Ridensificazione dermica

Autore: Dott.ssa Basile M. Gaetana (Tania)

Del: 19/12/2018

La ridensificazione dermica

La ridensificazione dermica è una tecnica mininvasiva che consta nella infiltrazione intradermica di sostanze normalmente presenti nel derma la cui formazione diminuisce con l'invecchiamento. Più precisamente prevede: una integrazione diretta di acido ialuronico in associazione con molecole essenzialmente ristrutturanti e antiossidanti come aminoacidi, vitamine, coenzimi e minerali; con lo scopo di stimolare attività dei fibroblasti quali replicazione, sintesi proteica di componenti della matrice extracellulare, producendo, un miglioramento estetico globale, in termini di compattezza ed elasticità della pelle, luminosità e turgore, idratazione con conseguente diminuzione delle rughe sottili.

I prodotti utilizzati, assicurano una azione idratante data dall’acido ialuronico e quella biostimolante degli aminoacidi e dei minerali, che portano a livello dei fibroblasti il substrato adatto per sintetizzare nuove fibre collagene e nuove molecole di acido ialuronico.

L’Acido Ialuronico è un polisaccaride sintetizzato dai fibroblasti particolarmente rappresentato nella matrice extracellulare dei tessuti connettivi, costituito da residui di N-acetilglucosamina e acido glucuronico. Questa molecola adempie a numerose funzioni biologiche tra le quali, vi è il controllo del contenuto di acqua extracellulare. La sua notevole tollerabilità e le proprietà igroscopiche fanno si che sia un candidato ideale per la ridensificazione cutanea(1).

Tuttavia, il reale valore aggiunto della ridensificazione dermica dimora in quei componenti aggiuntivi la cui azione potenzia e completa gli effetti dell’AI, mirando, così, alla risoluzione di tutti gli inestetismi caratteristici di una pelle matura, senza trascurare alcun aspetto dell’invecchiamento cutaneo.

Con il procedere dell’invecchiamento, infatti, la cute, oltre a perdere densità ed idratazione, si opacizza, il pattern tissutale cambia e la capacità fotoriflettente diminuisce sensibilmente. Per tentare di ridurre queste modificazioni è stata non da molto tempo, sviluppata un’associazione di ben 8 aminoacidi (arginina, glicina, leucina, isoleucina, valina, lisina, treonina, e prolina), glutatione, acido alfa-lipoico e N-acetil-L-cisteina come agenti antiossidanti, vitamina B6, zinco e rame, che prende il nome di “Complesso Dermo-Ristrutturante". La scelta oculata di queste molecole bioattive è stata effettuata sulla base dell’anallergicità e della compatibilità con lo stesso acido ialuronico, ma soprattutto del loro meccanismo d’azione. In particolare, gli aminoacidi prendono parte alla ristrutturazione dei tessuti e alla regolazione dell’idratazione dell'epidermide; gli agenti antiossidanti svolgono un ruolo fondamentale nella difesa cellulare, le vitamine ed i minerali contribuiscono al metabolismo cellulare e sono, a loro volta, potenti antiossidanti.

Il trattamento di ridensificazione dermica, apportando una marcata ristrutturazione tissutale e stimolando la rigenerazione cellulare, rende la cute più liscia ed omogenea, ne incrementa la luminosità e riduce le rughe e le aree scavate. E’ quindi trova particolare indicazione nella riduzione dellle zone d’ombra del viso, del collo e del décolleté.

Le sedute di biorivitalizzazione vengono effettuate a cicli, in regime di prestazione ambulatoriale, non sono dolorose e non comportano effetti collaterali se non, in rarissimi casi, un leggerissimo rossore temporaneo o al più un piccolo livido legato al trauma dell’ago nell’ area di inoculo, che tende a scomparire spontaneamente nell’arco di due-tre giorni.

Non a caso qeusto trattamento presenta solo delle generiche controindicazioni, per altro di scarsa rilevanza clinica, come allergie al materiale da iniettare, dermatiti di tipo acuto ed infezioni in corso, come un’infezione da herpes simplex virus in fase attiva o gravidanza.

Durante la visita il medico esaminerà il vostro viso e collo, verificando le eventuali problematiche estetiche della pelle. Vi ascolterà per poter comprendere al meglio le vostre aspettative e le vostre esigenze, valutando se gli esiti dei trattamenti di biorivitalizzazione potranno soddisfarle; sarà fornita ogni informazione utile per il trattamento del vostro caso con durata, tempistica e come bisognerà agire sia durante il pre che durante il post trattamento.

