Subcision guidata: novità contro la pelle a buccia d'arancia

A cura della Dottoressa Stefania de Fazio, Chirurgp Plastico, Ricostruttivo ed Estetico

in Cellulite

La subcision guidata rivoluziona il trattamento a lungo termine della cute a buccia d’arancia, uno dei sintomi della cellulite più odiati dalle donne.


I
l termine cellulite si riferisce comunemente a tutti quegli inestetismi che vanno dalla pelle a buccia d’arancia alla ritenzione idrica  e che non devono per forza accompagnarsi all’accumulo di tessuto adiposo localizzato in aree tipiche come fianchi, glutei, culotte de cheval. Scientificamente parlando, la cellulite e’ uno stato infiammatorio del pannicolo adiposo e connettivale che, evolvendo,sviluppa poi tutta la sequela di quei sintomi. 

La cellulite, spiega la dott.ssa De Fazio, è l’inestetismo più diffuso tra le donne, ne soffre prima o poi nel corso della vita più o meno tutto l’universo femminile: ci sono statistiche che parlano di più di 1.4 miliardi di donne in tutto il mondo colpite dalla patologia ma nessuna di noi ne è completamente immune.

Le sue origini sono multifattoriali e da ricondurre a fattori genetici, ormonali e vascolari, dieta non equilibrata, danni da abbigliamento troppo compressivo  o una vita sedentaria.

Le donne affette da cellulite, osserva la dott.ssa de Fazio, sono fortemente condizionate nella loro quotidianità: si sentono vulnerabili, diverse dalle altre e sicuramente le meno attraenti di tutte; sviluppano quei comportamenti con  i quali, tra l’altro, mirano a occultare le aree del proprio corpo incriminate con un abbigliamento attentamente studiato.

Di conseguenza, vi sono anche grandi limitazioni alla condivisione sociale o sportiva: a mare il pareo in vita è il capo “seconda pelle”, vi è timidezza a condividere giochi e sport in spiaggia, se non opportunamente coperte nei punti chiave; giammai tutine succinte in palestra e certamente il nuoto e la piscina, seppure amatissimi, diventano sport e ambiente off limit. La causa?  Quell’imbarazzo nato dal confronto fisico con il resto del mondo: sia maschile che femminile: di quest’ultimo, le cui rappresentanti, saranno certamente migliori di noi e tutte perfette ai nostri occhi.

- Niente di più sbagliato- sostiene la de Fazio - Decenni di confronto con le donne e l’essere una donna anch’io, con gli stessi problemi e fragilità, mi fanno fermamente ribadire che nessuna, nessuna donna al mondo ritiene di essere perfetta, fatta eccezione di alcuni momenti della vita che oserei definire rari e magici e che l’erba del vicino e’ sempre la più verde -

Ma perché si forma la cellulite?

La cellulite- continua la dott.ssa de Fazio- è causata da molti cofattori: genetici, ormonali, vascolari, cattive abitudini alimentari, abbigliamento troppo compressivo, vita sedentaria e nella sua fase iniziale nasce da un difetto di vascolarizzazione delle cellule adipose contenute nello strato sottocutaneo chiamato ipoderma e che è collocato tra cute e muscolo; ha un evoluzione nel tempo e puo’ essere classificata in vari stadi che vanno da un lipoedema in cui la componente di ristagno di liquidi e’ preponderante, ad una lipodistrofia, in cui alla localizzazione di accumuli di tessuto adiposo, si associano danni della rete connettivale e vascolare.

Nella sua progressione e negli stadi più avanzati avremo quindi una lipodistrofia, e cioè si crea localmente una sclerotizzazione: un’ispessimento con perdita di elasticità dei setti fibrosi sottocutanei  ( l’impalcatura che sostiene le cellule adipose ) che in questo modo intrappolano i vasi sanguigni che vi scorrono dentro e comprimono tra l’altro le vie naturali di drenaggio linfatico locale.

Ecco la genesi dell’aspetto a “buccia d’arancia” e che peggiorerà con l’ evoluzione della malattia.

