La terapia fotodinamica per l’acne

in Terapia fotodinamica

L’acne e la terapia fotodinamica, è questa la soluzione?
L'acne, nella sua forma più comune è conosciuta come acne vulgaris, viene definita come un'infiammazione della pelle caratterizzata da:

  • punti neri
  • brufoli
  • pustole rosse.

Queste lesioni appaiono più spesso sul viso, ma possono colpire anche altre aree del corpo come:

  • petto
  • schiena
  • braccia.

L'acne colpisce soprattutto gli adolescenti, ma può persistere in età adulta.
In effetti, il 90% degli adolescenti ne soffre e, secondo le statistiche è la patologia dermatologica con il più alto numero di consultazioni.
L'acne non è una malattia che mette in pericolo la vita di un individuo, ma di sicuro ne pregiudica la qualità. L’acne viene vissuta come un problema che può:

  • modificare i comportamenti
  • distorcere la visione della realtà
  • sconvolgere le persone che soffrono, a tal punto da provocare conseguenti problemi psicosociali.

L'acne può anche lasciare cicatrici permanenti.

La terapia fotodimamica per l’acne, quali sono le cause dell’acne?
Le cause sono diverse e di diversa origine, tra le più comuni abbiamo:

  • ghiandole sebacee. L'acne è causata da ghiandole sebacee iperattive, che producono una quantità eccessiva di grasso che ostruisce i follicoli consentendo così la proliferazione batterica che causa l’infezione.
  • Ormoni. L'attività degli ormoni può anche causare l'acne  o un aumento del numero di lesioni.

Durante la pubertà, gli ormoni, soprattutto gli androgeni (ormoni maschili), provocano la stimolazione della produzione di sebo dalle ghiandole sebacee. Questi ormoni sono presenti nelle donne come negli uomini, ma i maschi ne hanno quantità maggiori.
Nelle donne, questi ormoni possono provocare l'acne durante il ciclo mestruale .

La terapia fotodimamica per l’acne: Sintomi e complicazioni
L’acne si manifesta in modo diverso da individuo ad individuo. Le manifestazioni più comuni sono:

  • punti neri o bianchi
  • pustole o papule rosse
  • pustole e cisti.

Punti neri.
Chiamati anche comedoni, in genere sono di piccole dimensioni, sono superficiali, e non lasciano cicatrici.
Le pustole.
Queste sono le lesioni più comuni, e di solito sono il primo segno di acne.
Acne profonda.
L’acne profonda è la forma più grave di acne.
Si presenta con lesioni:

  • rosse
  • infiammate
  • con pus
  • dolenti al tatto.

Questo tipo di acne potrebbe comparire non solo sul volto, ma anche sulla schiena e sul torace.
Questa è la forma di acne più difficile da trattare. Nel caso di acne profonda, si osserva la presenza di:

  • pustole
  • cisti

in genere queste formazioni sono superficiali, ma nei casi più gravi sono presenti anche negli strati epidermici più profondi, che se si rompono lasciano fuoriuscire il pus provocando la formazione di altre lesioni.
Le cicatrici sono più comuni negli uomini perché alcune statistiche rivelano che sono meno propensi a consultare un medico.

La terapia fotodimamica per l’acne: cosa fare e cosa non fare
Ci sono delle regole da rispettare, semplicemente perché seguendole non si complica una situazione già abbastanza delicata, tra queste:

  • mai schiacciare i brufoli
  • mai forare o incidere le eruzioni cutanee
  • Lavare il viso 2 volte al giorno con un detergente leggero
  • tamponare la pelle leggermente per asciugarla
  • non lavare con movimenti energici
  • non sfregare con abrasivi la parte
  • Non usare saponi antibatterici
  • Cambiare asciugamano ogni giorno
  • Usare cosmetici non comedogeni
  • Lavare i capelli almeno 2 volte a settimana
  • Utilizzare, se necessario shampoo anti forfora
  • Liberare la pelle dal sudore e dal sebo più rapidamente possibile
  • I punti neri dovrebbero essere rimossi solo da un medico.

