Accesso
Dottori
Verruche, cause e trattamento

Verruche, cause e trattamento


Lun 12/04/2021 | Dott. Tania Basile

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Le verruche sono neoformazioni cutanee di piccole dimensioni causate, generalmente, da papilloma virus. Le verruche possono essere generate anche da processo degenerativo cutaneo. La forma, e la dimensione, delle verruche varia a seconda della zona del corpo e della specifica variante di virus che ne ha provocato la formazione: possono avere forma tondeggiante, un esempio sono le verruche comuni delle mani, o filamentose e/o ramificate. Le verruche oltre a rappresentare un inestetismo cutaneo possono essere causa di importanti conseguenze per la salute. Sebbene il virus non sia presente nel sangue è ben radicato negli strati cutanei esterni con una contagiosità elevata. Luoghi di contagio usuali sono palestre e piscine, e tutti quei luoghi dove c’è un utilizzo di docce comuni.

Introduzione

Le verruche sono manifestazioni cutanee molto comuni, 7-10% della popolazione, e note all’uomo da sempre. La loro presenza ha alimentato, nel corso della storia, leggende popolari e superstizioni identificando con la comparsa delle verruche particolari segni o addirittura la testimonianza di determinate azione del soggetto. Nonostante la lunga convivenza tra uomo e verruche, le soluzioni per eradicarle sono state spesso inconcludenti e senza alcuna base scientifica tanto più alla luce delle cause virali della condizione.

È proprio con il progredire delle scienze mediche e della tecnologia che vengono individuate le cause delle verruche e proposti trattamenti efficaci e risolutivi. Vengono inoltre riconosciute le decine di genotipi di HPV esistenti e capaci di provocare infezioni di lieve, media e grave entità tra cui il tumore all’utero. Le verruche ano-genitali o condilomi, provocati sempre da HPV, rappresentano la più comune infezione virale a trasmissione sessuale.

Cosa sono le verruche


Le verruche sono formazioni cutanee di piccole dimensioni causate da infezioni cutanee legate a papilloma virus. Nelle verruche comuni la forma è prevalentemente tondeggiante e diffusa soprattutto su mani e piedi mentre in altre manifestazioni la forma può ricordare quella di vegetali o licheni, con diffusione localizzata o che colpisce intere aree con presenza diffusa. La cute e le mucose sono i tessuti dove il virus si annida solitamente e dove si manifestano le forme conosciute di verruche.

Le verruche possono essere suddivise in:

  • Verruche comuni

  • Verruche filiformi

  • Verruche plantari

  • Verruche piane

  • Verruche periungueali

  • Verruche genitali o condilomi

  • Verruche mosaico


Cause delle verruche


La principale cause delle verruche è riconducibile ad infezione da papilloma virus umano che penetrando nel derma provoca infezione ed iperproliferazione tissutale. Il contagio avviene attraverso contatto diretto della pelle o con oggetti. Oltre al contatto diretto, il virus sopravvive esternamente in luoghi caldo-umidi come docce e piscine dove i contagi possono essere frequenti. I diversi genotipi di papilloma virus colpiscono l’uomo molto frequentemente e spesso in modo asintomatico permettendo al virus di sopravvivere senza allertare il soggetto ospite. Oltre il 50% dei contagi è ascrivibile alle relazioni sessuali.

Il virus colpisce indistintamente uomini e donne, senza preferenza di sesso. I genotipi che provocano le verruche comuni si diffondono con una maggiore incidenza tra i giovani adolescenti mentre i genotipi responsabili delle affezioni delle aree genitali tra i 14 ed i 25 anni. La percentuale di essere inventata da papilloma virus umano in una delle sue numerose mutazioni è molto comune nell’arco della vita. È stata registrata una particolare predisposizione di alcune categorie professionali come veterinari, macellai, pescivendoli e operatori nel campo della macellazione soggetti a lesioni che finiscono per ospitare l’HPV e le sue manifestazioni.

Trattamento delle verruche


Le verruche, nel corso della storia medica recente, non hanno rappresentato un campo di interessa e di ricerca approfondito poiché il disturbo è stato, a lungo, considerato un mero inestetismo. La correlazione con il papilloma virus ha attirato l’interesse medico e la necessità di trattare il problema in modo sistemico e radicale. Oltre alle verruche comuni, inoltre, l’aumento delle manifestazioni di verruche genitali ha spinto la ricerca ad individuare cure capaci di garantire una guarigione totale e con probabilità di successo molto elevate.

I trattamenti più efficaci per la cura delle verruche prevedono:

  • Preparati cheratolitici


I preparati cheratolitici sono una delle terapie classiche e meno invasive. I preparati sono composti, generalmente, da acido salicilico, acido lattico, antimicrobici e collodio elastico. Applicate sulla cute permettono una rapida evoluzione dei processi che generano la verruca ed il conseguente distacco.

  • Acido salicilico


L’acido salicilico è sicuramente una delle sostanze più efficaci per contrastare le verruche sia per gli effetti sul disturbo sia per la capacità di stimolare la risposta immunitaria nella zona.

  • Iniezioni intralesionali

  • Composti a base di rame, zinco, sali inorganici e acidi organici


Questo tipo di soluzione permette risultati ottimali e guarigione nella maggior parte dei casi. Non è indicato per il viso per le mucose.

  • Crioterapia


La crioterapia è una tecnica che prevede il congelamento istantaneo della verruca ed il conseguente distacco. È una tecnica consolidata e in uso da diversi anni con risultati importanti. Non garantisce esiti cicatriziali ottimali.

  • Asportazione chirurgica


L’asportazione chirurgica è una soluzione sempre meno utilizzata a causa dell’alta recidiva delle verruche e i rischi connessi alla diffusione dei virus presenti nel derma.

  • Laser


Il laser è una soluzione utilizzata da oltre tre decenni con molto successo. Richiede anestesia locale e prevede la “bruciatura” della verruca. Non lascia cicatrici molto evidenti e permette una bonifica virale della zona con ridotte possibilità di recidiva.

In collaborazione con Pasquale Ambrosio

Fonti:

  • Martina Maurelli et al, Verruche: un fastidioso problema sempre attuale. Rivista Italiana di Medicina generale, n°2, 2017.

  • Paolo Fabbri et al, Manuale di dermatologia medica, Edra, 2014.

  • Carlo D’Aniello, Manuale di Medicina Estetica, Masterbooks, 2019.

  • Alberto Massirone, Trattato di Medicina Estetica, Piccin Nuova-Libraria, 2010.


 

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO


Articoli correlati

Trova Medico

Accesso contenuti completi

x