Esistono molti trattamenti per combattere la cellulite e sono considerati meno o più invasivi a seconda della tipologia.

Ne sono esempi:

-        Massaggio linfodrenante o pressoterapia meccanica: che agisce sulla stasi linfatica ed il circolo linfatico per rimuovere gonfiori o edemi localizzati: i risultati sono efficaci solo se si tratta di uno stadio iniziale della patologia e dove l’edema linfatico e’ il problema preponderante, ma necessitano di continuita’ e gli effetti ottenuti sono temporanei.

-        Mesoterapia con sostante omeopatiche o allopatiche, iniezioni di acido desossicolico ( iniezioni locali di sostanze che mirano allo svuotamento della cellula adiposa o alla distruzione del tessuto adiposo ), cavitazione, applicazione di apparecchiature medicali  esterne: non sempre stabili o prevedibili i risultati e a volte rischiosi: o perche’ non vi e’ distruzione delle cellule adipose che quindi si svuotano solo temporaneamente del grasso che contengono ed alla conclusione della terapia, tenderanno poi a riacquisire nel tempo il volume iniziale, oppure, laddove sia presente invece la distruzione del tessuto adiposo, questa  non e’ accompagnata dallo smaltimento all’esterno del grasso. Il grasso quindi  dovra’ essere eliminato tramite riassorbimento, dal circolo linfatico e vascolare, con conseguente innalzamento molto elevato del livello ematico dei  trigliceridi.

-        Liposcultura superficiale, Lipoaspirazione, lipolaser: sono tutte tecniche  di chirurgia plastica estetica, adatte all’eliminazione di adiposita’ localizzate attraverso un sistema di aspirazione e l’utilizzo di piccole cannule. Sono metodiche i cui risultati sono per lo piu’ definitivi: il tessuto adiposo si moltiplica nel numero delle cellule piu’ o meno fino all’adolescenza poi non cresce piu’ se non per ipertrofia: cioe’ il numero delle cellule non si moltiplica piu’ e resta stabile ma quelle che ci sono potranno riempirsi fino alla loro massima potenzialita’. Dopo questo intervento, cambieremo quindi la nostra conformazione  avendo modellato e ridotto gli accumuli locali, rendendo la silhouette piu’ armonica. Sia chiaro che non elimineremo  la tendenza ad ingrassare ma se si ingrassera’, lo si fara’ non piu’ come prima, principalmente nelle aree degli accumuli adiposi, ma distribuendo il grasso su una superficie più uniforme, generalizzata ed in maniera piu’ armonica.

        

La liposcultura migliorerà un po’ l’effetto a buccia d’arancia, grazie alla riduzione della           tensione esercitata da parte del grasso sottocutaneo sulle strutture di sostegno  ma senza però eliminare completamente i cosiddetti “buchetti” della cellulite.

 

Cosa fare dunque per eliminare gli antiestetici “buchetti”?

Ed eccoche nell’ottica di ottenere un’azione diretta su questi inestetismi e a completare il percorso chirurgico, interviene un nuovo presidio tecnologico che agisce direttamente sulla vera causa dell’affossamento, ovvero i setti fibrosi ispessiti che causano la retrazione locale della cute.

Di recente, appunto, possiamo avvalerci di un nuovo trattamento, noto come subcision guidata, approvato dall’FDA come il primo e unico protocollo medico per il trattamento a lungo termine di questi effetti della cellulite: la subcision guidata permette di recidere, uno per uno ed in maniera precisa e controllata, quei setti fibrosi.

- Cosi come se fossi un tappezziere e tagliassi quei fili che trattengono i bottoni che affossano la stoffa di un divano capitone’-

 

Chi è la paziente ideale per la subcision guidata?

Sarà essenziale, prima di procedere alla subcision guidata, che il medico esperto sottoponga il paziente ad un’accurata visita pre operatoria affinché  ne valuti le condizione cliniche e l’idoneità alla tecnica: non tutte le donne sono pazienti ideali per la subcision guidata.

Per questo motivo, vengono fornite le indicazioni e controindicazioni al trattamento.

