I fibroblasti, tutti li abbiamo ma pochi li conoscono

I fibroblasti, tutti li abbiamo ma pochi li conoscono


Sab 13/09/2014 | Dott. Tania Basile

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Per chiarire il concetto di fibroblasti diamo alcune definizioni scientifiche, perché in campo medico sono visti da diverse prospettive e utilizzati per vari scopi, quindi, i fibroblasti sono:



  • Cellule del tessuto connettivo che secernono una matrice extracellulare ricca di collagene e di altre macromolecole;

  • Cellule del tessuto connettivo che producono e secernono proteine ​​ di collagene;

  • I fibroblasti sono il tipo più comune di cellule del tessuto connettivo. Essi secernono proteine di ​​collagene che sono utilizzate per mantenere un quadro strutturale per molti tessuti. Svolgono, inoltre, un ruolo importante nella guarigione delle ferite.


La perdita di cellule nel tempo è una delle cause principali dell’invecchiamento cutaneo, per comprendere la perdita di cellule, è necessario, prima, capire che ci sono due principali tipi di cellule della pelle:



  • I cheratinociti: costituiscono lo strato esterno della pelle chiamato epidermide;

  • I fibroblasti: costituiscono lo strato interno della pelle e producono collagene, elastina e acido ialuronico, che sono tutti noti per influenzare l'aspetto della pelle;


Ci sono vari tipi di collagene, che fornisce un’impalcatura strutturale alla pelle rendendola forte e liscia.


L'elastina è costituita da due elementi principali: fibrillina e tropoelastina, queste 2 sostanze sono prodotte separatamente dai fibroblasti, è compito  della pelle riunirli, e una volta assemblati donano alla pelle la capacità di riprendersi. Il processo di assemblaggio è complesso e funziona bene fino alla pubertà. Questo è il motivo per cui con il passare degli anni la produzione diminuisce.


L'acido ialuronico è uno zucchero che lega 1000 volte il suo peso in acqua, quindi è ciò che rende la pelle idratata.


Per ovviare a tutti questi inconvenienti che si presentano mentre il tempo scorre, la chirurgia estetica pratica la stimolazione fibroblastica, spesso attraverso la biostimolazione con acido ialuronico.


La stimolazione fibroblastica può avvenire in diversi modi:



  • Trapianto, i fibroblasti sono raccolti dalla pelle e coltivate in laboratorio, poi trapiantate nuovamente nella pelle del paziente;

  • Stimolazione dei fibroblasti esistenti, con retinoidi e collagene iniettati nelle aree scelte;


La biostimolazione con acido ialuronico permette l'aumento della tonicità della pelle, il trattamento delle rughe, e un miglioramento della condizione generale del viso. Il trattamento è naturale e fisiologico, perché utilizza le proteine ​​dell'organismo stesso, che sono selezionati e concentrati per riparare i danni causati dal processo di invecchiamento. Poiché si tratta di un prodotto del paziente stesso, non ci sono rischi di allergia o intolleranza, è per questo che la stimolazione fibroblastica funziona così bene.


Dopo aver pulito la pelle, si applica una crema anestetica, si estrae un po’ di sangue del paziente, e si centrifugare per ottenere del plasma ricco di piastrine.


In seguito, attraverso molteplici punture con un ago molto sottile si effettua il trattamento in regime ambulatoriale. I risultati della biostimolazione con acido ialuronico sono immediatamente visibili nella prima settimana post trattamento.

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO


Articoli correlati

Fibroblasti

Mer 28/10/2020 | Dott. Pier Luca Bencini

Fibroblasti

Mer 28/10/2020 | Dott. Pierluigi Gigliofiorito

Fibroblasti

Mar 13/10/2020 | Dott. Gino Luca Pagni

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x