Accesso
Dottori
HOME >

Elettrolipolisi


Lun 09/05/2022 | Redazione Tuame

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

DEFINIZIONE

L’elettrolipolisi è una tecnica di medicina estetica particolarmente utile per la rimozione degli accumuli di tessuto adiposo e per la riduzione della cellulite. Questo trattamento si realizza attraverso l’impiego di aghi specifici che, collegati ad appositi generatori elettrici, emettono degli impulsi a bassa frequenza in grado di determinare la morte delle cellule adipose. L’efficacia dell’elettrolipolisi nella lotta agli inestetismi cutanei è correlata al numero di sedute a cui ci si sottopone. Un ciclo di elettrolipolisi è in grado di migliorare la qualità della micro circolazione e di rendere più elastica la cute. Il rimodellamento avviene senza particolari controindicazioni.

COS’È

L’elettrolipolisi è una tecnica mini invasiva ampiamente utilizzata in medicina estetica per contrastare gli inestetismi associati all’accumulo di tessuto adiposo. Per l’esecuzione ci si avvale dell’impiego di particolari aghi, la cui lunghezza varia dai 7 ai 20 mm. Nel corso della seduta, questi strumenti metallici vengono inseriti sotto la cute, per raggiungere la regione che delimita il derma e l’ipoderma.

Gli aghi, alimentati da un generatore di corrente alternata a bassa frequenza, formano dei campi elettrici che causano la morte delle cellule adipose. La stimolazione elettrica è responsabile anche della stimolazione metabolica delle cellule circostanti, che implementano l’efficacia della circolazione sanguigna e linfatica. La somma di tutti questi effetti determina una graduale perdita dell’aspetto a ‘’buccia d’arancia’’ della cute.

INDICAZIONI

L’obiettivo della elettrolipolisi è quello di ridurre il quantitativo di tessuto adiposo sottocutaneo, fautore di alcuni inestetismi cutanei. Prima di sottoporsi ad un intervento di questo tipo è sempre necessario richiedere il parere di un medico di medicina estetica. L’accumulo di grasso sottocutaneo può scalfire l’autostima della persona, portandola a sviluppare difficoltà nella vita sociale. Pertanto, per risolvere queste problematiche, l’elettrolipolisi può essere applicata per trattare diverse parti del corpo.

Generalmente le sedi anatomiche più colpite dall’accumulo di tessuto adiposo sono:


  • Porzione interna della coscia

  • Fianchi

  • Regione inferiore dell’addome


PRE-TRATTAMENTO

Per accedere ad un ciclo di sedute di elettrolipolisi è necessario rivolgersi ad un esperto. Nel corso della visita, lo specialista si occuperà di valutare lo stato della cute e dei tessuti sottostanti, procedendo all’ispezione e alla palpazione delle zone interessate.

Il medico, una volta terminato l’esame fisico, si occupa di fornire al paziente tutte le informazioni più importanti che riguardano questa particolare tecnica. Durante questa fase della visita preliminare, si calcola il numero delle sedute necessarie per contrastare il problema in esame. Generalmente, per ottenere dei risultati estetici soddisfacenti si consigliano dalle 6 alle 10 sedute nell’arco di 90 giorni.

ESECUZIONE DELL’INTERVENTO

Il paziente, all’inizio di ogni seduta, si accomoda su di un apposito lettino, assumendo la posizione richiesta dal medico. Quest’ultimo, dopo aver preparato la strumentazione ed aver applicato gli aghi monouso sul generatore elettrico, si occupa della pulizia della cute da trattare, mediante l’impiego di soluzioni detergenti.

Terminata la fase di preparazione, lo specialista da inizio all’intervento di medicina estetica. Gli aghi vengono posizionati sotto la cute interessata e, successivamente, viene avviato l’erogatore di corrente alternata che, per 30- 60 minuti agisce, generando un campo elettrico assolve alla sua funzione terapeutica.

POST OPERATORIO

Al termine di ciascuna seduta, a causa della degradazione degli adipociti per effetto del flusso elettrico, è necessario bere un consistente volume di acqua, in modo tale da reidratare correttamente i tessuti trattati. Inoltre, per garantire risultati ottimali, è consigliabile porre attenzione ad alcune precise regole:

  • Non sottoporre le zone trattate a pressioni applicando delle sollecitazioni

  • Evitare l’uso di prodotti detergenti irritanti

  • Applicare del ghiaccio subito dopo aver concluso una seduta

  • Avvicinare le mani solo a seguito di un efficace lavaggio con sapone antisettico


RISCHI E COMPLICAZIONI

L’elettrolipolisi è una tecnica micro invasiva che combatte efficacemente gli accumuli di tessuto adiposo sottocutaneo. Si tratta di una pratica sicura che, eseguita in regime ambulatoriale, offre ottime garanzie al paziente. Tuttavia, in alcuni rari casi possono verificarsi delle complicazioni.

I rischi più importanti nel corso di un’elettrolipolisi sono:

  • Ulcerazione della cute: una manovra accidentale dell’operatore può causare delle lesioni nelle aree trattate.

  • Infezioni: l’impiego di strumenti non sterilizzati sottopone il paziente al rischio di contrarre delle infezioni.

  • Eritemi

  • Reazioni avverse alla somministrazione delle eventuali sostanze anestetizzanti.

  • Formazione di esiti cicatriziali nei punti di accesso degli aghi.


FONTI:

  • Carlo D’Aniello, Manuale di Medicina Estetica, Masterbooks, 2019.

  • Alberto Massirone, Trattato di Medicina Estetica, Piccin Nuova-Libraria, 2010.

  • William W. Huang, Christine S. Ahn, Clinical Manual of Dermatology, Springer2020.


Articoli correlati

Accesso contenuti completi

x