La subcision guidata, è sconsigliata nelle pazienti che presentano:

-        Diabete

-        Obesità

-        Problemi della coagulazione

-        Gravidanza

-        Tumori

-        Vene varicose nell’area di trattamento

La paziente ideale, spiega la dott.ssa de Fazio, deve:

-        Essere in buona salute

-        Deve mantenere un peso stabile

-        Presentare cellulite moderata o grave

Come funziona il trattamento con subcision guidata

Prima di spiegare il funzionamento del trattamento chirurgico con subcision guidata, è opportuno specificare che esso viene effettuato nel pieno rispetto delle norme igieniche e di sterilità e che si utilizzano materiali monouso, quindi usa e getta per tutte quelle parti per le quali e’ previsto dalla tecnica un contatto diretto tra strumentazione, tessuto cutaneo e sottocutaneo del paziente.

 

Il trattamento con subcision guidata ha in media la durata di circa un’ora, anche se questo dipende dal numero e dalla vastità delle aree da trattare. 

 

La paziente, in piedi, viene osservata dall’operatore con una luce che sia tangente e verticale per meglio evidenziare gli inestetismi presenti; vengono eseguite delle fotografie pre trattamento e quindi segnate le aree da trattare con un pennarello speciale demografico.

La paziente poi viene distesa su un lettino chirurgico e, disinfettate accuratamente le zone da sottoporre a terapia di subcision, si procede all’allestimento di un campo sterile.

Il passo iniziale sarà quello di erogare anestesia locale sulla prima area da trattare, attraverso il posizionamento del manipolo specifico sulla zona di pelle corrispondente.

I manipoli che si utilizzeranno quindi saranno due: il primo, per la somministrazione di anestesia locale e l’altro che contiene la lama, agirà effettuando la resezione dei setti fibrosi; entrambi i manipoli sono collegati ad un sistema di aspirazione che creando un vacum, consente il sollevamento dei tessuti sottostanti, in modo da mantenere stabile ed uniforme il livello del tessuto sul quale agire.

Una volta erogata l’anestesia locale si sostituirà il manipolo con il secondo e la micro-lama procederà con la recisione dei setti fibrosi e conseguente eliminazione della retrazione cutanea ottenendo cosi’ l’aspetto desiderato della pelle,  liscio e omogeneo

La subcision guidata è un trattamento minimamente invasivo e può essere svolto ambulatorialmente, ma nel rispetto assoluto dei parametri di sterilità, dell’ idoneità degli ambienti e dell’adeguatezza dell’apparecchiatura.

 

Dopo il trattamento con subcision guidata, cosa aspettarsi?

Durante la fase di consultazione e prima visita, l’operatore di fiducia avrà fornito al paziente indicazioni chiare e specifiche sul trattamento da effettuare e sui risultati ottenibili, mostrando anche foto pre e post che diano una testimonianza concreta di quello che sia ottenibile con la metodica; è importante però ricordare che ogni caso e’ specifico a se stesso.

Inoltre, continua la dott.ssa De Fazio, affinché la paziente visualizzi l’effettivo cambiamento che avverrà gradatamente e nei mesi successivi, è cruciale produrre una documentazione fotografica accurata pre e post trattamento da visualizzare sotto la guida del proprio medico, nel corso della guarigione ed assestamento dei risultati.

Nel periodo post trattamento è possibile avvertire un turgore sottostante l’area cutanea trattata e la formazione di lividi o ecchimosi.

Inoltre è possibile che si verifichi, nelle 24 ore successive al trattamento e dalle piccolissime incisioni,  una copiosa fuoriuscita di fluidi rosati.

Perché avviene questo? L’anestesia locale usata, è un cocktail composto da soluzione fisiologica ed anestetico: essa viene spesso somministrata in una quantità considerevole al fine di creare una vera e propria idrodissezione dei tessuti locali e far agire quindi la micro lama in un piano reso più morbido e friabile dall’azione dell’acqua.

