Domande e risposte: mastoplastica riduttiva

In cosa consiste un intervento di mastoplastica riduttiva?


L’intervento di mastoplastica riduttiva è volto a diminuire le dimensioni del seno sia a fini estetici sia a fini funzionali.


Quali sono le cause che spingono a richiedere un intervento di mastoplastica riduttiva?


Solitamente si sottopongono a questo tipo di intervento le donne che presentano un seno molto grande, sproporzionato rispetto al loro corpo. Coloro che hanno avuto gravidanze impegnative che hanno causato loro un incremento eccessivo del seno e un progressivo svuotamento e rilassamento del tessuto mammario. L’intervento è anche richiesto dalle donne che soffrono di forti dolori alla schiena provocati dal peso eccessivo del seno, da coloro che soffrono di cervicalgie e per chi avverte serie difficoltà nello svolgimento delle attività sportive.


Che tipo di anestesia viene impiegata per un intervento di mastoplastica riduttiva?


Generalmente la paziente viene sottoposta ad anestesia generale. Nel caso in cui l’intervento va ad effettuare una diminuzione di modesta entità, si può anche effettuare in anestesia locale . In questo specifico caso si ricorre alla lipoaspirazione in cui il tessuto adiposo in eccesso viene aspirato.


Come avviene l’intervento di mastoplastica riduttiva?


Si effettua un taglio, a T rovesciata o ad ancora, dall’areola a livello della piega sottomammaria al fine di asportare il tessuto ghiandolare, il tessuto adiposo e di pelle presente in eccesso. Seguirà poi un ridimensionamento dell’areola per assicurare un risultato il più armonioso possibile.


L’intervento causa cicatrici?


È possibile che la mastoplastica riduttiva possa causare la comparsa di cicatrici, le cui dimensioni variano in base al tipo di cute della paziente e all’esperienza del chirurgo. Si tratta comunque di cicatrici facilmente nascondibili sotto gli indumenti e sotto al seno stesso.


In cosa consiste la valutazione pre – operatoria?


Le pazienti non sono tutte uguali, per questo è fondamentale per il chirurgo valutare ogni singolo caso prima dell’intervento. Durante la visita pre - operatoria vengono valutati diversi fattori come le condizioni fisiche della paziente, la misura di partenza, la tipologia cutanea, la forma e l’aspetto del seno nel complesso.


Qual è la durata media della mastoplastica riduttiva?


La durata varia molto in base alla quantità di tessuto che si deve rimuovere. Solitamente l’operazione ha una durata di circa 2 ore e mezza.


Qual è il decorso post – operatorio?


È importante riposarsi completamente nelle 48 ore successive all’intervento. Sarà poi necessario indossare un reggiseno di tipo contenitivo per un periodo di circa 4 settimane. È fondamentale evitare di effettuare sforzi e bruschi movimenti nel primo mese dopo l'operazione.


È possibile allattare dopo un intervento di mastoplastica riduttiva?


I chirurghi plastici tendono solitamente a preservare inalterata la funzionalità del capezzolo e della ghiandola mammaria. Quindi non si esclude la possibilità, in futuro, di allattare.


Quali sono i rischi della mastoplastica riduttiva?


Come ogni altro intervento chirurgico potrebbero insorgere delle complicanze. Si potrebbe infatti verificare una parestesia temporanea, si potrebbe compromettere la capacità di allattamento o potrebbero manifestarsi cicatrici cheloidi, anche se oggigiorno questi interventi sono diventati abbastanza sicuri considerando che non si tratta di un intervento particolarmente rischioso. E’ però fondamentale affermare che la buona riuscita dell’intervento viene attribuita ad uno specialista qualificato.

Ethigate: primo sistema di certificazione con blockchain per Medici e contenuti scientifici in Italia. 

  • Più sicurezza, grazie alla certificazione digitale dell'identità
  • Articoli e contenuti originali di qualità
  • Più attenzione alla tua privacy
Ethigate
Trova Medico

Accesso contenuti completi

x