Il trapianto di barba

Autore: Dott.ssa Basile M. Gaetana (Tania)

Del: 18/06/2019

Una barba abbondante e folti baffi, sono diventati un ideale di bellezza oggigiorno per molti uomini, siano essi personaggi famosi o meno, considerando che non tutti hanno una barba folta e dall’aspetto sano.

Le cause di questo problema sono molte, stress, alopecia ereditaria o semplicemente perché non c’è mai stata una crescita uniforme nell’area della barba e dei baffi.

Grazie alle nuove tecniche di medicina estetica è possibile infoltire la propria barba, il trapianto di capelli nella barba è sempre più in voga considerando che è indolore, efficace ed economico.

 

Infoltire la propria barba diventa dunque possibile, grazie al trapianto, ma come ogni nuova tecnica che si rispetti vi sono sempre le dovute eccezioni.

 

Il trapianto di barba è una procedura finalizzata all’infoltimento della propria barba e basette che risultano essere insufficientemente dense. Le tecnica di trapianto dei capelli può essere efficacemente impiegata per restaurare i baffi, la barba e il pizzetto, nella rimozione delle cicatrici da acne e da ustione, per il trattamento del labbro leporino, oppure per sopperire ai problemi subentrati inseguito ad incidenti.

La fascia d'età che richiede il trapianto per infoltire la propria barba generalmente è quella tra i 20 ed i 40 anni.

 

Ogni caso è differente e richiede uno studio e un trattamento su misura, il medico specialista sarà in grado di analizzare la natura del problema, determinare il numero di follicoli da trapiantare e scegliere la giusta zona donante, così da ottenere i migliori risultati.

 

Bisogna effettuare uno studio accurato sull’area in cui i capelli verranno trapiantati per scoprire se si tratta di una forma di calvizie o semplicemente di una crescita irregolare dei propri capelli.

Una volta conosciuta l’area in cui verranno impiantati i capelli, si procederà a determinare quante unità follicolari sono necessarie ai fini dell’ottenimento dei risultati sperati, in modo che il trapianto sia il più naturale possibile e l’alopecia venga eliminata, indipendentemente dalla zona affetta (barba o capelli). Il numero di unità follicolari dipenderà dal singolo caso.

 

Gli innesti nella barba vengono eseguiti uno per uno, orientando la curvatura dei peli verso il viso con l’intenzione di rendere il più somigliante possibile la nuova barba a quella preesistente, donando un aspetto assolutamente naturale.

 

Un intervento di trapianto della barba richiede circa 5 ore, a seconda della quantità di follicoli da estrarre e quindi dall’estensione del lavoro da effettuare.

L’area donante è generalmente la nuca ed è possibile impiantare solo uno o due peli alla volta. I medici sono in grado di stabilire la quantità di innesti da trapiantare esaminando una fotografia del paziente. Va tenuta in considerazione la quantità di peli sul viso, oltre al risultato che il paziente desidera ottenere.

 

Grazie alle tecnologie innovative, il trapianto di barba è indolore, non causa perdita di sangue e promette un processo di guarigione rapido.

È possibile vedere dei buoni risultati già dopo il termine dell’operazione. Dopo solo una settimana, sul viso del paziente non vi saranno più tracce visibili dell’intervento.

 

Perché effettuare un trapianto di barba?

  • Risultati naturali in pochi mesi,
  • Alta densitá dei bulbi trapiantati,
  • Il risultato é naturale ed esteticamente soddisfacente,
  • I tempi di recupero sono immediati,
  • Il rapporto qualitá-prezzo é interessante,
  • Il trapianto di barba si puó combinare, talvolta, con quello dei capelli,
  • Quasi il 70% piú conveniente rispetto ad altri Paesi.

 

 

Con il trapianto di barba i tempi di recupero sono veloci; innanzitutto, in poco tempo si potrà notare  una barba folta, senza cicatrici e senza esiti post-intervento fastidioso. Infatti:

 

  • dopo circa 15 giorni dall’intervento si potranno utilizzare le forbici.
  • dopo circa 30 giorni si potrà utilizzare il regolabarba.
  • dopo circa tre mesi si potrà utilizzare il rasoio.

 

Nel caso in cui si desideri sfoggiare una folta barba e non si disponga di un’area donatrice sufficientemente ampia, è possibile ricorrere ad una tecnica che combina l’estrazione di peli dalla barba e peli da altre parti del corpo come ad esempio la schiena.

L’intervento viene eseguito in anestesia locale per tali motivi il paziente non avrà nessun fastidio.

 

Questa tecnica, comunemente nota come trapianto dei peli del corpo, consente risultati di grande successo integrandosi con il trapianto di peli dell’area di origine.

Ad una settimana dal trapianto, la zona interessata risulterà molto naturale alla vista. Il processo di guarigione della zona donatrice è veloce anch’esso ed in 15 giorni recupererà l’aspetto che aveva prima dell’operazione.

Dopo sei mesi i pazienti vedranno la maggior parte del risultato finale ed in 12-18 mesi sarà possibile ammirare una barba folta e naturale.

 

Scegliere un esperto di comprovata esperienza quando si tratta di sottoporsi a un trapianto di capelli, è molto importante.

 

Purtroppo molti uomini non hanno la possibilità di far crescere la barba nel modo in cui vorrebbero però grazie alla medicina estetica maschile il trapianto sta vivendo un vero e proprio boom ai fini della risoluzione di questo problema.

Al paziente dunque la scelta. Il consiglio, comunque, è sempre quello di documentarsi e consultare il parere di più medici, senza affidarsi subito alle mani di chi offre il prezzo migliore.


Link:

 

Dott.ssa Basile M. Gaetana (Tania)

Autore

Dott.ssa Basile M. Gaetana (Tania)

Medico Chirurgo - N. Iscrizione all' ordine: 8309 - Cosenza

in Viso

Articoli correlati

Filler viso: come scegliere quello giusto?

I filler non sono tutti uguali e non esiste un filler migliore di un altro. Esiste un filler migliore per te. Esistono sul mercato diverse...

medico

Dott. Midolo Riccardo

Medicina Estetica: Quando e perché due metodiche combinate insieme sono meglio di una

D/ Dottor Maronati, che cos’è la Medicina Estetica? R/ “ Medicina Estetica ” è il termine che definisce l’insieme di procedure non chirurgiche che...

medico

Dott. Maronati Guido

Radiofrequenza frazionata

La radiofrequenza frazionata è una innovativa metodica medica utilizzata per il ringiovanimento corporeo ; risulta essere molto efficace contro i...

Micropeeling

Micropeeling o peeling chimico? Il peeling è un trattamento atto all’eliminazione permanente dello spessore della pelle, a livello della parte più...

Bioristrutturazione con idrossiapatite di calcio

Nella mia attività quotidiana, spiega il dott. Samer Al Jalbout, aumenta sempre di più la richiesta di trattamenti di ringiovanimento...

medico

Dott. Al Jalbout Samer

Ultrasuoni microfocalizzati: il lifting senza bisturi del futuro

Oggi, spiega il dott. Bartolomeo Lofano - Specialista in chirurgia maxillo-facciale, parleremo di una tecnologia a bassissima invasività, che...

medico

Dott. Lofano Bartolomeo

(massimo 1000 caratteri)

Commenta l'articolo