Le sostanze biorivitalizzanti sono piacevoli per il paziente che si sottopone poichè prive di dolore, anzi la loro particolarità è che non prevedono l’uso di alcuna anestesia.

Attraverso una siringa con un micro-ago, vengono iniettate alcune gocce del prodotto biorivitalizzante nell’area di nostro interesse; con assenza di dolore, il che risulta gradito a chi si sottopone a questo trattamento estetico. Esistono varie tecniche che consentono di risolvere problemi di diverso tipo e gravità.

Il trattamento ha una durata di circa 30 minuti; al termine si possono immediatamente riprendere le normali attività, senza alcuna medicazione.

Non vi sono particolari effetti collaterali, anzi, solitamente nessuno; in rari casi può presentarsi un lieve rossore o un piccolo livido dovuto al trauma del micro-ago nella zona di inserimento, che tende a scomparire spontaneamente nel giro di pochi giorni.

Le normali attività possono essere riprese immediatamente, quindi si può ritornare subito alla vita di ogni giorno.

I risultati sono visibili fin dalla prima seduta estetica, la pelle è visibilmente più luminosa e rilassata. L’invecchiamento della pelle è un processo naturale e proprio per questo significa che, per mantenere la pelle tonica e compatta nel tempo sono consigliabili diversi cicli di mantenimento almeno due volte all’anno(2).

Il trattamento di biorivitalizzazione si effettua in modo periodico, in modo da combattere in modo efficace i segni dell’età. Anche le pelli giovani possono trarne giovamento, perché le sostanze impiegate assicurano idratazione profonda che ritarda la comparsa di inestetismi dovuti all’avanzare degli anni, contrastando il danno ossidativo.

 

 

Fonti:

https://www.societamedicinaestetica.it/it/abstract-3/93-tecniche-e-protocolli-di-biostimolazione/676-la-ridensificazione-dermica-un-plus-tra-le-tecniche-di-biorivitalizzazione.html

https://www.sicpre2018.it/plenaria-massirone

1 Nast A, Reytan N, Hartmann V, Pathirana D, Bachmann F, Erdmann R, Rzany B. Efficacy and durability of two hyaluronic acid-based fillers in the correction of nasolabial folds: results of a prospective, randomized, double-blind, actively controlled clinical pilot study. Dermatol Surg. 2011; 37: 768-775.

2 Charton E, Bourdon F, Peno-Mazzarino L, Lati E, Meunier S. Actions of the Redensity Dermo-Restructuring Complex on the dermis.

Dott.ssa Basile M. Gaetana (Tania)

Autore

Dott.ssa Basile M. Gaetana (Tania)

Medico Chirurgo - N. Iscrizione all' ordine: 8309 - Cosenza

in Viso

Articoli correlati

Bioristrutturazione con idrossiapatite di calcio

Nella mia attività quotidiana, spiega il dott. Samer Al Jalbout, aumenta sempre di più la richiesta di trattamenti di ringiovanimento...

medico

Dott. Al Jalbout Samer

Ultrasuoni microfocalizzati: il lifting senza bisturi del futuro

Oggi, spiega il dott. Bartolomeo Lofano - Specialista in chirurgia maxillo-facciale, parleremo di una tecnologia a bassissima invasività, che...

medico

Dott. Lofano Bartolomeo

Gli ultrasuoni microfocalizzati nella dermatologia estetica

Nella mia esperienza clinica di dermatologo, spiega il dott. Francesco Ricciuti – Dermatologo, ho prestato sempre molta cura ed attenzione al...

medico

Dott. Ricciuti Francesco

Acido polilattico

L'acido polilattico è un polimero dell'acido lattico di origine sintetica; prodotto tramite il processo di polimerizzazione ottenuto da processi...

Filler zigomi

Sempre più persone ricorrono alla medicina estetica per riempire i propri zigomi e definirli meglio tramite nuove tecniche come il filler zigomi....

medico

Dott. Fassi Raffaella Lavinia

Filler gel di agarosio

Oggigiorno le richieste di trattamenti di medicina estetica si orienta sempre di più in direzione di metodiche meno invasive, generalmente...

(massimo 1000 caratteri)

Commenta l'articolo