La terapia fotodimamica per l’acne: i Trattamenti complementari
La maggior parte dei detergenti per la pelle sono inutili e possono anche aggravare la situazione.
I medici raccomandano invece alcuni prodotti che possono avere una diversa efficacia:

  • Unguenti e lozioni contenenti perossido di benzoile, acido salicilico o zolfo sono disponibili senza prescrizione medica. Queste sostanze agiscono come agenti essiccanti, desquamanti, favoriscono l’apertura dei pori e contribuiscono a rimuovere le cellule morte della pelle. I loro effetti sono visibili  dopo circa 2 settimane, e questi prodotti devono essere utilizzati costantemente per mantenere la loro efficacia.
  • Contraccettivi orali. Alcune donne possono aiutare a regolare l'attività ormonale che causa l'acne con l’assunzione di contraccettivi orali. Su consiglio e prescrizione medica.  
  • Lozioni. Nei casi più gravi, una lozione antibiotica è generalmente efficace, sempre con prescrizione medica.
  • Antibiotici. L’acne profonda è spesso trattata con antibiotici per via orale, sempre e solo su prescrizione medica.
  • Ci sono farmaci da prescrizione (come isotretinoina, per esempio) per trattare efficacemente l'acne profondo. Tuttavia, essi devono essere prescritti con cautela in caso di donne. E 'quindi importante per discutere i rischi ed i benefici di questi farmaci con il medico.

La terapia fotodinamica  può trattare l'acne con successo?
L'acne è causata da un accumulo di cellule che bloccano l'apertura dei pori.
L'aumento della produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee porta ad accumulo di grasso favorendo così la proliferazione di batteri.  I batteri si moltiplicano e i tessuti circostanti si infiammano. Risultato: cisti e pustole.
Le applicazioni di terapia fotodinamica per l’acne implica un trattamento medico che usa delle soluzioni foto sensibilizzanti:

  • acido aminolevulinico
  • metil aminolevulinato

La soluzione fotosensibilizzante viene attivata da:

  • una sorgente di luce BLU
  • luce rossa

a secondo del fotosensibilizzante si dovrebbe raggiungere l’obiettivo preciso e distruggere le cellule che provocano l’infiammazione.  
Si possono trattare (attivando i fotosensibilizzanti endogeni all'interno dei batteri):

  • acne vulgaris
  • ghiandole sebacee iperplastiche.

Questo processo:

  • crea all'interno della ghiandola un ambiente tossico per i batteri
  • previene l'intasamento dei pori e la formazione di lesioni dell'acne
  • ridurrebbe la comparsa di pori dilatati
  • diminuirebbe la quantità di sebo
  • donerebbe una pelle più liscia e uniforme.


La terapia fotodinamica: in cosa consiste il trattamento
Sarà usata La soluzione fotosensibilizzante più appropriata.
La profondità a cui il farmaco fotosensibilizzante penetra nella pelle dipende dalla lunghezza d'onda della luce: più è elevato, più penetra in profondità.
La luce blu penetra nella pelle, mentre la luce rossa penetra più in profondità nel derma, sotto l'epidermide.

  • Una delle due soluzioni viene applicata nella zona da trattare.
  • Dopo un tempo dall’applicazione che varia dai 60 ai 180 minuti la soluzione viene quindi attivata dalla sorgente di luce rossa o luce blu.
  • La pelle diventa calda e bruciante durante e dopo l'attivazione soprattutto con la luce BLU

L'impatto della terapia fotodinamica per l’acne sulle attività quotidiane
Immediatamente dopo il trattamento, si noterà un leggero rossore, che si accentuerà il giorno dopo.
La pelle sarà molto sensibile alla luce, per cui è imperativo che si rimanga in un ambiente chiuso da 24 a 48 ore dopo la terapia.
Si noterà gli effetti secondari comuni da 3 a 4 giorni dopo il trattamento come:

  • Rossore
  • Secchezza
  • desquamazione della pelle.

La terapia fotodimanica per l’acne potrebbe fornire un valida soluzione al problema, ma richiede sempre la consultazione di un medico esperto che sappia esattamente cosa fare e come trattare al meglio il problema caso per caso. 

Articoli correlati

I rischi della terapia fotodinamica

I rischi della terapia fotodinamica sono in genere ridotti ed il trattamento è meglio tollerato di altri. Gli effetti secondari ed i rischi...

(massimo 1000 caratteri)

Commenta l'articolo