Mentoplastica: riduttiva, additiva, costi,

La Mentoplastica è la chirurgia estetica del mento.
L’intervento di mentoplastica può:

  • correggere dei difetti
  • migliorare l’aspetto estetico del volto
  • ripristinare la funzionalità della bocca

Perché si ricorre alla mentoplastica
La mentoplastica può essere eseguita per diversi motivi:

  • correggere malformazioni del mento derivanti da anomalie dello sviluppo delle ossa della mascella, con conseguente asimmetria facciale
  • rimodellare un mento che è sproporzionato rispetto ad altre parti del viso
  • Come parte della ricostruzione cranio-facciale a seguito di traumi o chirurgia del cancro
  • Come parte della chirurgia ortognatica. (La Chirurgia ortognatica consente il riposizionamento delle ossa del viso per correggere le deformità che influenzano la capacità del paziente di parlare o masticare normalmente).

Chi ricorre alla mentoplastica
La mentoplastica si esegue sugli adulti.
La mentoplastica non è tra le procedure più eseguite in chirurgia plastica o estetica.
L’intervento di mentoplastica è generalemente combinato con altri interventi di chirurgia plastica o estetica, ad esempio:

  • rinoplastica
  • lifting facciale
  • blefaroplastica

Le donne ricorrono alla mentoplastica più degli uomini.
I tipi di mentoplastica: mentoplastica additiva e mentoplastica riduttiva
La Mentoplastica può essere classificata in 2 categorie:

  • Mentoplastica additiva. Si tratta della chirurgia che usa delle procedure che aumentano il mento di piccole dimensioni o sfuggente
  • Mentoplastica riduttiva. Sonole procedure di chirurgia che riducono il mento grande, sporgente o prognato

Aumentare le dimensioni del mento è più frequente rispetto alla riduzione del mento ( il mento sfuggente è la più comune anomalia del mento).

Mentoplastica additiva: Aumento del mento
L’Aumento del mento può essere eseguito con 2 tecniche:

  • inserendo un impianto sotto la pelle del mento
  • eseguendo una mentoplastica scorrevole (nei casi in cui non si possa intervenire con l’inserimento di una impianto protesico)

la Durata dell’intervento di mentoplastica additiva varia a secondo del tipo di intervento:

  • L’Inserimento di un impianto richiede 30-60 minuti
  • genioplastica scorrevole (mentoplastica scorrevole)  richiede dei tempi leggermente più lungi, 45-90 minuti.
  • combinata con la chirurgia ortognatica, l'intervento può richiedere fino a 3 ore.

Mentoplastica additiva: l’impianto
In pazienti con microgenia lieve o moderata si possono usare degli impianti, che non sono altro che delle protesiin materiali sintetici biocompatibili (sono materiali organici perché riducono il rischio di infezione).
Per inserire l'impianto, il chirurgo può scegliere di fare l'incisione:

  • sotto il mento (sottomentoniero)
  • all'interno della bocca (intraorale)

Il chirurgo ricava una tasca nel tessuto connettivo all'interno del mento dove L'impianto sterile viene inserito e posizionato correttamente.
L'incisione viene chiusa e la ferita coperta da garze sterili.

Mentoplastica additiva: la tecnica con chirurgia scorrevole
Una mentoplastica scorrevole può essere eseguita se il mento del paziente è troppo piccolo per ricorrere all'aumento del mento con un impianto, o se la deformità è più complessa.
In questa procedura, il chirurgo taglia la mandibola e rimuove parte dell'osso.
Si sposta il segmento osseo in avanti, tenendolo in posizione con piastre metalliche e viti.
Dopo aver fissato il segmento osseo in posizione, l'incisione è chiusa e la testa del paziente è bendata con una medicazione che deve esercitare una certa pressione sulla parte trattata.

Mentoplastica riduttiva
La Riduzione di un mento eccessivamente grande, sporgente o prognato può essere eseguita in 2 modi diversi:

  • riduzione diretta
  • riduzione scorrevole

In una riduzione diretta, il chirurgo esegue l’intervento sia tagliando sotto il mento o facendo un'incisione intraorale e rimuove l'eccesso di osso dal mento con una fresa.
Una riduzione scorrevole, è una tecnica simile a quella per aumentare il mento (genioplastica scorrevole o mentoplastica scorrevole), tranne che per il riposizionamento del segmento osseo, che in questo caso  viene spostato all'indietro piuttosto che in avanti.

