Body contouring: il trattamento per rimodellare il corpo, anche senza chirurgia

Autore: Dott. Bovani Bruno

Del: 17/06/2020

I trattamenti corpo vengono richiesti in chirurgia estetica per ottenere un rimodellamento e un miglioramento del proprio profilo corporeo. Quello che si desidera ottenere è principalmente l’eliminazione degli accumuli adiposi localizzati e la tonificazione del tessuto cutaneo, che per svariati motivi può apparire più lasso e cedere, scivolando verso il basso per forza di gravità.

La tecnica di riferimento in chirurgia estetica per il rimodellamento corpo è la liposuzione, un intervento chirurgico che prevede l’eliminazione del grasso in eccesso attraverso delle cannule collegate ad un aspiratore, ed il conseguente compattamento del tessuto cutaneo attraverso l’asportazione della parte in eccesso.

Se si fa però riferimento alle tendenze più attuali di medicina estetica, è evidente che si stanno cercando di mettere a punto delle tecniche sempre meno invasive, che non richiedono l’intervento chirurgico. Così come accade per i trattamenti viso, anche per il corpo è possibile ricorrere a trattamenti non invasivi o mini invasivi, che abbiano come obiettivo sempre il rimodellamento del profilo corporeo, eliminando le adiposità localizzate e compattando il tessuto cutaneo per ottenere un miglioramento in termini di tonificazione.

Il body contouring è un termine con il quale ci si riferisce ai trattamento di rimodellamento corpo in generale, sia quelli realizzati con tecniche chirurgiche e sia quelli effettuati con tecniche non invasive o mini invasive. La decisione di ricorrere alla chirurgia o meno spetta al medico estetico, che sulla base di una valutazione anamnestica e clinica pre-trattamento, sceglierà di optare per l’una o per l’altra.

Guardando al body contouring attraverso le tendenze attuali di medicina estetica, si pensa di più ad un rimodellamento senza chirurgia, utilizzando delle tecniche più innovative ma meno invasive, che non richiedono né ricovero e né anestesia, e con tempi di recupero brevi o addirittura nulli. Le tecniche vanno dal laser alla radiofrequenza, o ai più innovativi ultrasuoni microfocalizzati eco-guidati, ultima frontiera per lo scioglimento del grasso sottocutaneo ed il ricompattamento del tessuto.

Il body contouring realizzato con tecniche non chirurgiche è diretto anche alle ragazze più giovani, ed è utile perché permette di correggere anche inestetismi più lievi ma comunque fastidiosi, per i quali non si andrebbe a ricorrere all’intervento chirurgico, ma che vanno a deformare le linee e le proporzioni del profilo corporeo. Un esempio semplice e frequente, sono i classici “cuscinetti adiposi” su fianchi o glutei che faticano ad essere eliminati con diete ed attività fisica, o ancora il cedimento del tessuto cutaneo “svuotato” dal grasso dopo un dimagrimento.

Le tecniche non invasive per il body contouring danno inoltre un risultato più naturale, che può essere visto come un’ottimizzazione dei risultati ottenuti con dieta e attività fisica, perché puntano ad eliminare quegli inestetismi più “persistenti”, che nonostante l’impegno fanno fatica ad essere eliminati.

Body contouring: quali inestetismi può correggere

Fare un “body contouring” vuol dire rimodellare il proprio profilo corporeo ripristinando contorni e proporzioni ottimali. Per poter ottenere questo miglioramento, si utilizzano trattamenti diretti ad eliminare il tessuto adiposo in eccesso ed a ricompattare la cute rilassata.

Gli accumuli di grasso sono in genere localizzati in distretti corporei diversi a seconda dell’età, del sesso e delle caratteristiche di ogni individuo. Nelle donne in età fertile, essi sono localizzati principalmente su fianchi, cosce e glutei. Sono spesso accompagnati da ritenzione idrica e cellulite, a causa della prevalenza di estrogeni. Il profilo corporeo si definisce “ginoide”, termine con il quale ci si riferisce alla classica conformazione con fianchi e glutei più pronunciati.

