Carbossiterapia, per cosa è indicata?


In questa pagina è possibile visualizzare tutti i medici che effettuano il trattamento di Carbossiterapia.

Con Carbossiterapia si intende un trattamento estetico che si avvale di anidride carbonica per risolvere inestetismi cutanei come palpebre cadenti, occhiaie, cellulite, cicatrici, lassità, rughe ecc.
A seconda dello scopo per cui è impiegata, la carbossiterapia può essere affiancata da altri trattamenti estetici.
 

La carbossiterapia è un trattamento di medicina estetica che sfrutta l’azione benefica dell’anidride carbonica allo stato gassoso, per via intradermica o sottocutanea, per migliorare la circolazione, influendo sul flusso e la pressione sanguigna, e per migliorare il metabolismo dei lipidi.

La carbossiterapia, infatti, tramite l’effetto Bohr, aumenta la biodisponibilità dell’ossigeno necessario per l’ossidazione lipidica.

Viene utilizzata per il trattamento di:

-        Cellulite (PEFS)

-        Adiposità localizzate

-        Ringiovanimento cutaneo

-        Liposcultura.

La carbossiterapia agisce sulla cellulite perché l’azione della CO2 migliora il microcircolo e sugli adiposi, favorendo il miglioramento degli accumuli adiposi responsabili dell’inestetismo.

Sulle adiposità localizzate agisce con un meccanismo diretto, dato dal trauma che l’ago provoca sugli adipociti, e con un meccanismo indiretto perché aumentando la biodisponibilità dell’ossigeno, si incrementano i processi ossidativi.

Per quanto riguarda il ringiovanimento cutaneo, la carbossiterapia viene usata per il trattamento della pelle del collo, perché l’aumento della circolazione migliora l’idratazione della pelle e il suo tono.

Inoltre, la carbossiterapia può essere effettuata prima di un intervento di liposcultura perché migliora il risultato finale e permette di abbreviare i tempi di recupero post-intervento.

 

Come funziona la carbossiterapia

Per carbossiterapia si intende la somministrazione sottocutanea di anidride carbonica (C02) per combattere alcuni inestetismi ma anche diversi problemi di salute (fenomeno di Raynaud). Durante l’inverno si tende ad accumulare grasso nel corpo, a causa della attività fisica ridotta e agli ambienti riscaldati che contribuiscono a rallentare il metabolismo dei grassi.

La carbossiterapia riattivando il metabolismo cellulare e gli enzimi capaci di sciogliere i grassi agisce sulle adiposità localizzate, inoltre, agendo sulla circolazione migliorandola porta benefici all’inestetismo della cellulite.
Questo porta anche ad un miglioramento dell’aspetto della pelle, che ossigenata apparirà più luminosa e tonica.

Il trattamento viene svolto mediante l’ausilio di un macchinario che con aghi di piccolissime dimensioni rilascia in maniera controllata l’anidride carbonica sottopelle.

 

Quante sedute sono necessarie?

Il numero di sedute varia a seconda del caso, mediamente tra le 6 e 10 sedute sono sufficienti. Ogni seduta ha una durata di circa 15 minuti.

L’anidride carbonica non è tossica e viene prodotta in modo naturale dal nostro organismo.

 

Possibili effetti collaterali

Tra i possibili effetti collaterali ricordiamo:

-        Lieve dolore locale

-        Ecchimosi

-        Crepitio sottocutaneo.

Questi effetti passano naturalmente in poco tempo.

 

Di seguito i medici che effettuano la carbossiterapia.

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x