C’è cellulite e cellulite: la soluzione è “tailor made”

Cellulite o adiposità localizzata: dalla diagnosi al giusto trattamento

Autore: Dott. Rana Mauro

Del: 05/02/2019

Nella mia esperienza clinica e di studio - afferma il dott. Mauro Rana, Specialista in Chirurgia Plastica e Dermatologia - mi accade spesso che si presentino in studio pazienti che, di fronte alla presenza di cuscinetti adiposi, riferiscono una diagnosi di cellulite “fatta in casa”, ovvero sulla quale sono loro ad effettuare la valutazione e non uno specialista esperto e preparato sul problema.

Questo è un terreno scivoloso sul quale spesso si genera confusione: il punto di partenza è sempre la definizione di quella manifestazione che può essere riconosciuta e certificata come vera e propria cellulite.

Spesso però, prosegue il dott. Mauro Rana, non si può parlare di vera e propria cellulite, quanto di adiposità localizzate in specifici punti del corpo: cuscinetti adiposi che si manifestano con culotte de cheval e “maniglie dell'amore”, tra gli inestetismi più temuti dalle donne e troppo spesso erroneamente scambiato per cellulite.

 

Differenza tra adiposità localizzata e cellulite

Adiposità localizzata e cellulite sono condizioni che affliggono molte donne. Per affrontarle nel migliore dei modi e trovare i giusti rimedi è importante comprenderle e intuire come e per quale ragione, cellulite e adiposità localizzate, si manifestano ma soprattutto fare la diagnosi. Succede spesso, infatti, di confondere i cuscinetti adiposi con la cellulite. Scoprire quali differenze ci sono ed il loro significato, dunque, è rilevante.

Con l’espressione adiposità localizzata si delinea l’esistenza di un tessuto significativamente ricco di adipociti rispetto ad altre aree del corpo.

Gli adipociti sono cellule del tessuto connettivo specializzate nella produzione e conservazione del grasso. La cellulite si riferisce a una condizione visibile sulla superficie della pelle, un aspetto increspato che viene paragonato ad una buccia d'arancia causato da un’alterazione del tessuto sottocutaneo e dei setti che lo racchiudono.

Le adiposità localizzate e i cuscinetti adiposi possono essere un problema anche per le persone che non sono sovrappeso e svolgono attività fisiche.

La cellulite e l’adiposità localizzata sono collegate perché essenzialmente hanno una relazione di causa ed effetto. Sebbene, però, esista una relazione tra di loro, vi sono altri fattori che contribuiscono all'accumulo di cellulite, come sesso, invecchiamento, inattività e stress.

Per tale ragione è importante, e necessario, fare una diagnosi accurata, perché non tutte le forme di cellulite possono essere trattate nella stessa maniera. Effettuare una corretta diagnosi è dirimente e consente un approccio al problema diverso caso per caso, per poter ottenere il miglior risultato.

Ad esempio, spiega il dott. Mauro Rana, se ci si trova dinnanzi ad una retrazione cutanea, il metodo più sicuro, certificato FDA per poter eliminare in via definitiva il problema, è certamente la subcision guidata.

 

Subcision guidata per la retrazione cutanea

La subcision guidata è una tecnica mininvasiva, particolarmente utile nel trattamento delle condizioni in cui i setti fibrosi sottocutanei tirano verso l’interno la superficie della pelle, causando i comuni “buchi” della cellulite.

La tecnica di subcision guidata è estremamente valida e trova, dunque, indicazione quando sono presenti depressioni cutanee che determinano avvallamenti presenti, spessissimo, a livello gluteo e a livello delle cosce.

La procedura ambulatoriale viene eseguita in anestesia locale utilizzando una speciale micro-lama che permette di recidere i setti fibrosi retraenti.

 

Trattamenti per adiposità localizzata o cuscinetti adiposi

Nel caso in cui invece sia importante l'eliminazione di cuscinetti adiposi che disturbano perché appesantiscono la silhouette, l'azione migliore, conclude il dott. Mauro Rana, è quella di eliminarli per via chirurgica asportandoli o suggendoli con un’aspirazione. In alternativa, è possibile in alcuni casi utilizzare altre tecniche, quali i dispositivi di ultima generazione, come gli ultrasuoni focalizzati e lipolaser, che permettono di agire direttamente sull’adiposità localizzata sciogliendo il grasso. Ancora è possibile ridurre i volumi di grasso localizzato da aree specifiche quali i fianchi tramite liposcultura, intervento di chirurgia estetica all'avanguardia nel settore di rimodellamento del corpo.

Rana Mauro

Autore

Dott. Rana Mauro

Medico Chirurgo
Putignano (BA)

Profilo Contatta

Chiedi una consulenza gratuita all'autore

Dott. Rana Mauro

Articoli correlati

Carbossiterapia e mesoterapia

La cellulite è un fenomeno particolarmente diffuso tra le donne e conferisce alla pelle di cosce e glutei l’aspetto a buccia d'arancia . Nonostante...

medico

Dott. Garofano Giorgia

Scacco matto alla cellulite

Abbiamo chiesto al dott. Aldo Majani, Chirurgo Plastico dell’Ambulatorio Chirurgico MIAS di Catania, di parlarci di uno degli inestetismi che più...

medico

Dott. Majani Aldo

Advanced beauty Technologies: la cellulite ha perso l'immortalità

La cellulite colpisce 1,4 bilioni di donne in tutto il mondo pari all’85% della popolazione femminile a livello mondiale. E’ un fenomeno che dilaga...

medico

Dott. Migliori Ginevra

La cellulite: cause ed evoluzione dei trattamenti

La cellulite è un’ infiammazione del tessuto sottocutaneo del grasso della pelle, ma già 150 anni fa i francesi coniarono questo termine per...

medico

Dott. Galimberti Michela Gianna

Subcision guidata: novità contro la pelle a buccia d'arancia

La subcision guidata rivoluziona il trattamento a lungo termine della cute a buccia d’arancia, uno dei sintomi della cellulite più odiati dalle...

medico

Dott. de Fazio Stefania

Cellulite e rimodellamento corporeo: le più innovative opzioni di trattamento

I pazienti, sia gli uomini che le donne, sono sempre più interessati al rimodellamento corporeo e all’armonia del corpo, che è data sia dalla...

medico

Dott. Fortunato Regina

(massimo 1000 caratteri)

Commenta l'articolo