Ringiovanire il volto con la tossina botulinica

Dott. Muti Gabriele F.


Con il processo d’invecchiamento, i tessuti tendono a ridursi nello spessore dando al viso un aspetto “scheletrizzato”. In aiuto a questo processo fisiologico vi sono i filler che permettono di addolcire l’aspetto generale del viso ridando sostanza ala tessuto sottocutaneo.

Nel campo delle soluzioni non chirurgiche del viso di medicina estetica vi sono numerosi trattamenti dai laser, ai peeling, agli ultrasuoni fino a giungere a trattamenti biorivitalizzanti.
Non bisogna dimenticare uno dei trattamenti più performanti in questo campo, la tossina botulinica.

La tossina botulinica agisce non solo sulla muscolatura ma anche sulla secrezione ghiandolare ed è modulabile a seconda dell’effetto desiderato.