Questi liquidi, mescolati a una piccolissima componente ematica, danno origine a quel fluido rosato che, sotto compressione, potrà essere espulso dalle microincisioni cutanee, nelle prime ore post terapia.

È quindi importante applicare localmente medicazioni con uno strato assorbente sufficiente di garze affinché si possa controllare la fuoriuscita del liquido ed evitare danni a cose e macchie indesiderate.

Sarà opportuno applicare subito dopo e nei giorni successivi, una compressione locale in modo da favorire la fuoriuscita dei liquidi e contenere gli edemi infiammatori: questo verra’ fatto indossando una guepiere o collant elastici.

Al fine di ottenere i migliori risultati, sarà determinante la diligenza delle pazienti nel seguire attentamente nel post operatorio tutte le indicazioni fornite dal proprio medico.

I risultati sono duraturi, la subcision guidata è l’unico trattamento certificato per effetti che durano 3 anni ma bisogna considerare che questa valutazione e’ stata fatta dal FDA, Food and Drug Administration, l’organo competente americano che vigila sulla sicurezza dei farmaci alimenti e presidi medicali,  sulla base di studi dalla durata di un massimo di 3 anni.

- Se assumiamo  che il metabolismo di una cicatrice dura in media un anno, posso serenamente e personalmente sostenere - afferma la dott. de Fazio - che se dopo tre anni la correzione e’ stabile, la cicatrizzazione sarà assestata e i risultati conseguiti lo saranno per sempre, tenendo conto comunque dei processi naturali di invecchiamento cutaneo che il tempo arrechera’ sulle stesse aree anatomiche -

Dove effettuare il trattamento con subcision guidata?

Nonostante il trattamento con subcision guidata appaia semplice e tale da poter essere eseguito ambulatorialmente senza la necessita’ di un regime di ricovero, questo non esime dal rispetto rigoroso di tutte le norme a tutela della salute e della sicurezza del paziente. L’apparecchiatura e’ unica nel suo genere: non vi sono alternative ad essa e solo i medici che hanno affrontato un training di formazione specifico ed adeguato, possono eseguire il trattamento di subcision guidata.

Dunque, raccomanda la dott.ssa de Fazio, è importante rivolgersi esclusivamente a centri medici autorizzati ed agli operatori competenti della metodica, per evitare rischi in termini di qualità del risultati, efficacia della tecnica e sicurezza del paziente.

 

de Fazio Stefania

a cura di

Dott. de Fazio Stefania

Medico Chirurgo
Napoli (NA)

Profilo Contatta

Chiedi una consulenza gratuita all'autore

Dott. de Fazio Stefania

Articoli correlati

Cellulite e rimodellamento corporeo: le più innovative opzioni di trattamento

I pazienti, sia gli uomini che le donne, sono sempre più interessati al rimodellamento corporeo e all’armonia del corpo, che è data sia dalla...

medico

Dott. Fortunato Regina

Eliminare i buchi della cellulite con la subcision guidata

Nel nostro corpo, parallelamente alla cute esiste un sottocute che costituisce il ponte tra cute e fasce muscolari. Esso è costituito da...

medico

Dott. Gioia Mario

La cellulite tra fisiologia e patologia: modalità d’intervento e nuovi trattamenti.

La cellulite tra fisiologia e patologia: modalità d’intervento e nuovi trattamenti. A partire dalla fine degli anni ‘70, la medicina estetica...

medico

Dott. Bencini Pier Luca

Elettrolipolisi le controindicazioni

L’ elettrolipolisi ci sono controindicazioni? L'elettrolipolisi è controindicata per: lesioni cutanee o ferite Le persone con pacemaker Tumori o...

Cellulite gambe e adiposità localizzate

La cellulite sulle gambe si forma a causa di: Fattori ormonali Problemi Vascolari L’adiposità localizzata sulle gambe è più importante se è...

L' Elettrolipolisi con aghi

L’Elettrolipolisi con aghi consente di trattare la cellulite e le adiposità localizzate grazie all’uso di aghi simili a quelli dell’agopuntura....

(massimo 1000 caratteri)

Commenta l'articolo