Quando la donna si avvicina alla menopausa, il profilo corporeo tende a cambiare ed ad avvicinarsi alla conformazione più tipica maschile, definita “androide”. In questo caso, gli accumuli adiposi sono localizzati di più a livello dell’addome. A differenza dell’uomo, la donna in menopausa tende ad accumulare grasso anche a livello degli avambracci e della zona sottomentoniera, da cui il cosiddetto “doppio mento”.

Nell’uomo il grasso è invece localizzato prevalentemente a livello addominale: quando sono in sovrappeso, essi presentano tendenzialmente la “pancetta” e le cosiddette “maniglie dell’amore” sui fianchi.

Il body contouring non è rivolto solo alle persone in sovrappeso, anzi è più indicato in quei casi in cui siano presenti accumuli di grasso sottocutaneo localizzati e persistenti: cuscinetti adiposi o cellulite, che vanno a deformare anche il profilo corporeo di persone in forma o poco in sovrappeso. Il trattamento può essere utile anche per ricompattare il tessuto cutaneo, che può andare incontro a cedimento a causa dell’età o dopo un periodo di dimagrimento. 

Body contouring: quali sono le tecniche non chirurgiche utilizzate

"In realtà io parlerò di una tecnica innovativa per il body contouring chirurgico, ma molto meno invasivo della classica lipoaspirazione tradizionale. La lipoemulsione mediante ultrasuoni, infatti, consente di sciogliere il grasso, trasformandolo delicatamente da solido a liquido, ma conservando intatti i vasi, i nervi e l’impalcatura di sostegno presente nel tessuto sottocutaneo.

Ciò consente di eliminare il grasso in eccesso ma riducendo al minimo le ecchimosi, producendo un modestissimo dolore nel post-operatorio e non andando a peggiorare minimamente il tono dei tessuti aspirati. La procedura avviene in modo ambulatoriale, senza alcun ricovero, con l’ausilio solo di anestesia locale, tuttalpiù rafforzata da una leggera sedazione farmacologica.

La durata del trattamento può andare da pochi minuti, per zone molto circoscritte, fino a più di due ore se si decide di trattare più aree in una sola sessione. La bassa invasività di questa tecnica chirurgica permette di lasciare delle piccolissime cicatrici di 2-3 mm. che spariscono solitamente in poche settimane e la ripresa delle proprie attività avviene già 24-48 ore dopo.

Il body contouring effettuato con la lipoemulsione ultrasonica permette di rimodellare praticamente qualunque parte del corpo presenti degli eccessi di adipe e la tipologia di ultrasuoni, unica nel suo genere, permette di ottenere un tessuto adiposo di qualità estremamente buona, che può essere trapiantato nelle aree dove si vuole ottenere un aumento di volume. Questa è la nuova frontiera del body contouring: nella visita pre-operatoria si deciderà dove aspirare e dove re-impiantare il tessuto adiposo tolto, il quale attecchirà nel giro di poche settimane, donando risultati stabili. Questo può essere il caso di un rimodellamento dei glutei, del seno, delle cosce e di qualunque altra area del corpo che ha generato una perdita di armonia.

Anche negli sportivi la lipoemulsione ultrasonica trova un importante impiego, consentendo una definizione del corpo un tempo solo impensabile: oggi è possibile scolpire al meglio un corpo già atletico eliminando quei piccoli depositi di grasso resistenti a qualunque altro trattamento."

Body contouring: risultati ottenuti, eventuali rischi e controindicazioni


"La lipoemulsione ad ultrasuoni ha completamente cambiato l’approccio al rimodellamento dei profili corporei in sicurezza. Un tempo si prediligeva effettuare grandi aspirazioni di più regioni corporee in un solo atto operatorio, perché si preferiva sfruttare l’anestesia generale ed il ricovero una sola volta. Ciò, però, comportava un decorso post-operatorio piuttosto lungo (anche due – tre settimane per una completa ripresa delle proprie attività) ed anche una certa percentuale di rischio legata alla maggiore invasività della tecnica tradizionale.

