Invecchiamento: i Biomarkers lo misurano?

Invecchiamento: i Biomarkers lo misurano?


Gio 02/01/2020 | Dott. Tania Basile

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Cosa sono i biomarkers per l’invecchiamento?


L'invecchiamento è un processo che interessa tutto l’organismo, avanza in modo graduale e rende più fragili e vulnerabili.

Perché si invecchia e quali sono i maggiori fattori scatenanti?


La scienza cerca di capire quali meccanismi siano coinvolti nell’invecchiamento.

Ci sono varie teorie che vogliono spiegare l’invecchiamento e gli studi ad esse correlati servono anche a sviluppare interventi diretti sulle cause dell’invecchiamento.

Intervenire sull’invecchiamento significa:

  • rallentare il fisiologico processo d’invecchiamento

  • invecchiare in modo sano.


Si può misurare lo stato d’ invecchiamento?


I biomarkers o biormarcatori, vengono proposti per l’invecchiamento per misurare la funzionalità di alcuni organi ed apparati per aiutare ad avere una vecchiaia sana.

A questo riguardo si devono raccogliere ulteriori dati, condurre studi comparati nell’ambito della ricerca sull'invecchiamento sano.

 

I biomarkers per l’invecchiamento: solo questione di età?


Che cos’è l’età?

L’età è il tempo trascorso dalla nascita, ma oggi si possono dare diversi  significati per lo stesso termine come ad esempio:

età cronologica. È quella che va dalla nascita, Più anni più si è vecchi.

età biologica. Misura delle funzionalità dell’organismo. Con l’avanzare degli anni avvengono dei cambiamenti fisici e biologici in:

  • cellule

  • tessuti

  • organi

  • sistemi


l’età biologica è multifattoriale ed entrano in gioco:

  • genetica

  • comportamento: stile di vita e alimentazione

  • ambiente: clima e inquinamento


età funzionale. Misura la funzionalità dell’organismo, organi, tessuti e funzionalità motoria

età psicologica. misura la capacità di adattarsi alle circostanze, l’età psicologica coinvolge moltissimi altri fattori.

 

I biomarkers per l’invecchiamento: cosa misurano?


I biomarkers sono una serie di indicatori che permetterebbero di calcolare l’età biologica.

Il condizionale è importante perché stabilire l’età biologica di una persona,  non sarebbe ancora possibile secondo alcuni riceratori.

I cambiamenti legati all'età possono fungere da biomarkers di un individuo e prevedere l'insorgenza di malattie.

La comparsa di malattie o degenerazioni non sempre sono legate all’età cronologica.

I cambiamenti:

  • iniziano in diverse parti del corpo e dell’organismo

  • in tempi diversi

  • variano da persona a persona

  • sono difficili da misurare con precisione.


Questi cambiamenti provocano l'invecchiamento biologico.

Molti problemi associati all’invecchiamento dipendono anche dalla cura di sé sia fisica che mentale.

Il fumo, prendere il sole senza precauzioni o l’eccesso di cibo, hanno un impatto negativo sulla età biologica.

Secondo le teorie sull’invecchiamento, si potrebbe fare molto per rallentare l'età biologica, perché alcuni dei fattori che influiscono sull’invecchiamento biologico sono modificabili.

 

Biomarkers per l’invecchiamento: quali sono?


Secondo i sostenitori dei biomarkers un “vero” biomarker dell'invecchiamento deve soddisfare determinati criteri che sono:

  • accuratezza

  • semplicità

  • costo ridotto

  • indolore

  • precisione


Non tutti gli esperti del settore, sono convinti che i biomarcatori dell'invecchiamento esistano realmente.

 

I biomarkers per l’invecchiamento: quali si usano?


Tra i biormarkers più usati ci sono quelli per misurare anche se non in modo stanardizzato:

  • capacità fisica

  • funzione fisiologica

  • funzione cognitiva

  • funzione endocrina

  • funzione immunitaria

  • Altri


 

I biomarkers per l’invecchiamento:

A causa della complessità dei meccanismi biologici e molecolari dell'invecchiamento, nessun singolo biomarker fornirà una valida misura standard di invecchiamento.

Attualmente molti biomarkers si propongono come innovativi grazie alle:

  • nuove tecnologie di analisi

  • maggiore conoscenza sulla funzionalità molecolare

  • maggiore conoscenza delle disfunzioni cellulari


Tuttavia, ancora non ci sono biomarkers che possano predire in modo affidabile come sarà l'invecchiamento biologico e dare  una misura per mantenere una salute ottimale.

 

I biomarkers per l’invecchiamento: rallentare il processo

La ricerca studia l’invecchiamento e come rallentarlo per una vecchiaia sana.

Cosa si propone per rallentare il processo d’invecchiamento?


Attualmente, sono necessari studi a lungo termine per rispondere in modo adeguato a questa domanda.

I biomarkers vengono proposti per misurare degli aspetti:

  • nell’immediato

  • specifici.


I biomakers per l'invecchiamento: La durata della vita.


Il processo di invecchiamento e le malattie possono provocare cambiamenti che influenzano la durata della vita.

I biormarkers per l’invecchiamento richiedono ancora molta ricerca per una standardizzazione per un sano invecchiamento perché sono coinvolte tutte le funzioni vitali dell’organismo umano.

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO


Articoli correlati

Uncategorized

Mer 16/09/2020 | Dott. Francesco Ricciuti

Uncategorized

Mar 25/08/2020 | Dott. Fabio Corazzi

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x