Ricostruzione mammaria del seno, quando?


In questa pagina sono presenti le schede dei medici che si occupano di Ricostruzione mammaria.

La Ricostruzione mammaria, o chirurgia plastica della mammella, avviene quando il chirurgo ridona alla mammella il suo volume e un aspetto sano e il più naturale possibile.
In generale le donne che ricorrono alla ricostruzione mammaria sono donne che hanno subito un intervento di amputazione mammaria, molto spesso legata a tumori e neoplasie.
La ricostruzione mammaria è un intervento di chirurgia plastica ricostruttiva del seno.
Si ricorre a ricostruzione mammaria per riportare il seno alle condizioni originarie in seguito a mastectomia.

L’intervento di ricostruzione mammaria è altamente personalizzato, in quanto ogni paziente presenta caratteristiche fisiche differenti, il seno ha forme diverse, un’età diversa con annessi desideri e aspettative.

Per sottoporsi all’intervento di ricostruzione mammaria successivamente a mastectomia è necessario che le pazienti siano guarite completamente dal tumore, abbiano obiettivi realistici e mantengano un atteggiamento positivo.

Le tecniche utilizzate nell’intervento di ricostruzione mammaria sono molteplici, ricordiamo:

-        Tecnica chirurgica con impianto di protesi

-        Tecnica chirurgica senza protesi.

Quando parliamo di impianto di protesi nella ricostruzione mammaria è importante specificare il tipo di protesi utilizzato. Generalmente in questi casi si predilige l’utilizzo di protesi in gel coesivo di silicone.

La particolarità della ricostruzione mammaria è che il suo intervento viene chiamato espansione mammaria, in quanto viene svolto con l’utilizzo di una protesi temporanea estendibile che viene poi sostituita con una definitiva.

Prima di inserire la protesi temporanea, viene impiantato un espansore dei tessuti sotto il muscolo pettorale per allungarlo e permettere il successivo ingresso della protesi.

L’impianto temporaneo rimane per qualche mese per consentire al muscolo pettorale di allungarsi completamente. Dopodiché con un secondo intervento verrà rimosso l’impianto temporaneo e verrà inserita la protesi permanente.

In alcuni casi non è necessario espandere il tessuto e si può intervenire direttamente con una protesi definitiva.

L’intervento di ricostruzione mammaria ha una durata media di 2 / 3 ore.

La tecnica chirurgica di ricostruzione mammaria senza protesi si avvale dell’uso dei tessuti cutanei e muscolari della paziente stessa, attraverso l’innesto degli stessi si provvede alla ricostruzione mammaria.

L’uso di tessuti propri rende l’intervento meno complesso e con un risultato più naturale, senza rischio di rigetto.

 Dopo l’intervento di ricostruzione mammaria la paziente potrà sentire qualche disagio e presentare qualche livido. In casi rari si può verificare una contrattura capsulare dovuto all’indurimento dei tessuti circondanti, in questo caso l’impianto andrà rimosso. Il fumo, l'infezione e la radioterapia potrebbero aumentare il rischio di contrattura capsulare.

È importante sapere che l’intervento lascerà cicatrici.
Gli impianti da ricostruzione mammaria possono causare disagi nelle mammografie, in quanto potrebbero renderle difficili da leggere. in tal caso, sarà sufficiente informare il tecnico che se ne occupa per provvedere all’utilizzo di uno screening più appropriato.

Di seguito puoi trovare tutti gli specialisti di ricostruzione mammaria.

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x