Oggi la nuova tecnica di lipoemulsione ultrasonica viene svolta in anestesia locale, in regime strettamente ambulatoriale e senza alcun ricovero, con una ripresa delle proprie attività molto più rapida e veloce (24-48 ore dall’intervento). In questo modo procediamo ad una pianificazione del rimodellamento delle varie regioni corporee in più sessioni, così da ottenere una progressiva ri-armonizzazione dei profili. Con l’utilizzo di questa metodica abbiamo fortemente ridotto l’incidenza di ematomi post-lipoaspirazione e di rischi trombo-embolici, che in passato potevano verificarsi.

Dopo l’intervento i tessuti si rimodelleranno sul nuovo profilo in modo graduale, nell’arco di alcune settimane dall’intervento. Così avviene anche per quelle regioni dove abbiamo optato per un riempimento con il proprio grasso di alcune regioni: si raggiungerà un risultato stabile dopo 2-3 mesi dall’intervento. In questo periodo il grasso trapiantato potrà subire un riassorbimento quantitativo anche del 40-50% per cui avere la possibilità di effettuare più sessioni ci consentirà di correggere il lipofilling gradualmente fino al raggiungimento del risultato ottimale."

L'alta definizione del trattamento

"La lipoemulsione ultrasonica ha aperto, oggi, un nuovo orizzonte un tempo neppure immaginabile. Quello dell’alta definizione dei tessuti trattati. La moderna tecnologia, unica nel suo genere, è in grado di eliminare in modo estremamente preciso anche aree molto piccole, di pochi centimetri quadrati, che in un corpo particolarmente atletico possono rappresentare, comunque, un obiettivo desiderato. È questo il caso, ad esempio, della regione addominale, dove si richiede una maggiore definizione della parete muscolare, spesso nascosta da un pannicolo adiposo eccessivo. Altro caso richiesto, soprattutto nell’uomo è la definizione dell’area delle spalle, per rendere meglio visibile il muscolo deltoide, oppure la regione toracica dove un eccesso di adipe può mascherare un muscolo pettorale ben potenziato. Sempre riguardo all’uomo, voglio ricordare anche la pseudo-ginecomastia: un inestetismo che interessa parecchi giovani rendendo la regione molto appesantita da un eccesso di grasso che resiste a diete e ad attività fisica. Un intervento di lipoemulsione ultrasonica può consentire di risolvere per sempre il problema in meno di un’ora."





Bovani Bruno

Autore

Dott. Bovani Bruno

Medico Chirurgo
Perugia (PG)

Profilo Contatta

Chiedi una consulenza gratuita all'autore

Dott. Bovani Bruno

Articoli correlati

Sorridere fa bene all'anima (ma non alle rughe)!

Con la consulenza scientifica del Dottor Lucio Tunesi, Medico Chirurgo ed esperto Medico Estetico di Milano. La mimica facciale è una parte della...

medico

Dott. Tunesi Lucio

L'intervento che sfila il volto

Linee definite e precise del volto sono un desiderio non solo maschile ma risponde anche ai canoni di bellezza femminile. Il volto è una struttura...

medico

Dott. Argenzio Vincenzo

Trattamenti di medicina estetica e chirurgia plastica: cosa è cambiato nel periodo post-coronavirus

Quanti cambiamenti dopo questo periodo di isolamento sociale. Sarà stato un periodo difficile per tutti, sia dal punto di vista fisico che...

medico

Dott. Bollero Daniele

Boom di ritocchi dopo il lockdown, ma in totale sicurezza

Secondo la società FIME , Federazione Italiana Medici Estetici, sono molte le persone che, dopo la chiusura forzata degli uffici e l’obbligo di...

medico

Dott. Tunesi Lucio

Radiofrequenza viso e ultrasuoni microfocalizzati: quali sono le differenze?

Radiofrequenza viso e ultrasuoni microfocalizzati sono entrambe tecniche di medicina estetica non invasiva , che permettono di ottenere un naturale...

medico

Dott. Favoriti Nino

Lip tenting: volume e definizione alle labbra più mature

I ritocchini alle labbra sono da sempre gli interventi più richiesti in medicina estetica. Sono però anche i più discussi, perché i risultati...

medico

Dott. Perrelli Pietro

(massimo 1000 caratteri)

Commenta l'articolo