Accesso
Dottori
Filler labbra: armonia e naturalezza

Filler labbra: armonia e naturalezza


Mer 01/07/2015 | Dott. Alice Magri

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Quotidianamente il nostro volto è esposto a giudizi e sguardi indiretti.
Vari sono gli elementi che catturano l’attenzione dell’osservatore e tra questi le labbra giocano un ruolo fondamentale, tanto che sempre più spesso riceviamo la richiesta di migliorarne l’estetica.


Dal punto di vista clinico è necessario rilevare forma e proporzioni, nonché rapporti con i tessuti molli periorali, il tessuto osseo e i denti che ne costituiscono il supporto e vengono esposti durante il sorriso.


Morfologicamente, in fase statica, il labbro inferiore sarà più carnoso  voluminoso del superiore che dovrà invece apparire definito e con leggera estroflessione dell’arco di cupido e delle creste filtrali, oltre a mantenere una corretta lunghezza nella porzione cutanea senza superare i 20 mm.
In fase dinamica poi, un bel sorriso è costituito dall’ esposizione di tutta la corona dei settori superiori (nella donna sono concessi 1-2 mm di colletto gengivale) mentre gli inferiori in minima parte o per nulla.
Questi criteri di valutazione sono necessari per la corretta analisi del paziente, del suo stato attuale, delle sue aspettative e della possibilità di soddisfarle.


È ormai risaputo che col tempo le labbra subiscono una riduzione del volume: l’aumento di quest’ultimo è spesso richiesto da pazienti giovani
così come turgore e definizione appaiono essere desiderio più in la con gli anni.

Per ottenere risultati naturali ed armonici abbiamo a disposizione filler riassorbibili che possiedono grande capacità di integrazione e rispetto dei tessuti in cui vengono innestati e con ottime caratteristiche sia durante la mimica dei movimenti quotidiani che a riposo.

Questi prodotti hanno una durata temporanea e a volte possono essere sostituiti, laddove ci sia la volontà di mantenere un effetto in modo duraturo, con l’utilizzo di tessuto adiposo della paziente: prelevato, adeguatamente processato e iniettato; il risultato è indubbiamente estremamente naturale e col vantaggio di usare un tessuto autologo.

Le tecniche d’infiltrazione non sono invasive, son ben tollerate ed è possibile usare aghi molto sottili o microcannule.

Nella zona periorale possono essere usati oltre al filler di acido ialuronico, biostimolazioni, laser e peeling al fine di migliorare tono, rugosità fini e texture.


Esistono poi interventi chirurgici che si possono eseguire ambulatorialmente per ridurre un labbro eccessivamente  lungo (lip-lift) o per rimuovere, anche se in modo parziale, precedenti materiali permanenti utilizzati per aumentare il volume delle labbra e che col tempo hanno creato distorsioni della normale eumorfia.

In ogni caso, il risultato deve aspirare ad un concetto di naturalezza di forma ed espressione, nel rispetto dell’area trattata.




Chiedi una consulenza gratuita al dott.ssa Magri Alice ⇓ CONTATTA ⇓

Vuoi avere maggiori informazioni?
CONTATTA IL MEDICO


Articoli correlati

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy

Accesso contenuti completi

x