La mentoplastica: la Diagnosi
La valutazione diagnostica consiste in:

  • analisi facciale
  • storia dentale
  • storia medica completa

Nell'analisi del viso, il volto è diviso in 3 parti.  
Il chirurgo confronta le proporzioni al fine di determinare la procedura più adatta per riequilibrare l’aspetto del volto.
Storia dentale. Sono necessarie la storia e i raggi dei denti, del cranio e della mascella, al fine di determinare se la sproporzione del viso potrà essere corretta da un impianto (se si dovrà ricorrere alla chirurgia estetica), se sarà necessaria la chirurgia ortognatica o una combinazione di interventi chirurgici.
I pazienti che hanno una malocclusione grave (contatto irregolare tra i denti nella mascella superiore e inferiore) o deformità delle ossa facciali dovranno rivolgersi ad uno specialista maxillo-facciale per la chirurgia ricostruttiva.
Valutazione delle aspettative. Infine, il chirurgo valuterà il paziente per rilevare eventuali segni di instabilità psicologica, tra aspettative irrealistiche dei risultati della chirurgia.

Mentoplastica: Preparazione all’intervento
Le indicazioni più comuni da seguire prima della chirurgia sono:

  • smettere di fumare
  • sospendere tutti i farmaci contenenti acidoacetil salicilico o FANS per 2 settimane prima della mentoplastica.
  • Usare un detergente antibatterico per il viso
  • Usare un collutorio 3volte al giorno per 2 giorni prima dell'intervento chirurgico intraorale
  • Non mangiare o bere nelle 8 ore prima dell’intervento

Mentoplastica: Dopo l’intervento
I pazienti richiedono assistenza, dopo la procedura.
Sono prescritti farmaci per il dolore e antibiotici per ridurre il rischio di infezione.
La maggior parte dei pazienti possono tornare al lavoro in 7 a 10 giorni.
Altri aspetti del post-intervento includono:

  • una dieta liquida o cibi semi liquidi
  • sollevare la testa con cuscini
  • risciacquo della bocca
  • evitare esercizio fisico per circa 2 settimane

Mentoplastica: I Rischi

  • Infezioni
  • Emorragie
  • reazione allergica alla anestesia
  • deformità del mento
  • lesioni al nervo del mento
  • erosione dell'osso sotto l'impianto
  • spostamento dell'impianto
  • estrusione dell'impianto
  • sovra o sotto-correzione del difetto
  • non si è correttamente riposizionato il segmento osseo con le altre parti della mascella
  • danni alle radici dei denti
  • ematoma (può danneggiare i risultati a causa della pressione che distorce la forma finale del mento)

Mentoplastica: I Risultati
I Risultati della mentoplastica additiva (aumento) o della mentoplastica riduttiva (riduzione) includono:

  • la correzione delle asimmetrie facciali e le sproporzioni
  • Il miglioramento della funzionalità della mandibola

I pazienti di solito molto soddisfatti dei risultati.

Mentoplastica: le Alternative mini invasive
Alcuni pazienti preferiscono il rimodellamento eseguire il rimodellamanto del mento con una procedura temporanea o mini invasiva per poi decidere se sottoporsi alla mentoplastica.

I filler, acido ialuronico
In particolari casi è possibile aumentare il mento con l’introduzione di acido ialuronico. La sostanza infiltrata è riassorbibile e quindi l’intervento è reversibile.

Il lipoffiling, Iniezioni di grasso.
In alcuni casi, il grasso autologo( grasso prelevato dallo stesso paziente, trattato e purificato) può essere iniettato nella zona sotto il mento.
Questa tecnica presenta dei limiti nelle sue applicazioni, perché si rivolge ai casi di dimensioni ridotte del mento.
Inoltre, le iniezioni di grasso devono essere ripetute periodicamente, perché il grasso viene gradualmente assorbito dal corpo.

La Liposuzione
La Liposuzione del viso può essere usata in combinazione o al posto della mentoplastica per migliorare il profilo del paziente. In particolare, la rimozione del tessuto adiposo sotto il mento può far sembrare un mento sfuggente più grande e più importante.

La mentoplastica consente di recuperare l’armonia estetica e le proporzioni del viso, ma la mentoplastica si propone di corregge anche tutte quelle deformazioni che possono condizionare in negativo la qualità della vita.

Articoli correlati

La mentoplastica riduttiva

La mentoplastica riduttiva , è la riduzione chirurgica del mento che pregiudica le proporzioni del viso perché grande, sporgente o prognato. La...

La mentoplastica additiva

La Mentoplastica additiva , è un intervento di chirurgia estetica che si esegue su chi deve, per varie ragioni (estetiche o funzionali) aumentare...

Il Mento sporgente

Il mento sporgente si può correggere con il rimodellamento dell'osso e altri tessuti strutturali. Un intervento chirurgico di riduzione estetica...

Mento sfuggente

Che cosa è un mento sfuggente? Il mento sfuggente è un mento piccolo, arretrato o incassato. Il mento sfuggente potrebbe rappresentare un problema...

Mentoplastica additiva e riduttiva, quando serve?

La mentoplastica è una pratica chirurgica utilizzata, generalmente, per rimodellare il mento, sia in forma additiva (aumento) sia in forma...