebologo, una figura professionale, nell’ambito della medicina che sempre più spesso è richiesta in chirurgia estetica.

Il 55% delle visite al flebologo sono di natura estetica. Per il 90% delle donne circa, l'aspetto estetico delle gambe è molto importante, la maggior parte di loro si aspetta dal flebologo un trattamento che risolva definitivamente i loro problemi:


  • Varicosi;

  • Pigmentazione;

  • Cellulite e ritenzione idrica.


Tali patologie sono comunemente soddisfatte dal flebologo. La cellulite è una malattia femminile progressiva estremamente comune e con molteplici cause:

  • Componente genetica;

  • Circolazione;

  • Ormoni;

  • Squilibri alimentari;

  • Stress.


Tutti questi fattori portano a disfunzioni cellulari responsabili di adiposi, fibrosi e ritenzione idrica, e grossi problemi venosi che sono di competenza della branca di flebologia medica e flebologia estetica.

Le vene sono i vasi sanguigni che restituiscono il sangue non ossigenato al cuore e ai polmoni. Quando le vene diventano troppo pesanti, o s’ingrandiscono troppo, sono chiamate vene varicose. Generalmente, sono le vene di gambe e cosce che hanno la tendenza a diventare varicose.

A questo punto entra in scena la flebologia sia medica sia estetica, a secondo del problema.

La tecnica di chirurgia più comune è la legatura, questa di solito comporta un’incisione all'inguine di circa 2-4 cm, e identificata la vena safena, si lega dove entra la vena femorale. La procedura è eseguita in anestesia generale.

Lo stripping, invece, comporta almeno 2 incisioni, 1 all'inguine e 1 al ginocchio. Uno strumento particolare è posto sotto la pelle tra i 2 punti, e la vena safena è trascinata fuori dal tunnel.

Questa tecnica lascerà:

  • Cicatrici da incisioni;

  • Lividi;

  • Sanguinamento.


Per lo strippaggio, è necessario un periodo di recupero di 5-10 giorni prima di tornare ad una routine regolare. Per la legatura, qualche giorno è più che sufficiente.

C’è poi la laser terapia endovascolare, una nuova tecnica nell’area della flebologia medica che utilizza un laser per distruggere la vena. La procedura viene di solito eseguita in un ambulatorio medico e dura circa 30-45 minuti. Un piccolo laser viene passato in vena con la guida di una macchina ad ultrasuoni. Il laser poi “cuoce” l'intera vena. Il laser è sparato in più posizioni e l'intera procedura è eseguita in anestesia locale. Il recupero è rapido e il dolore  minimo. La procedura è relativamente nuova e fatta eccezione per qualche livido e una mite sensazione paralizzante, non ci sono altri effetti collaterali.

Alla luce di ciò, possiamo affermare che questa branca della medicina, la flebologia, incontra notevole successo sia in campo medico sia estetico.

 

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO


Articoli correlati

Corpo

Mer 16/09/2020 | Dott. Francesco Ricciuti

Corpo

Mar 25/08/2020 | Dott. Fabio Corazzi

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x